Tipress
Il Centro San Carlo
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
4 ore
Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto
LUGANO
6 ore
In manette un ex direttore di banca
CONFINE
6 ore
Truffa ai danni di una malata di cancro, Proto a processo
CANTONE
6 ore
Veicolo contromano sull'A2
CANTONE
7 ore
Il rapporto dell’analisi dell’acqua? «Tendenzioso. Vuole solo creare allarmismo»
CANTONE
8 ore
Rivista Corner, un nuovo angolo di sport in Ticino
CANTONE
8 ore
A2-A13: Claudio Zali incontra l'USTRA
CANTONE
9 ore
Si voterà sulla legittima difesa
CANTONE
9 ore
Un giudice in più per il Tribunale penale cantonale
LUGANO
10 ore
«Già 3'000 firme per l'aeroporto»
LUGANO
10 ore
Barzaghi con i molinari: «Ha cantato anche lei “Borradori a testa in giù”?»
CENTOVALLI
10 ore
Una mattina di pausa per la Funivia Intragna-Pila Costa
LUGANO
10 ore
Presunto abuso edilizio a Caprino, scatta l'interrogazione al Governo
CANTONE
10 ore
Elicotteri militari, prosciolto l'imprenditore di Cresciano
ASTANO
10 ore
Moltiplicatore al 130% per evitare il tracollo finanziario
LUGANO
07.05.2019 - 12:290
Aggiornamento : 13:34

Al Centro San Carlo si cambia musica, arriva la Moncucco

La clinica si accorda con la Curia per la gestione dello stabile dove ha sede il Conservatorio. Camponovo: «Non escludiamo nessun tipo di utilizzo, dipenderà anche dagli attuali inquilini»

LUGANO - Da un lato il Conservatorio della Svizzera italiana (CSI) che, da anni, manifesta l’intenzione di trovare una nuova sede, dall’altra la Clinica Luganese che avrà bisogno in futuro dei nuovi spazi. Spinte opposte che hanno portato all’accordo con la Curia vescovile che ha dato in gestione il Centro San Carlo alla Moncucco. Per una durata di 50 anni.

Si cambia musica. E il direttore della clinica Christian Camponovo commenta così l’intesa raggiunta: «Non abbiamo mai fatto segreto del fatto che vedevamo di buon occhio una condivisione degli spazi per rispondere a dei bisogni, sul medio e lungo termine, della clinica». Da qui l’accordo raggiunto: «Abbiamo lavorato e stiamo lavorando in questa direzione. Anche perché sappiamo che non tutti gli inquilini attuali del San Carlo resteranno in futuro». L’allusione è alle previsioni della Scuola infermieristica di centralizzarsi altrove e poi al Conservatorio stesso.

Spazi prospicenti, dunque, a disposizione e anche, aggiunge Camponovo, «una licenza edilizia che abbiamo ottenuto per edificare qualcosa». La prospettiva è quella di dare respiro agli attuali spazi della clinica Moncucco. «La proprietà del Centro San Carlo - precisa il direttore - resta sul lungo termine della Curia e noi la prenderemo in gestione». Quanto alla destinazione del Centro, se per uso sanitario o amministrativo, i tempi sono ancora prematuri: «Per me è presto dirlo. Di sicuro tutte le varianti sono aperte. Dipenderà anche da cosa succederà con gli attuali inquilini, quanti spazi si libereranno. Non escludiamo nessuno tipo di utilizzo. Si tratta di uno stabile protetto, coi suoi vincoli, ma internamente si presta a svariati usi. Non è comunque un discorso nell’immediato».

Tipress
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Violet Barrow 4 mesi fa su fb
Ah è della Curia quantenemai mi sono fatta operare li
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 03:15:35 | 91.208.130.86