Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
29 min
Inchiesta ex Macello: i municipali saranno interrogati martedì
Entrano nel vivo le verifiche ordinate dal Ministero pubblico rispetto alla procedura di demolizione dello stabile.
CANTONE
19 ore
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
RONCO SOPRA ASCONA
19 ore
Antonio Ciseri, un itinerario tra edifici civili e religiosi
In occasione del bicentenario della nascita è stato ideato un percorso per scoprire le opere del pittore
FOTO E VIDEO
CANTONE
23 ore
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
LUGANO
1 gior
La benedizione di barche e natanti sul Ceresio
La impartirà domenica pomeriggio il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri
FOTO
ACQUAROSSA
1 gior
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
1 gior
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
1 gior
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha 28 nuovi avvocati e avvocate
La cerimonia di promozione si è tenuta oggi nell'Aula Magna dell'Università della Svizzera italiana.
CANTONE
1 gior
Riparazioni e incentivi, due novità per le carrozzerie
Ha avuto luogo la 64esime assemblea di Carrosserie Suisse Sezione Ticino
CANTONE
1 gior
Occhio ai radar, ecco dove
La polizia ha diffuso la lista dei controlli mobili previsti per settimana prossima
TENERO
1 gior
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
TICINO/GRIGIONI
1 gior
Il Lucomagno si prepara all'esplosione
Ancora chiusa la strada del passo. Lavori in corso sulla parete che ha ceduto
CANTONE
03.05.2020 - 20:000

La galleria stradale del San Gottardo: tutto cominciò cinquant'anni fa

Partì il 5 maggio 1970 la costruzione del tunnel. In dieci anni morirono diciannove minatori

AIROLO/GÖSCHENEN - La costruzione della galleria stradale del San Gottardo è iniziata cinquant'anni fa, il 5 maggio del 1970. Il Ticino doveva avere un collegamento tutto l'anno per il traffico individuale verso il resto della Svizzera e agli abitanti dei cantoni al nord per raggiungere più rapidamente il soleggiato sud al volante delle loro auto.

La costruzione è durata tre anni più del previsto e i costi sono risultati di oltre il doppio dell'importo stimato: 686 milioni di franchi invece di 306 milioni. Metà del conto supplementare era dovuto all'inflazione, un quarto a problemi geologici e il resto a modifiche progettuali e investimenti che si sono rivelati necessari durante gli undici anni di costruzione.

Nei cantieri di Airolo e Göschenen hanno lavorato contemporaneamente fino a 800 operai, 24 ore al giorno, a turni, per un totale di 9,2 milioni di ore. Hanno fatto esplodere 2,8 milioni di chili di esplosivo e hanno rotto 1,6 milioni di metri cubi di roccia, che corrispondono al volume di quasi 3'000 case monofamiliari.

Nel corso dei lavori sono rimasti uccisi diciannove minatori. Per la galleria lunga quasi diciassette chilometri ciò corrisponde circa a un decesso per chilometro di galleria e per minuto di guida.

Immigrati e razzismo - La fluttuazione della manodopera era inizialmente elevata. Migliaia di immigrati, soprattutto dall'Italia ma anche da altri paesi europei, hanno lavorato in questo tunnel. Isolati e con pochi svaghi, inizialmente hanno anche dovuto affrontare il razzismo degli indigeni, che non hanno guardato molto favorevolmente a questa popolazione che andava e veniva man mano che il lavoro procedeva. Erano dei "Tschinggen" (termine dispregiativo per indicare gli emigrati italiani).

Il fantasma dell'"inforestieramento" era nella mente della gente del posto; non volevano integrare troppo bene gli stranieri. Ma poiché solo un lavoratore felice è un buon lavoratore, gli abitanti di Göschenen hanno poi reso più facile il ricongiungimento delle loro famiglie, hanno costruito una scuola e ampliato le possibilità di fare acquisti.

Questi lavoratori si sono sentiti investiti del loro compito. Nelle immagini televisive trasmesse in tutta Europa il 16 dicembre 1976, in occasione della caduta dell'ultimo diaframma, si vedono molti di loro trattenere le lacrime agli occhi.

L'apertura nel 1980... e gli effetti - Il 5 settembre 1980 alle 17 il tunnel fu aperto al traffico. Nel suo discorso d'inaugurazione il consigliere federale Hans Hürlimann, democristiano di Zugo, ha ricordato i legami secolari tra la Svizzera e il San Gottardo. «Culla delle acque e crocevia tra nord e sud, il Gottardo è sia il luogo dove il nostro Stato ha le sue radici sia il simbolo della nostra libertà strenuamente difesa. Preghiamo affinché questa opera del lavoro umano sia una benedizione per il popolo».

Ma la benedizione è stata offuscata dal traffico motorizzato. La valanga di automobili ha svalutato il valore delle case e la qualità della vita di chi viveva vicino all'autostrada. I villaggi che non sono più stati attraversati dalla circolazione hanno sofferto economicamente. A Gurtnellen, per esempio, hanno dovuto chiudere tutti gli alberghi tranne uno. L'inquinamento atmosferico ha fatto ammalare gli alberi, e il diradamento delle foreste a protezione delle valanghe ha fatto temere che si dovessero evacuare dei villaggi a causa del pericolo.

Il traffico pesante - Hürlimann si è decisamente sbagliato soprattutto su un punto: nel suo discorso ha detto che il tunnel non era stato progettato quale corridoio per il traffico pesante e il trasporto delle merci. La realtà è stata diversa.

La seconda canna - La seconda canna della galleria, benché pianificata fin dall'inizio - il tunnel di sicurezza era la fase preliminare - non è arrivata per molto tempo. Ora, cinquant'anni dopo l'inizio dei lavori, il tunnel ha urgente bisogno di essere ristrutturato. Ciò richiede una chiusura di diversi anni. Nel frattempo, il secondo tubo - approvato in votazione popolare il 28 febbraio del 2016 - sostituirà quello vecchio.

L'Ufficio federale delle strade (Astra) assicura che non c'è da temere una valanga di auto: «Grazie alla seconda canna attraverso il San Gottardo, dopo il risanamento della galleria esistente, la circolazione sarà in una sola direzione su una sola corsia con una fascia di soccorso laterale. Ciò migliorerà la sicurezza senza aumentare la capacità esistente».

Capacità regolata dal 2002 con un cosiddetto sistema di alimentazione a goccia, che consente al massimo di entrare in galleria a 1'000 unità di autovettura all'ora per singola direzione di marcia. Un camion equivale a tre unità di autovettura. Secondo l'Astra, dai 3'000 ai 40'00 camion attraversano il tunnel ogni giorno.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-20 12:25:37 | 91.208.130.86