ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
13 min
La Svizzera centrale vuole regole più severe contro il Covid
I direttori cantonali della sanità della regione auspicano un'estensione dell'obbligo d'indossare le mascherine.
BERNA
30 min
Votazioni di novembre: l'UDC dice "no", i Verdi "sì"
Le assemblee virtuali dei delegati dei due partiti si sono espresse sugli oggetti in consultazione in autunno.
SVIZZERA
1 ora
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
BERNA
2 ore
Coronavirus: «Il Consiglio federale deciderà nuove misure molto presto»
La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga lo ha confermato nel corso di una visita all'Inselspital di Berna
ARGOVIA
3 ore
Una 29enne dal piede pesante
La conducente è stata pizzicata mentre viaggiava a 214 km/h al posto dei 120 consentiti.
ZURIGO
3 ore
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
4 ore
«Garantire gli impieghi e accelerare il passaggio a un'economia verde»
Balthasar Glättli si è rivolto in modalità virtuale ai delegati dei Verdi riuniti in assemblea.
SVIZZERA
4 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
SVIZZERA
4 ore
«Prima combattiamo il covid, poi la legge sul CO2 e l'accordo quadro»
Marco Chiesa ha aperto questa mattina con un discorso l'assemblea dei delegati dell'UDC.
SVIZZERA
6 ore
UDC e Verdi, le assemblee dei delegati si tengono online
I democentristi discuteranno in particolare dell'accordo quadro. Gli ecologisti di politica agricola.
SVIZZERA
7 ore
«Non servono nuove regole, ma ogni giorno conta»
Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19, si dice allarmato per il rapido aumento di casi in Svizzera.
BASILEA CITTÀ
8 ore
«Ha detto che avrebbe sparato al prossimo senza mascherina»
A.Z. ha un certificato medico, ma la gente non lo sa. E ogni giorno raccoglie insulti sui mezzi pubblici
SVIZZERA
19 ore
Tutta Europa ci guarda, ora la “pecora nera” siamo noi
Anche l’Italia osserva l’incremento dei dati svizzeri sul Covid-19 con una certa preoccupazione
SVIZZERA
20 ore
Rubano un'auto e scappano contromano dalla polizia: due 15enni in manette
I due hanno anche provocato un incidente, mettendo in pericolo la vita di numerose persone
BERNA / ZURIGO
21 ore
Due rapine in banca nel pomeriggio
Colpi nella filiale UBS in Römerhofplatz a Zurigo e alla Valiant Bank di Belp
SVIZZERA
30.03.2015 - 15:350
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Parla il comandante delle Guardie del Papa su Chiesa, donne e gay

Christoph Graf da febbraio è il comandante delle guardie pontificie. Dice no alle donne in Vaticano, no alle unioni omosex e rivela lo stipendio di una guardia: 1500 euro al mese

CITTÀ DEL VATICANO - Dallo scorso febbraio è il nuovo comandante delle Guardie svizzere. Christoph Graf, 53 anni, dirige il corpo di guardia che ha il compito di garantire l'incolumità del Santo Padre. È lui che sta alla sua destra quando il Papa si trova in Piazza San Pietro. Oggi esce allo scoperto e in una lunga intervista rilasciata alla Argauer Zeitung parla della vita delle guardie svizzere, del ruolo della donna nella Chiesa e delle posizioni del Vaticano sull'argomento omosessualità. E parla anche di un Pontefice che sta rivoluzionando parecchie cose, ad iniziare dal suo comportamento con i fedeli.

"La nostra preoccupazione è garantire la sicurezza del Papa, e questo non sempre è un compito facile, soprattutto con un Pontefice così vicino al popolo che ci chiede di fermare la Papamobile quando attraversa piazza San Pietro invasa dai fedeli. A volte riteniamo che fermarsi in quel momento non è proprio l'ideale, ma se lui chiede di farlo noi eseguiamo il suo ordine".

Il Papa rivoluzionario - Un Papa vicino anche al personale che lavora nella Città del Vaticano. "In questo senso ha portato davvero una rivoluzione. È molto paterno. Parla con tutti. Prima quando passava il Pontefice il personale doveva nascondersi e non poteva avere contatti con lui. Ora invece il Papa parla direttamente con loro e ha specificato che non c'è bisogno che spariscano al suo passaggio. Una volta è andato perfino a pranzare nella mensa del personale".

