CANTONELo "scandalo" delle vie femminili: sono solo 15

28.09.18 - 08:14
Un migliaio invece quelle dedicate a uomini illustri in Ticino. Una sproporzione «clamorosa e ingiustificata» secondo gli esperti
tipress
Lo "scandalo" delle vie femminili: sono solo 15
Un migliaio invece quelle dedicate a uomini illustri in Ticino. Una sproporzione «clamorosa e ingiustificata» secondo gli esperti

La parola ai lettori

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

CANTONE - Via Morley a Muralto. A Viganello via Frontini. A Lugano le vie Boschetti Alberti, Maraini-Sommaruga, Crivelli-Torricelli e Spitzer. Cos'hanno in comune? Il genere femminile. E il fatto di essere una rarità. Di più: nello stradario ticinese i nomi del gentil sesso sono vere e proprie mosche bianche. 

Iva Cantoreggi, giornalista,1913-2005

L'interpellanza - A fiutare l'anomalia sono stati quattro consiglieri comunali bellinzonesi, che a inizio mese hanno presentato un'interpellanza parlando apertamente di maschilismo. «Quante vie di Bellinzona sono intitolate a uomini, e quante a donne?» chiedono al Municipio i firmatari Ronald David, Marco Noi (I Verdi), Alessandro Lucchini (Pc) e Lisa Boscolo (Giso).

«Problema ticinese» - La risposta – tagliamo la testa al toro – è una cifra tonda: zero. Nessuna. A fornirla è il presidente della Commissione cantonale di nomenclatura, Stefano Vassere. E il problema «non riguarda solo la capitale» aggiunge. Spulciando il database della Commissione, l'esperto ha estrapolato per tio.ch/20minuti una lista piuttosto breve

Quindici su mille - Appena quindici nomi. Tante sono le vie dedicate a personaggi femminili in tutto il cantone. Su 5mila strade in Ticino circa il 60% portano nomi di luoghi, va detto: un migliaio invece sono intitolate a personaggi pubblici. «Si tratta in genere di personaggi del territorio – precisa Vassere –. La limitazione geografica riduce il campo, ma non è una giustificazione». Secondo l'esperto la sproporzione «ha del clamoroso».

Flora Ruchat-Roncati, architetto, 1937 – 2012

Un centinaio di sconosciute - Uno squilibrio «spiegabile solo in parte con fattori socio-economici» per Susanna Castelletti degli Archivi riuniti (Aardt). L'associazione ha contodotto una ricerca quinquennale sulle figure femminili della storia ticinese, mettendo insieme «un centinaio di profili» in un archivio pubblico. Si tratta - spiega la ricercatrice - «per lo più di insegnanti, infermiere, filantrope, ma anche artiste e donne di cultura».

Mariuccia Medici, attrice, 1910-2012

«Questione di mentalità» - L'inventario è pubblicato online, zona per zona. I comuni però finora non ne hanno approfittato, anche se da Berna l'indicazione è di favorire la “parità di genere” nella toponomastica locale. «Le donne degne di nota non mancano – conclude Castelletti –. Abbiamo evidentemente un problema di mentalità». 

L'elenco delle 15 vie (più due)

Lugano 

via Marietta Crivelli Torricelli

via Chiarina Staufacher  

via Sara Frontini

via Maria Boschetti-Alberti

via Carolina Maraini-Sommaruga

via Federica Spitzer 

Bedigliora

via Maria Boschetti Alberti

Brusino

piazzetta maestra Barbara Polli

Ligornetto

Via Lisa Cleis-Vela (maestra) 

Massagno 

Vicolo Soldini Comby (benefattrice) 

Melide

Passaggio Giuseppina Ortelli Taroni 

Mezzovico 

Vicolo Vera Haller 

Novaggio 

Via Alice Mayer

Locarno 

via Sarah Morley 

Sorengo 

via Cora Carloni 

Vie dedicate a coniugi:

