CANTONECrescita «impressionante» per l’economia ticinese

21.03.19 - 13:02
Lo si evince da un nuovo studio dell’istituto BAK. Anche per il futuro le prospettive sarebbero favorevoli
Archivio Tipress
Crescita «impressionante» per l’economia ticinese
Lo si evince da un nuovo studio dell’istituto BAK. Anche per il futuro le prospettive sarebbero favorevoli

LUGANO - Il Ticino vede una crescita economica impressionante, soprattutto nel confronto internazionale. E le prospettive sono favorevoli. Lo dice uno studio dell’istituto BAK Economics, commissionato dalla Camera di commercio ticinese, che fornisce una fotografia oggettiva della situazione economica del nostro cantone nel contesto nazionale e internazionale. E che in sostanza conferma quanto già rilevato lo scorso anno. Insomma: la crisi finanziaria, l’abolizione della soglia minima del cambio tra franco ed euro e la crisi turistica «non hanno intaccato la progressione economica ticinese».

Le locomotive trainanti dell’economia ticinese sono, come sottolinea lo studio, i principali agglomerati ticinesi. E ognuno ha le proprie specificità. Si parla pertanto di «forza della diversificazione del tessuto economico ticinese» (tra le specializzazioni spiccano le tecnologie dell’informazione e l’industria farmaceutica). Gli agglomerati di punta sono Lugano, Bellinzona, e Chiasso-Mendrisio. Più lento, invece, lo sviluppo economico di Locarno, in quanto «specializzata in settori che, perlomeno attualmente, crescono al di sotto della media».

Quest’anno lo studio si è soffermato anche sull'innovazione tecnologica, tenendo conto del deposito di patenti e brevetti. Da questo punto di vista, il Ticino «è un terreno fertile con numerose aziende che primeggiano». Una forte spinta innovatrice si rileva soprattutto nel settore farmaceutico, delle scienze della vita, dell’energia e dello sviluppo dei materiali.

COMMENTI
 
moma 3 anni fa su tio
Lamia, hai perfettamente ragione. La pentola a pressione comincia a fischiare sinistramente. Cosi non va avanti per molto. Se Cassis cede a Bruxelles, per la Svizzera e il Ticino saranno dolori. Il dramma è che poi i pro europa si troveranno pure loro nella palude e piangeranno con noi. Ma sarà troppo tardi.
LAMIA 3 anni fa su tio
CI SCOMMETTIAMO CHE SE PASSA IL DIKTAT DELL EUROPA DALL ITALIA ARRIVANO CENTINAIA DI DITTE E RELATIVI FRONTALIERI E DOPO 6 MESI COMINCIANO A CHIUDERE LASCIANDOCI I DISOCCUPATI SULLE SPALLE CON LE INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE? CHI VUOLE SCOMMETTERE ?
GI 3 anni fa su tio
tutta "acqua passata"....
Norvegianviking 3 anni fa su tio
Ma perché invece che sempre lamentarsi, chi non è contento non apre un'attività e crea lui posti di lavoro? Intraprendenza zero! Gli altri li fanno, allora che lo faccia anche il ticinese anzichè sempre dar addosso agli altri. Non è vietato essere imprenditori.
Thor61 3 anni fa su tio
Non è vietato, ma molto spesso (Se le mie informazioni non sono errate) magari è pieno di vincoli o costoso, chi finanzia?
LAMIA 3 anni fa su tio
Eh si! Siamo proprio agli ultimi giorni di campagna elettorale. Domani la notizia sarà che i frontalieri sono diminuiti a 35000 mila. CARNEVALE
Fran 3 anni fa su tio
Crescita? Per chi esattamente? Qua siamo tutti disoccupati o sotto occupati. Altro che ball!
patrick28 3 anni fa su tio
Alla faccia delle fakenews leghiste, UDC e dei sindacati. Forza accordi bilaterali con l'UE ! Sempre
Thor61 3 anni fa su tio
Felice che il Ticino sia in crescita! Detto questo mi domando come mai i problemi degli indigeni rimangono sempre, se non addirittura peggiorano? Naturalmente il riferimento è verso coloro che sono obbligati in casa alla ricerca di una nuova occupazione! A parer mio tanto vigore economico dovrebbe, non dico annullare, ma quasi i disoccupati!
Equalizer 3 anni fa su tio
E già il Locarnese è specializzato in isolazione viaria e incolonnamenti con un master in distruzione del tessuto industriale produttivo e una laurea Cum Laude in Gambizzazione & Ricorsi alle innovazioni.
Fran 3 anni fa su tio
Esatto!
NOTIZIE PIÙ LETTE