Le donne in Vaticano - Alla domanda quando vedremo una donna nelle guardie svizzere, Graf dice che il giorno in cui accadrà, lui probabilmente non ci sarà più. "La nostra caserma è già piena. Non c'è più posto. Se dovessimo assumere delle donne dovremmo costruire una nuova ala". E poi ha aggiunto: "Una donna in realtà già c'è, ed è la segretaria. Non è ancora maturo il tempo per poter fare entrare le donne tra le guardie svizzere. Abbiamo una tradizione di 500 anni, e continuiamo a portarla avanti. La Chiesa ha una tradizione, e deve attenersi ad essa. Cosa sarebbe accaduto se la Chiesa avesse dato seguito ad ogni tendenza? Avremmo avuto vescovi donne o addirittura un Papa donna".

1500 euro al mese - È stata poi la volta del lavoro delle guardie svizzere che, a differenza delle guardie del corpo di altri presidenti di stato, non vengono ricoperte d'oro. "Se uno lo fa soltanto per i soldi allora è meglio che lasci perdere" ha spiegato Christoph Graf, aggiungendo: "Una guardia svizzera guadagna 1.500 euro al mese". Per quanto riguarda la vita quotidiana, Graf ha spiegato che il divieto di bere riguarda solo quei militi che vengono impiegati in pubblico. Questo per evitare che uno venga fotografato in pubblico con una bottiglia in mano. Tuttavia è stato precisato che i turni di guardia all'entrata durano sei ore al massimo e che con un cambio ogni tre ore la guardia ha sempre la possibilità di poter bere qualcosa. Nei locali interni e nelle postazioni non esposte al pubblico le guardie possono bere qualcosa.

Un altro aspetto interessante che emerge dall'intervista sono i 30 giorni di vacanza all'anno di cui godono le guardie svizzere. Trenta giorni che includono anche i giorni di festa e i fine settimana. I giorni di servizio di fila sono sei a cui seguono tre giorni in cui le guardie restano a disposizione per essere eventualmente impiegate in impegni straordinari. Se non c'è in programma nulla, la guardia è libera da impegni.

Le guardie e le ragazze - Nell'intervista si chiede anche se le guardie svizzere possono avere una ragazza e il comandante Graf ha risposto con una battuta, ridendo: "Siamo uomini normali e non controlliamo se una guardia ha una ragazza o no. E se ce l'ha, sarà lei stessa a dovere fare fronte a questa preoccupazione".

Solo svizzeri e fedelissimi - Le guardie del Papa resteranno svizzere, anche in futuro. Un'apertura a militi stranieri resta esclusa: "Resterà un privilegio per gli svizzeri". Guardie svizzere che, naturalmente, assolvono il loro dovere dimostrando di essere mossi da uno spirito di fede. "Durante i colloqui ai candidati è sempre presente anche il cappellano. Si discute intensamente sulla fede e sull'atteggiamento di fronte alla vita", ha spiegato Graf.

Gay e sessualità - Un tema affrontato nell'intervista è stato quello dell'omosessualità. È stato ricordato il caso del parroco che ha impartito la benedizione a una coppia lesbica, e nell'intervista il giornalista ha fatto notare che l'omosessualità è stata nel frattempo accettata dalla società. Graf ha risposto, ponendo una domanda: "La Chiesa si deve sempre adeguare alla società? Il caso di Bürglen viene strumentalizzato per raffigurare una Chiesa retrograda. Ma gli abitanti di Bürglen credono ancora veramente? Tutta questa gente che critica va davvero alla Santa Messa? Non si scordi che la Chiesa svizzera non è la chiesa del mondo".

A quel punto il giornalista ha chiuso l'intervista chiedendo a Graf se non considera antiquata la posizione del Vaticano nei confronti degli omosessuali. "No. Dipende dal modo di vedere le cose. Se la Chiesa vuole seguire la società dovrebbe per esempio permettere l'aborto e le unioni omosessuali. Ma poi resterebbe ancora la Chiesa cattolico romana? Nessuno esclude gli omossessuali. La questione è se gli omosessuali manifestano la loro sessualità o meno. Se lo fanno e vogliono essere cattolici allora la cosa non va bene. La Chiesa, sotto questo aspetto è chiara".

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-24 16:21:39 | 91.208.130.87