Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
13 min
Colpo di coda dell'inverno
Sono stati giorni con temperature che normalmente si registrano a fine gennaio.
GRIGIONI
8 ore
Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»
Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».
SONDAGGIO
CANTONE
10 ore
Quarantena: arriva il consultorio per la coppia ticinese che scoppia
Risponderà da Locarno e Mendrisio e promette un aiuto per affrontare la convivenza forzata.
ZURIGO / CANTONE
12 ore
Coronavirus: sempre più ticinesi si sentono minacciati dall'epidemia
Lo rivela un sondaggio nazionale. Che conferma: a sud delle Alpi la preoccupazione è nettamente maggiore.
CANTONE
13 ore
Quarantena australiana scampata per un soffio
L'odissea vissuta da una giovane ticinese per rientrare dall'Australia.
CANTONE
15 ore
«La passeggiata sotto casa va bene, le escursioni nel bosco no»
Il momento resta delicato e l'emergenza potrebbe durare ancora a lungo.
MANNO
15 ore
Cercasi nuove idee e soluzioni per affrontare il coronavirus
Dal 2 al 5 aprile al via una maratona di esperti informatici per lo sviluppo rapido di nuove soluzioni
CANTONE
15 ore
Radar ancora in quarantena
Le risorse della polizia devono essere impiegate altrove.
CANTONE
16 ore
Non vivremo in un Grande Fratello
La portavoce di Swisscom allontana i timori su un'eventuale violazione della sfera personale.
LUGANO
16 ore
Beltraminelli: «Finalmente a casa. Ho perso 6 chili»
È guarito dal coronavirus. Ora dovrà restare ancora in quarantena. «Grazie. Il vostro sostegno è stato fondamentale»
POSCHIAVO (GR)
16 ore
Si ribalta con il trattore, grave un 76enne
L'uomo stava eseguendo dei lavori nel bosco quando è precipitato in una scarpata
CANTONE
01.06.2018 - 06:030
Aggiornamento : 09:12

Con il vademecum del lusso contro la contraffazione

Basta una cucitura sospetta per far scattare il sequestro alla frontiera. Ma i ritrovamenti sono in calo. Stop alla pirateria: «Puntiamo sulla sensibilizzazione»

CHIASSO - Una borsa? Un orologio? Oppure un paio di occhiali da sole? Tutti prodotti riportanti marchi di lusso, ma contraffatti. Sono articoli, questi, che spesso e volentieri nelle località turistiche estive si trovano a prezzi stracciati, sulle bancarelle dei mercati oppure nell’assortimento di un venditore ambulante direttamente sulla spiaggia. Ed è proprio per questo motivo che si tratta di prodotti di dubbia provenienza, che al rientro a casa rischiano poi di dover restare alla frontiera se scoperti nell’ambito dei consueti controlli del traffico turistico.

Gli indizi - Per le guardie di confine è sufficiente una cucitura sospetta oppure un errore nel logo del marchio per far scattare il sequestro: gli uomini attivi ai nostri valichi sono tutti formati con una serie di indicazioni fornite direttamente dalle grandi maison per il riconoscimento dei prodotti contraffatti,come ci spiegano dall’Amministrazione federale delle dogane (Afd). Secondo la Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza, i fabbricanti sono infatti tenuti a fornire tutte le informazioni necessarie. «Tra queste si conta una descrizione dettagliata della merce» ci spiega il portavoce Afd David Marquis.

I campanelli d'allarme - Non sempre le indicazioni delle maison sono comunque necessarie. Spesso alle guardie di confine basta infatti domandare il valore o la provenienza di un articolo sospetto per determinare la possibile contraffazione. In questo caso si tratta di quei campanelli d’allarme che, come sottolinea l’associazione Stop alla pirateria, andrebbero seguiti anche dagli acquirenti: il prezzo, la serietà del rivenditore, lo stato della confezione e la correttezza delle etichette. «In Svizzera l’importazione di prodotti contraffatti è vietata - ricorda l’associazione - la dogana può sequestrarli e distruggerli anche se si tratta “solo” di un piccolo souvenir per uso privato».

Soprattutto borsette - Ma quali sono gli articoli contraffatti che vanno per la maggiore? Secondo i dati 2017 dell’Afd, nel traffico turistico si tratta soprattutto di borsette, valigie e portamonete, seguiti da orologi, gioielli e occhiali. Meno frequenti i capi d’abbigliamento. Di solito gli articoli vengono acquistati nei paesi dell’Unione europea (31%) oppure in Turchia (26%).

I rischi - Cosa rischiano gli acquirenti? «All’entrata o all’uscita dal territorio elvetico, le autorità doganali possono requisire gli oggetti sospetti ed eventualmente distruggerli. In tal caso non tengono minimamente conto delle ragioni della persona trovata in possesso della merce» ci spiegano dall’associazione Stop alla pirateria. E c’è di più: «In determinati casi, il fabbricante degli originali potrebbe persino avanzare una pretesa di risarcimento»

Ritrovamenti in calo - Sempre secondo i più recenti dati dell’Afd, negli ultimi anni si registra comunque un calo nel ritrovamento di articoli contraffatti alla frontiera. Nel 2017 le dogane hanno infatti trattenuto 899 prodotti nel traffico turistico, contro i 1’395 dell’anno precedente. «Le riduzioni di personale seguite all’attuazione del programma di stabilizzazione della Confederazione hanno determinato un diradamento dei controlli e, di conseguenza, un calo delle intercettazioni - spiega l’associazione - la dogana segue la via indicata dalla politica e lavora con i mezzi che questa mette a disposizione». In generale il fenomeno delle contraffazioni continua però a crescere, pertanto per Stop alla pirateria la sensibilizzazione dei consumatori assume «un’importanza fondamentale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
albertolupo 1 anno fa su tio
Ma se io dichiaro una merce come “vero tarocco” si può ancora sostenere che è contraffatta? Che tra l’altro spesso sono prodotti esattamente negli stessi scantinati, esattamente dagli stessi poveracci ed esattamente con gli stessi materiali degli originali.
Bruna Bralla 1 anno fa su fb
Invece con quelli originali ,anche se gli operai , spesso bambini lavorano in condizioni spaventose , non si fa una piega ???
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 09:03:53 | 91.208.130.89