depositphoto
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
58 min
Corona è di nuovo libera di volare
"Ammaccata" dalla forte grandinata degli scorsi giorni era stata soccorsa e curata dalla SPAB
LUGANO
4 ore
Demolizione dell'ex Macello? Se ne parlava già a marzo
Nell'inchiesta sui fatti avvenuti a fine maggio spuntano alcune mail in cui si ipotizzava l'intervento
CANTONE
6 ore
«Sabato pomeriggio potrebbero essere violenti»
Avviso di maltempo per il weekend, preoccupa la situazione idrologica e sono in arrivo altri temporali.
LOCARNO
6 ore
Loredana Berté in concerto per l'infanzia
La celebre cantante si esibirà a favore dell’Associazione Ticinese Famiglie Affidatarie
FOTO
TENERO
7 ore
Sbaglia manovra e termina contro un muro, ferita una donna
L'incidente si è verificato nel posteggio di un supermercato.
MENDRISIO
9 ore
Spunta l'idea di Festival del carnevale in versione estiva
Il progetto proposto dai comitati organizzatori dei carnevali del Mendrisiotto
MENDRISIO
10 ore
PS Mendrisiotto, costituito l'Ufficio presidenziale
A dirigere la sezione sarà Marco D'Erchie
MENDRISIO
11 ore
Un nuovo defibrillatore per il SAM
È stato consegnato Carlo Speroni, partner di S’nce group, digital agency di Stabio
FOTO
CANTONE
12 ore
Le faggete valmaggesi sono Patrimonio mondiale dell'Unesco
La riserva ticinese è stata ufficialmente iscritta nell lista, assieme a quella solettese di Bettlachstock
LUGANO
13 ore
La causa del crollo? «Probabilmente un difetto di progettazione»
Secondo un esperto, a causare il crollo della pensilina del benzinaio Coop di Noranco non sarebbe stata solo la pioggia.
CANTONE
13 ore
Coronavirus: prima morte dopo due mesi in Ticino
I casi sono 42 mentre i ricoverati sono 9 in tutto.
MORBIO INFERIORE
14 ore
«Un tempo si vendeva più carne per brasati e bolliti»
Coop celebra l'anniversario del macellaio Enrico Ballabio, da venticinque anni dietro il bancone a Morbio Inferiore
MENDRISIO
15 ore
Le frane sono due, Ferrovia del Generoso chiusa anche domani
Entrambi gli smottamenti sono avvenuti fra le stazioni di San Nicolao e Bellavista.
LUGANO
06.09.2019 - 10:300
Aggiornamento : 15:52

Cacciato dal lavoro «per il mal di schiena»

Un educatore in prova presso un istituto socio-sanitario è stato lasciato a casa, quando un problema di salute si è aggravato. Il Vpod: «Settore sotto pressione».

LUGANO - Sulle spalle dei lavoratori il peso aumenta, nel settore dell'assistenza e delle cure. E proprio per un forte mal di schiena un giovane educatore del Luganese è stato lasciato a casa, di punto in bianco, dall'ente per cui lavorava. 

Problema generale - La lettera di disdetta è arrivata a inizio settimana. Nelle stesse ore il Vpod lanciava l'allarme (l'ennesimo in realtà) sulle condizioni di lavoro nel ramo socio-sanitario in Ticino: il sindacato denuncia un «clima negativo» generalizzato, «mancate sostituzioni di malattie e infortuni», «turnistica inadeguata». 

La vicenda - Il caso di M.L., 25enne luganese, è singolare ma casca a fagiolo. Il giovane ha iniziato a giugno un periodo di prova come educatore presso un ente del Luganese che si occupa di disabili. Vuole aiutare il prossimo, ma ha a sua volta un problema.

Schiena da operare - «Dopo poco tempo ho avvertito l'aggravarsi di un dolore cronico alla schiena che, a un esame medico, è risultato necessitare un'operazione» racconta il giovane. «Ho avvisato il datore di lavoro fin da subito – afferma – e l'ho aggiornato in modo trasparente ad ogni sviluppo». 

