Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
13 min
Voleva fare una strage a scuola: ecco la sentenza
Il 21enne è stato condannato a 7 anni e mezzo sospesi, in modo da potersi curare in una struttura adeguata.
CANTONE
23 min
Traffico congestionato sulle strade ticinesi
Il maltempo contribuisce a peggiorare la situazione, specie nel Luganese. Rallentamenti sia sull'A2 che sulle cantonali
MENDRISIO
35 min
Casinò: solo Zurigo meglio di Mendrisio
Con una cifra d'affari di 70 mio. di fr., in Svizzera il Casinò Admiral è secondo solo a quello di Zurigo.
CANTONE
49 min
«Il Governo non ha imparato la lezione»
Per l'MPS il Consiglio di Stato sta ripetendo gli errori commessi all’inizio della prima ondata.
LOSONE
1 ora
Ex caserma, il Municipio punta sull'Accademia Dimitri
Trattative in corso per far nascere nella struttura un polo culturale del Locarnese
CHIASSO
1 ora
Tessera sconto per i cittadini di Chiasso
Il Municipio desidera sostenere i commerci e gli esercizi pubblici della città
LUGANO
1 ora
Appello per ripulire le sponde del Cassarate
La Commissione di quartiere cerca volontari per la mattinata di pulizia prevista domani
CAMORINO
1 ora
Lite al centro asilanti, un arresto
Due ospiti del bunker di Camorino sono venuti alle mani. Scattano le manette
CANTONE
2 ore
Nuovi focolai in due feste private
«Dobbiamo mantenere alta la guardia». De Rosa e il governo introducono nuove disposizioni per contenere l'epidemia
CANTONE
3 ore
Sciopero alla Walo: «Il virus non cancella i diritti dei lavoratori»
Il Partito Comunista chiede al Governo di schierarsi: «Non nasconda la testa sotto la sabbia»
CANTONE
3 ore
Perché il nome di quel ragazzo è sul sito del Cantone?
Strage sventata alla Commercio: il giudice Mauro Ermani chiedeva privacy per l'imputato. Ma poi...
LUGANO
4 ore
«Creazione culturale nell'area di Besso-Massagno»
Una mozione chiede di convertire alcuni edifici in spazi per teatro, danza, musica e cinema.
TICINO
5 ore
E-bike: regole di comportamento
Nel 2019 gli incidenti con biciclette elettriche sono stati 31
CANTONE
5 ore
Tre Stelle Michelin per il 130mo del San Salvatore
Per il terzo consecutivo, il “pan di zucchero luganese” si è visto confermato l’autorevole riconoscimento
CANTONE
5 ore
Dopo le medie: la metà opta per la formazione di base
Il 44% intende iscriversi al liceo o alla Scuola cantonale di commercio.
CANTONE
5 ore
Un temporale, quasi 10 gradi in meno
È accaduto ieri a Lugano. Altrove raffreddamenti, ma non così marcati
LUGANO
6 ore
Crediti Covid, arrestato un "furbetto" nel Luganese
Oltre 600mila franchi usati, in realtà, per spese personali. In manette un 47enne italiano
CONFINE
6 ore
Falso disinfettante sequestrato dalla guardia di finanza
La società operante nel milanese commercializzava indebitamente il liquido anche online
CANTONE
6 ore
Si torna a sparare (ai cinghiali) a 50 metri dalle abitazioni
La novità contenuta nel regolamento venatorio 2020
LUGANO
6 ore
Ail, utile di 57 milioni
Sorridono i conti della municipalizzata luganese. Che nonostante il Covid «guarda al futuro con fiducia»
CANTONE
6 ore
Covid: i casi ticinesi crescono anche oggi
Invariato, invece, il numero dei deceduti a causa del virus che resta fermo a quota 350
CANTONE
7 ore
Il Municipio sotto accusa per presunti abusi edilizi
La Lega chiede alla Sezione degli enti locali di «ristabilire la legalità negli spazi dell'ex caserma»
FOTO E VIDEO
LUGANO
9 ore
Incendio sul balcone, arrivano i soccorsi
Il rogo è scoppiato questa mattina a Viganello.
BELLINZONA
9 ore
La Cantina di Giubiasco ha un nuovo direttore
Si tratta di Michele Conceprio, 56enne ingegnere in enologia e viticoltura
CANTONE
21.06.2020 - 20:000

Bus e treni ci sono, ma mancano ancora molti passeggeri

Sui mezzi pubblici attualmente si osserva un calo di utenti del 40-50% rispetto al periodo precedente alla pandemia

Per garantire il mantenimento delle distanze sociali, la TPL ha comunque introdotto alcune corse supplementari sulle linee di solito più affollate

Bus e treni

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO - Dopo diverse settimane di lockdown, da oltre un mese bus e treni sono tornati alla normalità. Ma si tratta di una normalità che riguarda soltanto la frequenza delle corse, in quanto sono ancora pochi i passeggeri a bordo dei mezzi. E non si tratta solo di una percezione, lo confermano anche i dati: «Rispetto al periodo pre-pandemico, si stima un calo dei passeggeri nella misura del 40%» ci dice per esempio Roberto Ferroni, direttore della Trasporti pubblici luganesi (TPL). Per quanto riguarda invece Autopostale, da Berna un portavoce ci fa sapere che «all'inizio del lockdown gli utenti erano scesi al 20% rispetto alla situazione precedente, mentre ora siamo circa al 50%».

