Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / BERNA
21 min
Il Governo ticinese si congratula con Cassis
«L’auspicio è che la sua presenza continui ad aiutare a comprendere meglio le sfide alle quali è confrontato il Ticino e porti un contributo alla coesione nazionale»
CANTONE
39 min
Dopo oltre un mese, revocata la scomparsa di Aurélie
La donna è stata ritrovata «in buone condizioni di salute»
MENDRISIO
53 min
I momò vogliono una seconda sede della Scc
Interrogazione Ppd al Municipio, che vorrebbe agevolare la vita degli studenti del Sottoceneri
CANTONE
58 min
«L'avanzata dei Verdi non stravolge la formula magica»
IL PLRT applaude la conferma di Cassis e critica Verdi e socialisti per aver «voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera che parla e pensa in italiano»
CANTONE
1 ora
Il tramonto di stasera sarà il più precoce dell'anno
In Ticino scomparirà dietro l'orizzonte alle 16.38. E questo nonostante il giorno più breve sarà il 22 dicembre
BELLINZONA
1 ora
Festeggiati 110 diciottenni della capitale
Dopo la consegna di un omaggio a tutti i partecipanti, la serata si è conclusa con un rinfresco al Capannone di Piazza del Sole
CANTONE
1 ora
Il nipote che uccise la nonna: «Volevo solo minacciarla, ma poi l’ho colpita»
Si è aperto il processo per il delitto di Caslano del luglio 2018. Fu un gesto premeditato?
CHIASSO
1 ora
Code a Brogeda causate dai camion e un incidente
Disagi segnalati soprattutto all'ingresso del valico commerciale
LUGANO
2 ore
È polemica sui posteggi della stazione
I posti previsti per le auto saranno (quasi) dimezzati. Scatta l'interrogazione di Ugo Cancelli
LUGANO
2 ore
A Cornaredo arriva lo Young Boys
Domenica si prevedono disagi alla circolazione nella zona fra lo stadio e la stazione FFS. Ma pure nella zona di Besso
CONFINE / CANTONE
2 ore
Stop al professionista del riciclaggio, sequestrati milioni in beni e valuta
Operava tra l'Italia, la Svizzera e l'Inghilterra. Indagati 14 "clienti"
ASTANO
2 ore
Moltiplicatore al 130%, il ricorso è irricevibile
Solo il Comune avrebbe potuto rivolgersi al Tribunale cantonale amministrativo come parte lesa, non un “comune cittadino”. E lui scrive ai parlamentari
CANTONE
3 ore
«Migliorare le condizioni dei richiedenti asilo»
Un petizione in tal senso, sottoscritta da 12 associazioni, sarà presentata oggi davanti al Gran Consiglio
CANTONE
3 ore
Ogni giorno da Novazzano a Milano «pur di lavorare»
Architetti in fuga dal Ticino. La storia di Chiara Bernasconi, 33enne di Novazzano, è il simbolo di un settore in affanno
CANTONE
15.10.2019 - 08:350
Aggiornamento : 11:09

Funerali a 3'500 franchi, così 8 su 10 si fanno bruciare

La Svizzera è al primo posto in Europa per l'usanza di cremare i defunti. I numeri sono crescita nel nostro cantone, dove i servizi sono aperti alle salme d'oltreconfine

LUGANO. L'usanza di cremare i defunti ci rimanda ad antiche civiltà risalenti ad oltre 5.000 anni fa. Il processo di incenerimento è considerato il simbolo di ogni sublimazione. Il fuoco consuma ciò che è inferiore per meglio aprire la strada al superiore.

Oggigiorno, questa costumanza è fortemente praticata anche in Svizzera, tanto che con un tasso dell'88% di incinerazione il nostro Paese è al primo posto in Europa. «In Ticino siamo all'80% - fanno notare l'ingegner Giorgio Valsangiacomo e Fulvio Regazzoni, amministratore delegato rispettivamente vice presidente dell'Associazione Ticinese di Cremazione -. I leader mondiali restano Giappone, India e Thailandia per quasi la totalità dei decessi. L'Italia si attesta al 20%».