«Su tutte le furie» - Ma la notizia dell'operazione non piace al direttore dell'ente. «È andato su tutte le furie» racconta il 25enne. La versione del dirigente è diversa: «Avevamo già delle perplessità, abbiamo agito senza rancore nel rispetto delle regole» spiega. «Semplicemente, l'educatore non ha superato il periodo di prova». E il problema di salute «non era emerso in fase di assunzione, anzi abbiamo ricevuto dal collaboratore un certificato di buona salute». 

«Settore sotto pressione» - Dopo alcuni giorni arriva la famigerata lettera di disdetta, e il giovane informa il sindacato. Ma «purtroppo in simili circostanze si può fare poco» ammette Massimo Mantovani del Vpod. «I tre mesi di prova sono un periodo decisamente poco tutelato. È un buco legislativo, ma in generale tutto il settore è sotto pressione negli ultimi anni. Avere dipendenti in malattia si traduce in aumenti dei premi assicurativi. E questo ai datori di lavoro dà fastidio». All'origine di tutto, secondo il sindacalista, ci sarebbero «le politiche cantonali di contenimento dei costi». Che alla fine si scaricano sulla schiena - magari già malridotta - dei dipendenti. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pinna blu 1 anno fa su tio
Che strano eh??? Oggi ti spremono come un limone e poi quando diventi inutile una pedata nel deretrano.....che mondo!!
GI 1 anno fa su tio
strano che, con un dolore di quel genere e cronico, una persona si faccia assumere in quello specifico settore.....dove i pesi da sollevare non mancano !
pegi 1 anno fa su tio
si credo furbi certi scansafatiche...un dolore ed un problema come mi è sembrato di capire non saltano fuori da un momento all'altro. Probabilmente cercava di sfruttare la situazione a suo vantaggio....furbetto questa volta ti è andata male. Vaia succhiare altrove se ci riesci.
sedelin 1 anno fa su tio
così come descritto, se il ragazzo ha (aveva) problemi seri alla schiena é impensabile che possa fare quel lavoro. non può avanzare pretese e segnalare la situazione a TIO.
Bayron 1 anno fa su tio
Se non ha comunicato il suo problema di salute al primo colloquio non ha nulla da recriminare!! Fare il furbo non paga.
Meck1970 1 anno fa su tio
Purtroppo aveva già un dolore cronico. Inoltre era in prova. Quindi non c'è niente da recriminare.
matteo2006 1 anno fa su tio
Con tutto rispetto potrà dispiacere per il caso singolo ma il datore avrebbe dovuto assumere un'altra persona durante l'assenza del ragazzo pagando "in parte" due persone; oltretutto parla di dolore cronico quindi problema risaputo.
polonord 1 anno fa su tio
Il periodo di prova ha questo nome proprio perché è di prova, quindi dopo la prova si può essere assunti o meno. Nulla da recriminare quindi. Mi chiedo dove sta il problema.
tip75 1 anno fa su tio
TUTTI siamo sotto pressione in Ticino ormai...È VERGOGNOSO
Ecthelion 1 anno fa su tio
Non si tratta di un buco legislativo! Il periodo di prova è proprio questo: un periodo di prova. Se la persona non è adatta (per motivi di cui può avere colpa o anche no), non viene confermata. Molto semplice.
Pepperos 1 anno fa su tio
@Ecthelion Anche Dopo i 3 mesi vieni licenziato ( Libera interpretazione ) Poi il problema ricade sempre su la carenza malattia. Credo ci sia Stato un omissioni d'informazioni ( il ragazzo )
mats70 1 anno fa su tio
@Ecthelion A dirla tutta, tanti datori di lavoro se ne approfittano alla grande. Nessuna tutela per il dipendente che può essere licenziato entro i 3 mesi con qualsiasi pretesto vero o presunto
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-30 00:06:05 | 91.208.130.86