Keystone
SVIZZERA
27.09.2018 - 10:310
Aggiornamento : 15:45

Anche Doris Leuthard lascia il Consiglio federale

A due giorni dall'annuncio di Johann Schneider-Ammann, anche la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni si è dimessa

1 anno fa Il PPD omaggia la Leuthard: «Una figura di spicco unica»
1 anno fa Politica di trasferimento: «Doris Leuthard schiacciava il freno»

BERNA - Doris Leuthard ha annunciato oggi le dimissioni dal Consiglio federale. La responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) lascerà la carica a fine anno. Lo ha comunicato il presidente del Consiglio nazionale Dominique de Buman.

In governo dal 2006, Leuthard ha diretto per quattro anni il Dipartimento federale dell'economia per poi passare al DATEC. È stata presidente della Confederazione nel 2010 e nel 2017.

In precedenza ha trascorso sei anni e mezzo sui banchi del Consiglio nazionale. Tra il 2004 e il 2006 è stata presidente del Partito popolare democratico.

Le dimissioni dell'argoviese non costituiscono un vera sorpresa: lei stessa aveva già fatto sapere che questa sarebbe stata la sua ultima legislatura. Inoltre, numerose riforme portate avanti dal suo dipartimento sono ormai già entrate in vigore.

Tra queste figura la Strategia energetica 2050 che prevede l'uscita dal nucleare. La sua decisione di abbandonare l'atomo, presa dopo la catastrofe di Fukushima, aveva sorpreso. La consigliera federale era infatti allora soprannominata "Atom-Doris".

Tra gli altri grandi dossier portati a termine figurano il cantiere della galleria di base del San Gottardo, la decisione di costruire un secondo tubo autostradale tra Airolo e Göschenen (UR), la creazione di un fondo ferroviario permanente (FAIF) e di uno stradale (FOSTRA).

Tra gli insuccessi spiccano la bocciatura da parte del popolo dell'aumento della vignetta autostradale a 100 franchi e l'approvazione, contro il parere di Governo e Parlamento, dell'iniziativa Weber contro le residenze secondarie.

L'ala destra del parlamento gli rimprovera inoltre una gestione «poco coraggiosa» del dossier SSR. Su questo tema ha però vinto la battaglia contro l'iniziativa popolare "No Billag", che voleva abolire il canone radiotelevisivo: alle urne il "no" ha raggiunto il 71,6%.

Leuthard commossa: «Ho lavorato con il cuore» - Lascio il mio mandato dopo dodici anni con la consapevolezza di aver fatto tutto il possibile per il benessere della popolazione. «Siamo un Paese unito anche se abbiamo opinioni diverse», ha dichiarato in italiano la consigliera federale Doris Leuthard, poco dopo l'annuncio delle sue dimissioni per fine anno.

La responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) è apparsa visibilmente commossa davanti ai giornalisti. «Ho fatto il mio lavoro con molto cuore e spero di averlo fatto bene», ha sottolineato con la voce rotta dalle lacrime.

L'esponente del PPD in governo ha affermato di aver deciso già molti mesi fa che avrebbe annunciato la sua partenza questo autunno. Leuthard ha invocato una certa stanchezza dopo dodici anni di permanenza in Consiglio federale.

Lettera postdatata- In origine, la ministra argoviese avrebbe voluto comunicare la sua partenza domani, ultimo giorno di sessione; per questo la lettera di dimissioni porta la data di venerdì 28 settembre. Le speculazioni che circolavano con insistenza l'hanno spinta però ad anticipare i tempi. Ma il dibattito in programma domani sulla politica europea non ha giocato alcun ruolo sulla sua decisione, ha precisato.

Leuthard non ha mancato di rilevare con ironia come fonti ben informate annunciavano già la sua partenza a marzo e poi successivamente a giugno. In questi casi la sola fonte affidabile è il consigliere federale stesso, ha aggiunto.

La ministra popolare-democratica ha anche dichiarato di non essersi concertata con il collega Johann Schneider-Ammann. Ha lasciato comunque intendere che della doppia vacanza, «più difficile da gestire per il governo», è responsabile indirettamente il liberale-radicale bernese, il quale in un primo tempo aveva affermato di voler concludere la legislatura.

Famiglia e vita privata - Leuthard si rallegra di avere ora più tempo per la sua famiglia e la sua vita privata, lasciando il Consiglio federale. Ma la ministra non ha voluto svelare i suoi futuri piani professionali. «Ho molti centri di interesse e la libertà di scegliere quello che vorrò», ha precisato.

L'argoviese ha preferito mettere l'accento sul lavoro governativo, «che è molto cambiato negli ultimi anni». Non è più possibile difendere gli interessi della Svizzera senza coltivare intensamente la rete di contatti internazionali. Inoltre, la copertura mediatica è sempre più personalizzata, mentre il governo funziona diversamente, in maniera collegiale.

Trovare soluzioni - La consigliera federale ha anche spiegato di aver cercato di plasmare la politica e non solo di amministrare i suoi dossier. A suo avviso, occorre trovare soluzioni e non gestire problemi, cercare un equilibrio tra visioni diverse e non cercare il confronto.

Occorre tener conto degli interessi nazionali e internazionali. La Svizzera non è un grande Paese e deve trovare alleati, ha sottolineato Leuthard, citando la transizione digitale quale grossa sfida per la prossima legislatura.

Il sistema svizzero della democrazia diretta può servire da modello per la gestione della complessità e per trovare un equilibro tra maggioranza e minoranza.

Distanza critica dal partito - La consigliera federale ha anche rilevato come i partiti tentino di acquisire sempre più influenza, mentre la separazione dei poteri è essenziale per il buon funzionamento del Paese e un ministro deve avere una certa distanza critica nei confronti della sua formazione politica.

Parlando del PPD, Leuthard ha dichiarato che il partito avrà un ruolo essenziale anche in futuro, sebbene la crescente polarizzazione tra destra e sinistra lo schiacci come un sandwich al centro.

Interrogata dai giornalisti sulla necessità di essere sostituita da una donna, Leuthard ha elegantemente evitato di rispondere. A suo avviso, occorrono evidentemente più donne in governo, ma la qualità resta primordiale. «Vi sono sufficientemente donne e uomini competenti per sostituirmi», ha sottolineato.

