Cerca e trova immobili

SVIZZERAI concessionari svizzeri di auto non prevedono adozione di dazi verso la Cina

12.06.24 - 20:17
La Confederazione ha infatti concluso con Pechino un accordo di libero scambio.
IMAGO
Fonte ats
I concessionari svizzeri di auto non prevedono adozione di dazi verso la Cina
La Confederazione ha infatti concluso con Pechino un accordo di libero scambio.

ZURIGO - Berna non adotterà dazi compensativi sul modello di quelli decisi dall'Ue sulle importazioni di auto elettriche cinesi. La Confederazione ha infatti concluso con Pechino un accordo di libero scambio. Concessionari e amministrazione federale sono concordi.

«Finora era consuetudine non adottare i dazi dell'Ue», ha dichiarato oggi all'agenzia di stampa economico finanziaria Awp il presidente dell'Associazione svizzera dei commercianti di veicoli indipendenti (VFAS) Roger Kunz. «Per questo motivo l'imposta sulle automobili in Svizzera rimarrà probabilmente al 4%». Non si prevede che la situazione cambi.

La Svizzera è "più neutrale" e non interferisce nelle dispute commerciali degli altri paesi. Dall'inizio di quest'anno sono stati aboliti unilateralmente i dazi industriali. Ciò significa che i dazi doganali sulle auto non europee non saranno più applicati, ha spiegato Kunz.

Previsto un aumento della domanda

È probabile che la domanda di auto cinesi continui a crescere poiché i produttori del Regno di Mezzo sono superiori a molti altri in termini di competitività. L'azienda di Roger Kunz - Auto Kunz di Wohlen (AG) - è stata secondo le sue stesse dichiarazioni il primo importatore di auto cinesi in Svizzera e ora è confrontata con una maggiore concorrenza.

Quest'anno anche Emil Frey e Astara (Stellantis, Hyundai) inizieranno a vendere auto provenienti dal Regno di Mezzo. Ciò significa che anche i veicoli del grande produttore BYD saranno lanciati sul mercato elvetico.

Nella Confederazione, la quota di mercato delle auto cinesi è ancora inferiore all'1%, mentre in alcuni paesi dell'Ue raggiunge già il 10%. Kunz ritiene che la Commissione europea abbia probabilmente avuto paura, il che ha portato all'imposizione di dazi compensativi. «A nostro avviso, si tratta di un isolamento del mercato dell'Ue. Non sappiamo se avrà successo. Perché la Cina potrebbe adottare misure di ritorsione».

Importatori: dazi creano solo perdenti

L'associazione degli importatori auto schweiz vede con preoccupazione i dazi compensativi adottati dall'Ue, poiché il rischio di un conflitto commerciale globale viene accresciuto. «Alla fine, un tale conflitto creerà solo dei perdenti», scrive l'organizzazione in una presa di posizione.

I consumatori disporranno di una minore scelta di prodotti e a prezzi più alti. «L'industria automobilistica europea, che rappresenta circa i tre quarti delle importazioni di autovetture in Svizzera, non ha bisogno di dighe di contenimento contro la Cina, ma di condizioni quadro generalmente più favorevoli all'innovazione», ha detto ad Awp il presidente di auto schweiz Peter Grünenfelder.

SECO: i dazi dell'Ue non hanno impatto su Svizzera

Secondo la Segreteria di Stato dell'economia (SECO), eventuali dazi compensativi dell'Ue non avranno un impatto diretto sul mercato automobilistico svizzero. A differenza dell'Ue e di altri paesi, la Confederazione non applica misure di difesa commerciale.

«In linea di principio, non riteniamo che tali misure siano nell'interesse economico della Svizzera», ha scritto la SECO in risposta a una richiesta di Awp. Dall'inizio di quest'anno, la Svizzera non riscuote più dazi doganali sui beni industriali importati, come gli autoveicoli. In ogni caso, grazie all'accordo di libero scambio con la Cina, i dazi doganali non sono più stati riscossi sui prodotti industriali cinesi.

«Se i veicoli cinesi sono importati direttamente in Svizzera (cioè senza essere passati precedentemente nel mercato interno dell'Ue), possono continuare a essere importati nella Confederazione esenti da dazi anche se l'Ue impone dazi protettivi o compensativi ai produttori cinesi», ha spiegato la SECO. Quando i veicoli a motore vengono importati in Svizzera, devono essere pagate solo l'IVA e l'imposta sulle automobili, indipendentemente dall'origine della merce.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE