depositphoto
ULTIME NOTIZIE Ticino
MAGADINO
33 min
Cinque nuovi allievi piloti
A Magadino si sono svolte le selezioni finali. Tra 14 finalisti è stato scelto anche un ticinese
LUGANO
49 min
I "no pass" mangiano per terra
Un sit-in pacifico è stato organizzato oggi pomeriggio per protestare contro il pass obbligatorio
FOTO
LUGANO
2 ore
Incidente in via Brentani a Lugano
Scontro tra due auto. Una è finita contro un palo della luce
CANTONE
3 ore
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
BELLINZONA
3 ore
Un altro passo verso il nuovo ospedale
In pubblicazione a Bellinzona la variante di PR “Infocentro-Saleggi”
Attualità
5 ore
Come ci ha cambiati la pandemia?
Una campagna fotografica racconta i ticinesi al tempo del Covid. La mostra al Centro di dialettologia
CANTONE
7 ore
Una giornata tutta dedicata al Pedibus
Si è svolta oggi, anche in Ticino. A Torricella-Taverne i bambini hanno avuto degli ospiti d'eccezione
LUGANO
8 ore
Voglia di pulire, raccolti 200 chili di rifiuti
Quarantacinque volontari in lotta contro il littering
CUGNASCO-GERRA
8 ore
Duecentosei firme contro la canapa «che puzza»
La petizione è stata consegnata oggi al Municipio di Cugnasco-Gerra
LUGANO
8 ore
Lugano si prepara a celebrare l'autunno
Avrà luogo dal 1. al 3 ottobre prossimi la Festa d'autunno. Nei grottini solo col certificato Covid
CANTONE
9 ore
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
CANTONE
10 ore
Palazzo delle Orsoline e la foca si tingono di arancione
L'iniziativa avrà luogo questa sera per sottolineare la settimana d'azione “Sicurezza dei pazienti 2021”
FOTO
BIASCA
10 ore
Scontro tra due auto vicino allo svincolo di Biasca
L'incidente si è verificato questa mattina. Fortunatamente non si registrano feriti
LUGANO
06.09.2019 - 10:300
Aggiornamento : 15:52

Cacciato dal lavoro «per il mal di schiena»

Un educatore in prova presso un istituto socio-sanitario è stato lasciato a casa, quando un problema di salute si è aggravato. Il Vpod: «Settore sotto pressione».

LUGANO - Sulle spalle dei lavoratori il peso aumenta, nel settore dell'assistenza e delle cure. E proprio per un forte mal di schiena un giovane educatore del Luganese è stato lasciato a casa, di punto in bianco, dall'ente per cui lavorava. 

Problema generale - La lettera di disdetta è arrivata a inizio settimana. Nelle stesse ore il Vpod lanciava l'allarme (l'ennesimo in realtà) sulle condizioni di lavoro nel ramo socio-sanitario in Ticino: il sindacato denuncia un «clima negativo» generalizzato, «mancate sostituzioni di malattie e infortuni», «turnistica inadeguata». 

La vicenda - Il caso di M.L., 25enne luganese, è singolare ma casca a fagiolo. Il giovane ha iniziato a giugno un periodo di prova come educatore presso un ente del Luganese che si occupa di disabili. Vuole aiutare il prossimo, ma ha a sua volta un problema.

Schiena da operare - «Dopo poco tempo ho avvertito l'aggravarsi di un dolore cronico alla schiena che, a un esame medico, è risultato necessitare un'operazione» racconta il giovane. «Ho avvisato il datore di lavoro fin da subito – afferma – e l'ho aggiornato in modo trasparente ad ogni sviluppo». 

«Su tutte le furie» - Ma la notizia dell'operazione non piace al direttore dell'ente. «È andato su tutte le furie» racconta il 25enne. La versione del dirigente è diversa: «Avevamo già delle perplessità, abbiamo agito senza rancore nel rispetto delle regole» spiega. «Semplicemente, l'educatore non ha superato il periodo di prova». E il problema di salute «non era emerso in fase di assunzione, anzi abbiamo ricevuto dal collaboratore un certificato di buona salute». 

«Settore sotto pressione» - Dopo alcuni giorni arriva la famigerata lettera di disdetta, e il giovane informa il sindacato. Ma «purtroppo in simili circostanze si può fare poco» ammette Massimo Mantovani del Vpod. «I tre mesi di prova sono un periodo decisamente poco tutelato. È un buco legislativo, ma in generale tutto il settore è sotto pressione negli ultimi anni. Avere dipendenti in malattia si traduce in aumenti dei premi assicurativi. E questo ai datori di lavoro dà fastidio». All'origine di tutto, secondo il sindacalista, ci sarebbero «le politiche cantonali di contenimento dei costi». Che alla fine si scaricano sulla schiena - magari già malridotta - dei dipendenti. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pinna blu 2 anni fa su tio
Che strano eh??? Oggi ti spremono come un limone e poi quando diventi inutile una pedata nel deretrano.....che mondo!!
GI 2 anni fa su tio
strano che, con un dolore di quel genere e cronico, una persona si faccia assumere in quello specifico settore.....dove i pesi da sollevare non mancano !
pegi 2 anni fa su tio
si credo furbi certi scansafatiche...un dolore ed un problema come mi è sembrato di capire non saltano fuori da un momento all'altro. Probabilmente cercava di sfruttare la situazione a suo vantaggio....furbetto questa volta ti è andata male. Vaia succhiare altrove se ci riesci.
sedelin 2 anni fa su tio
così come descritto, se il ragazzo ha (aveva) problemi seri alla schiena é impensabile che possa fare quel lavoro. non può avanzare pretese e segnalare la situazione a TIO.
Bayron 2 anni fa su tio
Se non ha comunicato il suo problema di salute al primo colloquio non ha nulla da recriminare!! Fare il furbo non paga.
Meck1970 2 anni fa su tio
Purtroppo aveva già un dolore cronico. Inoltre era in prova. Quindi non c'è niente da recriminare.
matteo2006 2 anni fa su tio
Con tutto rispetto potrà dispiacere per il caso singolo ma il datore avrebbe dovuto assumere un'altra persona durante l'assenza del ragazzo pagando "in parte" due persone; oltretutto parla di dolore cronico quindi problema risaputo.
polonord 2 anni fa su tio
Il periodo di prova ha questo nome proprio perché è di prova, quindi dopo la prova si può essere assunti o meno. Nulla da recriminare quindi. Mi chiedo dove sta il problema.
tip75 2 anni fa su tio
TUTTI siamo sotto pressione in Ticino ormai...È VERGOGNOSO
Ecthelion 2 anni fa su tio
Non si tratta di un buco legislativo! Il periodo di prova è proprio questo: un periodo di prova. Se la persona non è adatta (per motivi di cui può avere colpa o anche no), non viene confermata. Molto semplice.
Pepperos 2 anni fa su tio
@Ecthelion Anche Dopo i 3 mesi vieni licenziato ( Libera interpretazione ) Poi il problema ricade sempre su la carenza malattia. Credo ci sia Stato un omissioni d'informazioni ( il ragazzo )
mats70 2 anni fa su tio
@Ecthelion A dirla tutta, tanti datori di lavoro se ne approfittano alla grande. Nessuna tutela per il dipendente che può essere licenziato entro i 3 mesi con qualsiasi pretesto vero o presunto
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 20:41:19 | 91.208.130.87