Commenti
 
Ida Gianini 1 anno fa su fb
Bravo Jo
Daniele Petralli 1 anno fa su fb
Art. 143 della Costituzione Federale Svizzera : Ogni cittadino svizzero con diritto di voto può candidarsi per il Consiglio Federale. Lo può fare in tutta autonomia, senza essere legati ad un partito o movimento politico. Chiaro, le chance sono pari o "0", ma pensate anche solo a 1000 persone che innoltrano la candidatura e che richiedono di essere ascoltati davanti all'assemblea federale. Pensateci, sarebbe un'occasione, anche solo per vedere le faccine di chi decide per noi.
siska 1 anno fa su tio
Ah ah ah ah ah ah ah ah ah......a volte il tutto mi sembra grottesco e patetico. È un po' come quelli che striscerebbero davanti a chiunque senza conoscerli e li lodano per tutta la vita.
Gesualdi Therese 1 anno fa su fb
Peccato per la Svizzera che la Leuthard se ne va era davvero brava.
Gesualdi Therese 1 anno fa su fb
Berset, Maurer e Parmelen possono accompagnare Leuthard e Schneider-Ammann. Ciaoooooo
Paolo Mutasci 1 anno fa su fb
Doveva farlo molto prima!!!!!!!!!!!
Giovanni Jo Lepori 1 anno fa su fb
A nemico che fugge,ponti d’oro.. ( tra l’altro per loro non è in senso figurato)...
Andrea Erba 1 anno fa su fb
Avanti il prossimo disse il boia!
Luca Gilardi 1 anno fa su fb
Bruno Ismael Pereira 1 anno fa su fb
Dimissione? Cosa c'è che non va? l'Europa e organizzazione migratorie alle porte? Bella Svizzera come stai cambiando.
Martino Giovannini 1 anno fa su fb
Kevin Cescotta 1 anno fa su fb
E la Sommaruga quando..??
Renzo Jucas 1 anno fa su fb
E l' Ueli quando se ne va?
Gennarino St Andrew 1 anno fa su fb
E quando se ne vanno gli altri ???? ?
Germano Mattei 1 anno fa su fb
Era nell’aria ma si sperava che arrivava a fine legislatura. Caparbia, plurilingue, dinamica, diretta, estrosa nel vestire. Una vera donna di Governo che ha dato timbro e anche efficacia a quanto ha intrapreso in dodici anni in Consiglio federale. Grazie signora Doris, dal fluente italiano e anche un po’ ticinese per la sua residenza gambarognese.❤️??
Daniele Petralli 1 anno fa su fb
Germano Mattei Tra tutti i mali, diciamo che è stato il minore !!!
Germano Mattei 1 anno fa su fb
Daniele Petralli ...molto virtuosa direi, ma pur sempre un essere umano. Anche in Consiglio federale non abbiamo bisogno di Superman, ma di donne e uomini dedicati alla funzione.
Daniele Petralli 1 anno fa su fb
Germano Mattei esatto, purtroppo però non sempre è così. Troppo spesso ciò che manca a quelle signore e a quei signori è l'udito e la vista, non ascoltano e non vedono i problemi della popolazione, specialmente in questi ultimi anni, e sappiamo tutti (meno loro) quali sono questi problemi !!!
Flavio Boffi 1 anno fa su fb
Non potrebbe andarsene la Signora Sommaruga ? Sta...
Ara Pez 1 anno fa su fb
Finalmente....e 2...ora pure la $ommaconlerughe, così si porta via pure i suoi amici asilanti con lo Smartphone e noi possiamo esclamare : non c'è 2 senza 3 !...
Silvana Canonica 1 anno fa su fb
Appunto,speriamo in un miracolo!?!
Dada Plus 1 anno fa su fb
Tutti bravi a criticare, poi quando si tratta di votare come dovere civico....chissenefrega, tanto cambia nagott
Elena Bignone 1 anno fa su fb
Sperem
Ara Pez 1 anno fa su fb
Ara Pez 1 anno fa su fb
Ara Pez 1 anno fa su fb
Carlo Aiele 1 anno fa su fb
Finalmente
Monello 1 anno fa su tio
ma la Simo ?? direi che è ora anche per lei !!
Zico 1 anno fa su tio
@Monello la Simo ruga e ruga e somma e somma...
LuGi PM 1 anno fa su fb
Cosa ć è dietro?
Andres Hollenstein 1 anno fa su fb
Adesso manca la dimissione di Simonetta Somaruga e siamo un può meglio
Bea Lugano 1 anno fa su fb
Danny50 1 anno fa su tio
Fuori che di cretinate se ne sono fatte abbastanza. Adesso via la Somar uga poi basta donne al volante pericolo costante
Giuseppe Casartelli 1 anno fa su fb
???????
Led Swan 1 anno fa su fb
Anche nella data delle dimissioni ha dimostrato incoerenza. Il 26 settembre è mercoledi' e non venerdi'...
Dada Plus 1 anno fa su fb
Ieri era il 27 settembre e giovedì, quindi il suo commento c'entra come i miliardi incassati dalla Svizzera neutrale che vende armi in tutto il mondo
siska 1 anno fa su tio
...se il livello di tutte le persone che votano in Ticino é questo...allora prenda su la borsa, la moglie (il marito) e vada altrove vedrà che troverà quello che fa per lei elettori che crederanno a tutto quello che gli si dice o magari é meglio rimanere con i piedoni al caldo nevvero?
siska 1 anno fa su tio
@siska Sicuramente per il resto dei miei giorni il ppd é cancellato dalla mia memoria e mai potrei votare un partito come questo e parlo del cantone ticino pipidino. Ne conosco un paio e ahimé la mia memoria in questo caso non si é mai spenta.
siska 1 anno fa su tio
@siska Bravo ottimo max negri@!..mi riallaccio e convengo.
Marco Spinelli 1 anno fa su fb
scappano tutti dalle vere decisioni
Luigi Lorenzi 1 anno fa su fb
Prima ci hanno messo nella merda poi come dici tu scappano
Germano Mattei 1 anno fa su fb