L'attuale calo degli utenti non riguarda comunque soltanto i mezzi su gomma: anche la ferrovia è confrontata con poca richiesta. Per i treni a lunga percorrenza si parla di una frequentazione diminuita del 45%, mentre per quelli regionali del 55%, come riferito dalla SonntagsZeitung.

Corse supplementari - In determinati orari, comunque, sugli autobus della TPL gli utenti non mancano. E l'azienda ha sinora fatto il necessario per assicurare il mantenimento delle distanze sociali sui mezzi. «Tutte le nostre linee venivano monitorate con attenzione al fine di poter intervenire puntualmente e prontamente laddove necessario». Le linee che hanno necessitato di corse supplementari, osserva Ferroni, «sono state la 3, la 5 e la 7, che di fatto sono quelle che hanno registrato e che registrano solitamente un numero più importante di passeggeri». Inoltre, pur rilevando un numero di viaggiatori inferiore al solito, una tendenza al rialzo si sta comunque osservando: rispetto alla prima settimana del ritorno all'orario ufficiale, si parla di un aumento del 33%.

Nuove abitudini - Nonostante il graduale allentamento delle disposizioni Covid-19 e il conseguente ritorno a una nuova normalità, le imprese di trasporto stanno dunque ancora facendo i conti con molta incertezza. «La pandemia e le diverse misure di contenimento - afferma ancora Ferroni - hanno generato molteplici cambiamenti delle abitudini di tutti quanti». Molte persone lavorano ancora da casa, certe scuole erano rimaste chiuse e altre avevano riaperto a regime ridotto, poi c'è chi ha scelto di spostarsi coi mezzi privati, per esempio anche in bicicletta.

A quando la normalità? - Per un ritorno alla normalità vera e propria, perlomeno sul fronte degli utenti, è al momento difficile fare previsioni. «Partiamo dal presupposto che il numero di passeggeri continuerà ad aumentare» ci dicono da Autopostale. Ma il ritorno a una situazione pre-pandemia «dipende da molti fattori che non possiamo prevedere», per esempio il rientro in ufficio di coloro che stanno ancora lavorando da casa. TPL si dice fiduciosa e spera nel ritorno alla normalità per il prossimo settembre. «Siamo anche consapevoli che potrebbe trattarsi di una nuova normalità, frutto dell'esperienza vissuta, che potrà portare delle modifiche alle abitudini in tanti settori».

Le perdite finanziarie - Nel frattempo - come scritto dalla SonntagsZeitung - il settore del trasporto pubblico deve comunque considerare perdite finanziarie importanti, sia per il periodo del lockdown sia per il calo degli utenti in questa fase post-pandemica. Si parla di una cifra compresa tra 1,5 e 1,8 miliardi di fatturato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Susana Mondaca 1 sett fa su fb
è treni locale caro, SENPRE in ritardo, servizi km.ooo wc chiusi.. sporchi, furore uso x desable abbonamento di incubo prima del cobit SENPRE espoqui??? la ffs aperso la immagini del buon treno??? cambia immagine...
Leila Bianchi 1 sett fa su fb
Beh, più che il virus a me fa una gran paura stare sul bus con la mascherina e senza aria condizionata. Premetto che non guido e che posso lavorare da casa, dal 12 marzo ho preso il bus 2 volte e per fortuna a pioveva ( settimana scorsa). Oggi credo che sarei asfissiata o bollita.
Damiano La Falce 1 sett fa su fb
Viganello - Lugano centro / circa 4fr Fatevi due domande 🙃
Vins Londino 1 sett fa su fb
Damiano La Falce hai sbagliato biglietto damià 😂
Damiano La Falce 1 sett fa su fb
Vins Londino 2 zone 4.60fr 😉
Vins Londino 1 sett fa su fb
Damiano La Falce e ma da viganello al centro sono 2.30 invece andata e ritorno si sono 4.60 😂✌
Vins Londino 1 sett fa su fb
Damiano La Falce si ma da viganello al centro sono 2.30 😂
Milano Milano 1 sett fa su fb
Ho fatto adesso un biglietto per un ragazzino Lugano Locarno 17 chf...solo andata ovviamente
Laurence Müller 1 sett fa su fb
Milano Milano Pensi quando bisogna fare il biglietto per 4 figli!
Susana Mondaca 1 sett fa su fb
il tilo aparte de esere caro io mi sono trovata, in difficoltà con la carrosela in il vagone x desable SENPRE rote le porte no funziona furore di uso servizio km. O ma le abbonamento un incubo 😭😭😡😡
sedelin 1 sett fa su tio
Io la mascherina non la metto e non la metterò mai. E vado in bus, come molti conoscenti. Se l’uso della museruola diventasse obbligatorio noi non utilizzeremo più il bus.
sedelin 1 sett fa su tio
@sedelin È la risposta a lourmarin qui sotto
F/A-18 1 sett fa su tio
Penso che chi puntava tutto sui mezzi pubblici dovrà ricredersi. Pvp, spesi milioni per incasinare tutta la città, bus sempre vuoti, però hanno la precedenza su tutto, deleterio. Mezzo miliardo che poi diventerà come sempre il doppio per allungare la tratta del trenino dei puffi da Bioggio fino a Manno con solo 400 posti auto, assurdo. Io penso sia meglio emigrare dove tutto costa meno e dove la vita è più semplice e vivibile, qui è troppo un caos e tanti non riescono a vivere.
Lourmarin 1 sett fa su tio
Provate ad obbligare finalmente il fatto di portare le mascherine sui trasporti pubblici e nei luoghi pubblici e rivedrete i clienti. Illusi irresponsabili a non imporre nessun obbligo
Simo66 1 sett fa su tio
Obbligare a portare la mascherina, si possono acquistare i biglietti a bordo,chi sale deve avere la mascherina. ci sono i cartelli sulle porte dei bus! smettiamola di piangere che non ci sono passeggeri,Ci sono eccome sui bus , senza distanze e senza mascherina.la gente se ne frega. e chi ci va di mezzo sono gli AUTISTI!!!!!!! buona giornata
Andy Baum 1 sett fa su fb
O sparisce il covid o introducete l'obbligo della mascherina (se la metto io non mi protegge se la mette un asintomatico protegge tutti), se no io i mezzi pubblici non li prendo più (molti la pensano come me)
Davide Bianco 1 sett fa su fb
Condivido al 100%
lollo68 1 sett fa su tio
Non avete aperto i licei ed ora ci sono le vacanze scolastiche! Mia figlia se esce la sera o rientra dopo cena non può tornare fino a casa con i mezzi pubblici: mi tocca fare 8 Km in auto per andare a prenderla! Sono stati annullati i corsi di nuoto che i miei figli frequentavano ogni anno finita la scuola e, orari permettendo, usavano i mezzi pubblici per andarci.
Gladys Roland Brender 1 sett fa su fb
Quindi, come persona responsabile, ho deciso di evitare il treno e di andare in macchina.
sedelin 1 sett fa su tio
perdite finanziarie, corse supplementari con inquinamento supplementare per un microbo eletto re.
Dany Elia 1 sett fa su fb
Ma come? Nei bus la gente c’è eccome! Per giunta la maggior parte non ha la mascherina!
Alice Crivelli 1 sett fa su fb
Obbligate a mettere le mascherine ai passeggeri e vedrete che aumentano subito
Matteo Caiata 1 sett fa su fb
Saranno anche diminuiti, ma per far girare l'economia ci godete tanto quando a tutte le ore ci sono treni sovraffollati e magari senza potersi sedere o essere per forza sempre in 4 per scompartimento. Le vostre pretese sono esagerate e dovrebbero concentrarsi su un minor costo degli abbonamenti e su più collegamenti nazionali che non siano svolti da treni internazionali come l'eurocity sempre in ritardo! Cercate di mettere la vera chiesa al centro del villaggio e non qualcos'altro.
Mar Mer 1 sett fa su fb
Matteo Caiata La vera chiesa?
Matteo Caiata 1 sett fa su fb
Era un modo per dire che invece di farci trasportare stipati come su un carro del bestiame stretto e in ritardo, affollato e costoso, si devono concentrare a ridare un servizio in cui non diventi uno stress viaggiare e fare quasi litigate per un posto a sedere se è quasi tutto pieno il treno. Questo è quello che penso che alle ditte di trasporti debba cambiare. Stessa cosa i bus alla sera dovrebbero circolare da almeno 10 anni a Lugano con maggior frequenza invece di schiacciare la gente nei piccoli bus pure in ritardo perché credono che non c'è gente e nè traffico e allora pensilina-lamone pretendo ci si arrivi in 15 minuti quando non è vero.
Cristina Ravì Fontana 1 sett fa su fb
Per forza su 100 persone solamente il 10/15% porta le mascherine...😡
pillola rossa 1 sett fa su tio
Utenti terrorizzati grazie alla propaganda.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-03 16:52:55 | 91.208.130.85