Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
10.05.2019 - 12:160

Caso FIFA: procedura disciplinare contro Michael Lauber

Il procuratore generale della Confederazione ha più volte affermato di non ricordarsi di un terzo incontro con il presidente della FIFA Gianni Infantino

BERNA - Sale la pressione su Michael Lauber: stando ad alcuni media svizzerotedeschi, l'Autorità di vigilanza del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) potrebbe aver avviato un'inchiesta disciplinare nei confronti del procuratore generale per fare chiarezza sugli incontri avuti da quest'ultimo col presidente della FIFA Gianni Infantino. Sia l'autorità di vigilanza che lo stesso Lauber si esprimeranno in merito oggi pomeriggio.

La procura si occupa della vicenda FIFA dal 2015 per questioni che riguardano presunta amministrazione infedele e riciclaggio di denaro tramite conti bancari elvetici. L'inchiesta è molto ampia; la FIFA non è accusata, ma è parte lesa e collabora con la procura.

Lauber ha più volte affermato di non ricordarsi di un terzo incontro con Infantino, anche se questo sembra aver avuto luogo. La dimenticanza viene giustificata con i numerosi impegni. Da quando però la vicenda di un terzo incontro, non protocollato, è diventata di pubblico dominio, la pressione su Lauber è salita.

L'organo di vigilanza del MPC ha sostenuto che gli incontri fra le parti non sono anomali in quanto tali; il problema è che il codice di procedura non è stato rispettato: tutti gli atti essenziali devono infatti essere registrati in verbali e questo non è avvenuto. Gli incontri "chiari" sono però due, e il terzo rimane in qualche modo misterioso.

Il 27 di aprile scorso, alla trasmissione "Samstagsrundschau" della radio SRF, Lauber ha dichiarato che anche in caso di inchiesta disciplinare non avrebbe ritirato la sua candidatura per ulteriori quattro anni. In autunno spetterà infatti all'Assemblea federale decidere se rinnovare o meno il mandato del procuratore generale.

Nell'edizione online di oggi del Blick si legge che la settimana prossima la commissione giudiziaria del parlamento dovrà decidere se raccomandare alle Camere di riconfermare o meno Michael Lauber.

Domenica scorsa, in notizie non confermate alla Keystone-Ats, la NZZ am Sonntag e Le Matin Dimanche scrivevano che quattro persone coinvolte nell'inchiesta su presunti casi di corruzione avvenuti in seno alla FIFA avrebbero chiesto la ricusa di Lauber e di altri inquirenti. I domenicali citavano gli avvocati ginevrini Patrick Hunziker e Elisa Bianchetti, che difendono l'ex segretario generale della FIFA Jérôme Valcke.

Tali richieste raramente hanno successo, ma c'è il «pericolo reale» che Lauber venga ricusato da tutte le questioni legate alla FIFA, affermava tra l'altro il professore di diritto basilese Mark Pieth citato dai due giornali.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 21:20:20 | 91.208.130.86