Prima incinerazione nel 1917 - L'Associazione Ticinese di Cremazione, fondata nel 1905 e presente a Lugano dal 1913 (con la prima incinerazione datata 6 gennaio 1917), ha ampliato recentemente la sua offerta grazie al nuovo impianto di Chiasso, che ha comportato un investimento di 4,5 milioni di franchi per una struttura fra le più moderne in Svizzera.

«Siamo operativi anche nella fascia di confine – sottolineano Valsangiacomo e Regazzoni – in quanto la legge ce lo consente entro un raggio di 25 chilometri. Como e Porlezza (con Lugano) sono due zone che si servono regolarmente delle nostre strutture». 

Il crematorio di Chiasso è dotato di un impianto di incenerimento della “Facultatieve Technologies”, azienda leader mondiale del ramo con sede a Leeds, in Inghilterra. I suoi forni in ceramica, che sviluppano temperature elevate tra i 820 e i 1.200 gradi, hanno una capacità di 1.000 cremazioni senza interruzioni.

La struttura di Lugano, invece, è fornita di un rivestimento di mattoni refrattari e raggiunge la temperatura di 820 gradi, con una manutenzione ordinaria più frequente. «La ceramica mantiene il calore grazie ad un dispendio inferiore e i tempi di ignizione oscillano tra i 60 e i 75 minuti. Una cremazione costa 800.- franchi», precisano ancora Valsangiacomo e Regazzoni.

Ceneri consegnate in un giorno - Con queste due strutture, l'Atc effettua attualmente 1.600 incinerazioni l'anno. Contrariamente a quanto avviene oltre Gottardo, dove i tempi di consegna ai parenti possono superare il mese, in Ticino si entra in possesso delle ceneri già dopo uno o al massimo due giorni. Non c'è l'obbligo di collocarle in un loculo-tomba al cimitero (con la tassa comunale e l'iscrizione che raggiungono i 1.200 franchi), ma le opzioni sono libere: un'urna a domicilio, l'affidamento all'Atc o una tomba comune. Si possono anche spargere esclusivamente su territorio nazionale.

Inoltre, c'è un'azienda che si è specializzata nella trasformazione del carbonio proveniente dallo scheletro in esclusivi gioielli sintetici personalizzati che si possono indossare sotto forma di ciondoli o braccialetti da chi desidera rimanere legato al proprio caro per il resto della sua vita.

L'Atc, che non opera a scopo di lucro, conta oltre duemila soci e questa sera, martedì 15 ottobre 2019, si riunirà in assemblea al crematorio di Lugano alle 20. 

Nel 2018 è stato attivato un fondo di solidarietà che aiuta le persone in difficoltà in ogni ambito, in collaborazione con i Comuni e i servizi sociali.

Nel cantone una media di 270 decessi al mese

In Svizzera, secondo l'Ufficio federale di statistica, il tasso di mortalità è in aumento e nel 2018 i decessi hanno superato le 67 mila unità (32.396 uomini, 34.692 donne).  I dati del 2019 aggiornati a luglio indicano cifre più contenute in Ticino con 1875 persone scomparse, una media di 270 al mese. La cinquantina di onoranze funebri presenti sul territorio cantonale svolge oltre 3.000 servizi l'anno, di cui 1.600 nel Sottoceneri e in parte anche in Italia. Fino al 90% delle cerimonie viene svolto ai crematori di Lugano e Chiasso. L'alternativa alla sepoltura si è radicalmente semplicata negli ultimi anni e costituisce un'armonizzazione dei costi non indifferente, tanto da comprimerli a 3.500-4.500 franchi a funerale, extra esclusi. Il servizio è completo e permette agli impresari di seguire il caro estinto al crematorio, che è pure dotato di camera mortuaria. Oggi si è in grado di offrire un servizio radicalmente semplificato sia nella forma che dal punto di vista pratico, riducendo spostamenti e tempi. Le strutture esistenti in Ticino, completate dai crematori di Bellinzona e Riazzino, hanno permesso a diverse onoranze funebri di aumentare l'efficienza della gestione e della formalizzazione del rito con interventi minimi e mirati grazie ad una logistica moderna. Il funerale tradizionale, con un ventaglio di costi più elevato a dipendenza della scelta di materiali, componenti e accessori per la sepoltura, rimane e lo testimoniano gli ingenti investimenti che vengono fatti per le tombe di famiglia.

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 12:29:05 | 91.208.130.87