Ma non trova che qualcosa ha fatto?...mi sembra severo è ingiusto.
Marco Spinelli 1 anno fa su fb
Germano Mattei assolutamente certo. Liberalizzato i mercati e semi-privatizzato le aziende pubbliche. Aggiungo che c’è il tema Europa che nessuno vuole affrontare in linea con le decisioni del popolo, quindi meglio andarsene...
Germano Mattei 1 anno fa su fb
Marco Spinelli
castigamatti 1 anno fa su tio
Grazie Signora Leuthard per l'ottimo lavoro svolto per la sua Nazione. Auguri e felicità a Lei.
Lì Mo 1 anno fa su fb
Gente che commenta a cazzo anche oggi ne abbiamo!
Elda Molinari 1 anno fa su fb
Lì Mo ognuno è libero quello che vuole libertà di parola
Athos Giusti 1 anno fa su fb
Elda Molinari : si però non bisogna confondere la “libertà di parola” con la necessità di “sparar cazzate”...!! ?
Renny Crotti 1 anno fa su fb
Donna con la D maiuscola in tutti i sensi!?????
Simone Canepa 1 anno fa su fb
EVVIVA! manca solo la Dommaruga!
Caroline Meyer 1 anno fa su fb
Ma la peggiore è ancora li, uff!
Equalizer 1 anno fa su tio
Nonostante gli errori che possa aver fatto, delle donne che fino ad oggi sono state nella stanza dei bottoni, questa è stata la migliore.
Elda Molinari 1 anno fa su fb
La Sommaruga quando va ???
Carlo Aiele 1 anno fa su fb
Elda Molinari votiamo per dimettere la somma?
Elda Molinari 1 anno fa su fb
Carlo Aiele io non commento più perché vengo attaccata
Silvana Canonica 1 anno fa su fb
Carlo Aiele vado a votare subito
Pietro Dangelo 1 anno fa su fb
La somma non va, serve per essere razzista contro il popolo svizzero a favore di chiunque venga dall'aldilà.
Max Negri 1 anno fa su fb
Posti di lavoro liberi...dove si può candidarsi? ???
Dada Plus 1 anno fa su fb
Questo e' il livello delle persone che votano in Ticino...altro che ridere....
Max Negri 1 anno fa su fb
Dada Plus guarda il tuo di livello ...
Dada Plus 1 anno fa su fb
Vai a nanna va piuttosto...peggio dell'asilo....
gabola 1 anno fa su tio
Due pensionati di lusso in piu...io in nomination metterei la Mirra,cosi la zappata è definitiva
leopoldo 1 anno fa su tio
@gabola no dai alla mirra e alla somaruga se se ne va gli regaliamo un viaggio in eritrea di solo andata
occhiaperti 1 anno fa su tio
@leopoldo partecipo ai costi, in gommone però e poi via il deserto della Lybia!
leopoldo 1 anno fa su tio
@occhiaperti vorrei essere li quando chideranno asilo politico alla lybia haaaaa
leopoldo 1 anno fa su tio
di solito quando i topi abbandonano la nave i casi sono 2 non c'é piu niente da mangiare o perche sta affondando
occhiaperti 1 anno fa su tio
È Ora che se ne va via al ...., il scandolo dell'autpostale nasce nella sua culla, chiedendo di fare utili eccessivi. Più bella notizia del giorno!
Mattiatr 1 anno fa su tio
@occhiaperti Ribadisco! Inoltre gli utili sono in aumento in casa Posta, però gli uffici postali e i bus nella mia zona hanno una tendenza un po' decrescente.
tip75 1 anno fa su tio
speriamo lo facciano anche gli altri!
mark72 1 anno fa su tio
oh ogni tanto una bella notizia ??
Patricia Widy 1 anno fa su fb
Chi sa come mai sta gente se ne va ? Cosa ci aspetta il futuro ??!!!!
Manuela Decarli 1 anno fa su fb
12 anni di consiglio federale sono pesanti
Carlo Aiele 1 anno fa su fb
Tanto la pensione a vita di 50k al mese ce lha.
Patricia Widy 1 anno fa su fb
Già!!!!?
leopoldo 1 anno fa su tio
dai sommaruga vai che facciamo una bella festa nazionale
Marco Edoardo Dozio 1 anno fa su fb
Prima di festeggiare.... aspettiamo a vedere chi la sostituirà.... :-/
Carlo Aiele 1 anno fa su fb
Marco Edoardo Dozio in teoria si dovrebbe votare no per chi mettere al suo posto ? A no.....
Dada Plus 1 anno fa su fb
Votare? Ma se gia' a livello Cantonale a sempre meno persone importa qualcosa, suvvia!
Marco Edoardo Dozio 1 anno fa su fb
Carlo Aiele i consiglieri federali sono eletti dalla camera bassa e non dal popolo...
albertolupo 1 anno fa su tio
Quasi quasi mi candido. Ben due posti liberi…. se ce l'ha fatta Cassis...
MIM 1 anno fa su tio
Il 25 novembre sta già mietendo le prime vittime. Ottimo.
Thor61 1 anno fa su tio
@MIM Sarei anche d'accordo, ma la cosa puzza di sostituzione per togliere nomi già "Odiati" dalla popolazione. Il netto lo si avrà quando sapremo quali Obi-Wan Kenobi li sostituiranno, nel caso del CF ticinesi si è caduti dalla padella alla brace, sai che fortuna!!!! ;o))))) Saluti
KilBill65 1 anno fa su tio
Prenda esempio il Gran Consiglio!!!....Avanti i prossimi.....
pillola rossa 1 anno fa su tio
Tschüss!
Daniele De Vittori 1 anno fa su fb
Ora mancano le dimissioni della sommaruga .....!!
Silvana Canonica 1 anno fa su fb
Quando i miracoli saranno realtà!!!!
Manuela Quattropani 1 anno fa su fb
già ho detto la stessa cosa!!!sarebbe una notizia meravigliosa!!
Daniele Petralli 1 anno fa su fb
Daniele De Vittori Se si dimette mi candido io !!!
Luigi Lorenzi 1 anno fa su fb
Clody Clo 1 anno fa su fb
rojo22 1 anno fa su tio
Good job!
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-21 13:06:30 | 91.208.130.87