Sagno 

via Pietro e Germaine Chiesa 

Chiasso 

via Pietro e Luisita Chiesa

COMMENTI
 
spank77 4 anni fa su tio
...:-) :-) :-)....che scandalo...ma davvero (sono donna) ci sono "colleghe" che hanno tempo per tre queste osservazioni ? ...il maschilismo scusatemi ma è ben altre sfumature (questo caso dello scandalo delle vie direi che ha delle sfumature di grigio molto molto molto chiaro...). ...dai facciamo i cartelli delle vie di colore ROSA ...cosi siamo pari ! :-) maschilismo s. m. [der. di maschile]. – Termine, coniato sul modello di femminismo, usato per indicare polemicamente l’adesione a quei comportamenti e atteggiamenti (personali, sociali, culturali) con cui i maschi in genere, o alcuni di essi, esprimerebbero la convinzione di una propria superiorità nei confronti delle donne sul piano intellettuale, psicologico, biologico, ecc. e intenderebbero così giustificare la posizione di privilegio da loro occupata nella società e nella storia.
Tato50 4 anni fa su tio
Le famose "50 sfumature di grigio e magari anche di rosso?" ;-)))) Il problema "dell'altro sesso" non credo che lo si debba banalizzare con un nome di una via per parità di diritti. Le priorità sono altre ed è ora che la donna sia considerata alla pari di un uomo in ben altre circostanze che non vado ad elencare perché la lista è lunga. Come uomini cominciamo a rispettarle dal lato umano perché essere maschio non vuol dire "violenza fisica o verbale". Poi di solito una Via la si dedica a chi è morto e di donne ammazzate ce ne sono già troppe ;-(( Per sdrammatizzare spero con non facciano una "Via Beltraminelli" ; sarebbe un'ecatombe dei valori degli immobili ;-))
Nicklugano 4 anni fa su tio
Whow, ma non avete di meglio per occupare il tempo ?
Equalizer 4 anni fa su tio
E da quando esiste questo non problema? Mai nessuno ha detto che non si può avere una via dedicata ad una donna, le stesse sono in politica dagli anni '70 e si arriva oggi a fare certe considerazioni? Aveva ragione quello che diceva che gli Svizzeri si alzano presto ma si svegliano tardi. Ma per favore smettiamola con tutte queste falsità, domani quando qualcuno vorrà intestare una via ad un persona di sesso femminile si avvierà un iter tanto come si è fatto oggi per nominare le vie e punto. niente e nessuno è precluso.
curzio 4 anni fa su tio
E quante sono le vie dedicate a persone non bianche? Zero! Che razzisti!
yael 4 anni fa su tio
Di fronte a questi arguti commenti non deve stupire il fatto che la parità di genere in Svizzera (e in particolare in Ticino) sia ancora una chimera. Siamo uno dei pochi Paesi d'Europa che nel 2017 ha aumentato le disparità tra uomo e donna, ma sicuramente i problemi sono altri. Ma mi direte: disparità di genere... e che è?
skorpio 4 anni fa su tio
hai ragione ma le disparità devono essere affrontate e sistemate per altre cose. In questo caso e come per la politica, occorre che vengano prese in considerazione chi merita, uomo o donna e non solo per avere parità di sesso.
matteo2006 4 anni fa su tio
Pensi che cambiare il nome ad una via doni parità di diritti alle donne o è solo il contentino che basta e poi alle cose serie di parità tra le donne ci penseremo un altra volta adesso abbiamo dato il nome ad una via le altre pretese le discuteremo tra un po. Volevano sollevare la disparità tra uomo e donna e non hanno trovato un argomento migliore o la questione sta che se parli di argomenti "veri" è dura portarli avanti e trovare consensi a livello politico ma quando parli con tutto rispetto di argomenti futili sui media e sui social è più facile farsi sentire e raggiungere magari l'obiettivo? certo l'asticella è talmente bassa che sicuro verranno cambiati alcuni nomi di alcune vie. E di concreto nel dare il nome di una illustre donna ad una via cosa te ne fai? parifica lo stipendio? parifica le disparità di trattamento? non penso proprio mi spiace e se lo facesse sarei il primo ad aiutare a cambiare i cartelli delle vie.
skorpio 4 anni fa su tio
lo scandalo È che si discute su queste min****ate invece dei veri e seri problemi del Ticino
rojo22 4 anni fa su tio
TIO, nient’altro?
gabola 4 anni fa su tio
Finalmente si vedono i veri problemi su cui lottare in canton Ticino
timopro 4 anni fa su tio
Uscti che grasso problema.. Spediamoci su qualche milione per analizzare bene la situazione... e intanto i premi CM, Targhe, assicurazioni varie in TI sono quasi sempre le piu alte della CH
sedelin 4 anni fa su tio
ancora "discriminazione", che palle! è la moda di questo periodo? i 4 consiglieri che si occupino do proporre miglioramenti sostanziali utili all società invece di perdere e far perdere tempo prezioso per argomenti importanti!
TI.CH 4 anni fa su tio
Per me qualcuno vuole farsi vedere grande, annunciando scandali ecc. Niente in contrario a dedicare vie alle donne ma penso che al momento ci sono cose molto ma molto più importanti a cui dedicarsi.
Tarok 4 anni fa su tio
e poi si sono accorti 3 consiglieri maschi.....
NOTIZIE PIÙ LETTE