Immobili
Veicoli

SVIZZERAUcraina: in partenza le donazioni di Migros e Coop

07.03.22 - 14:32
Il costo del trasporto della merce, che arriverà a destinazione via treno, verrà coperto da FFS.
Keystone
Fonte Ats
Ucraina: in partenza le donazioni di Migros e Coop
Il costo del trasporto della merce, che arriverà a destinazione via treno, verrà coperto da FFS.

BERNA - Il quarto carico di aiuti svizzeri per la popolazione ucraina partirà oggi su rotaia. Altre forniture di soccorso, tra cui tende familiari e medicinali, saranno inviate nel corso della settimana, ha annunciato oggi il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) in un comunicato.

Il convoglio odierno comprende articoli igienici di uso quotidiano come pannolini per bambini, salviette umidificate, assorbenti, tamponi, dentifricio, sapone liquido, ma anche alimenti per bambini del valore di 1 milione di franchi, forniti da Migros e Coop. I costi di trasporto per i 19 vagoni merci saranno coperti da FFS Cargo.

I dieci camion partiti venerdì stanno attualmente consegnando 90 tonnellate di materiale fornito dalla farmacia dell'esercito, tra cui letti d'ospedale, tute di protezione medica, disinfettanti, medicazioni per ustioni, sacchi a pelo, materassi e coperte di lana al confine ucraino, da dove saranno trasportati nell'entroterra da organizzazioni partner. Ulteriori forniture di aiuti umanitari saranno organizzate nei prossimi giorni dal Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA) tenendo conto dei bisogni e delle capacità, aggiunge la nota.

Il primo carico di soccorsi, arrivato in Polonia la settimana scorsa, è stato consegnato al confine a Caritas Ucraina, che lo distribuirà nel Paese in guerra. Inoltre, con il sostegno delle autorità polacche, la Svizzera ha potuto inviare tramite ferrovia a Kiev i medicinali e le forniture mediche urgentemente necessari. Il carico è arrivato domenica sera. Oggi è stato inoltre deciso di inviare un secondo team di esperti del CSA in Moldavia per affiancare quello già presente in Polonia, a Lublino.

La Confederazione sostiene già il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) con 0,5 milioni di franchi e l'ONU con 0,75 milioni e verserà altri 6,5 milioni di franchi alle organizzazioni internazionali e all'ONU. Saranno sostenute anche le organizzazioni locali che hanno una forte presenza sul territorio e che stanno già fornendo assistenza umanitaria in questa fase. Per il pacchetto di sostegno della prima fase dell'aiuto umanitario sono previsti in totale 8 milioni di franchi, precisa ancora il DFAE.
 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA