tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA/TICINO
26.09.2021 - 11:090

Urne aperte, chi la spunterà?

Matrimonio per tutti, 99 per cento, pigioni abusive e altro ancora. Si vota su due iniziative federali e tre cantonali

LUGANO - Le urne sono aperte, ma la suspance non è altissima. Il popolo svizzero ha iniziato a dire la sua sui due oggetti federali in votazione oggi: il "matrimonio per tutti" e la cosiddetta iniziativa del 99 per cento. Dai sondaggi però il risultato sembrerebbe piuttosto scontato. 

Tasse sui capitali - A partire svantaggiata sulla carta è l'iniziativa della Gioventù socialista (GiSo). La proposta è volta - almeno negli intenti - a ridistribuire maggiormente i redditi dei grossi capitali a beneficio di chi «lavora ogni giorno negli uffici, nei supermercati e negli ospedali», ossia del "99 per cento" della popolazione. I giovani socialisti vorrebbero tassare i dividendi e gli interessi da capitale con un'aliquota del 150 per cento sopra una certa soglia. Secondo un sondaggio Tamedia, gli iniziativisti viaggiano contro vento: solo il 34 per cento dei partecipanti si è dichiarato favorevole.

Il matrimonio verso il sì - Tutt'altra aria tira per il "matrimonio per tutti". L'iniziativa chiede di consentire il matrimonio tra persone dello stesso sesso, attraverso una modifica del Codice civile. Oggi, le coppie dello stesso sesso possono ricorrere solo all'unione domestica registrata (lo fanno circa 700 coppie all'anno). Qui i sondaggi sono più propizi: la percentuale di "sì" si attesta al 67 per cento nella rilevazione Tamedia. Un altro sondaggio condotto dalla SSR dà il "sì" al 63 per cento. Comunque un ampio margine. 

Tre temi ticinesi - I ticinesi votano anche su tre temi cantonali. La più "vecchia" è l'iniziativa sul referendum finanziario “Basta tasse e basta spese", presentata nel 2017, che propone di sottoporre all'approvazione popolare le spese cantonali superiori a una certa soglia. Attualmente è possibile indire referendum facoltativi sulle decisioni del Gran Consiglio: se l'iniziativa dovesse passare, il referendum scatterebbe obbligatoriamente ogni volta che il Cantone delibererà investimenti sopra ai 20 milioni di franchi. 

Affitti troppo cari - L'iniziativa sulle "pigioni abusive", sostenuta dall'Associazione inquilini e dal Partito socialista, vuole introdurre un ulteriore strumento normativo a favore di chi vive in affitto. Se il "sì" dovesse passare, alla stipula del contratto di locazione il padrone di casa sarebbe obbligato a indicare - tramite apposito formulario - l'importo pagato dall'inquilino precedente: un correttivo che, secondo i promotori, aiuterebbe a contenere i rincari. 

Il bis del Ghiro - Terzo oggetto in votazione: l'iniziativa sulla legittima difesa bocciata dal voto popolare nel 2021. Il Tribunale ha annullato la votazione accogliendo un ricorso presentato dal promotore Giorgio "Ghiro" Ghiringhelli, per cui oggi il tema torna alle urne. Un anno fa la proposta - coprire con fondi pubblici le spese giudiziarie delle vittime di aggressione, che invocano la legittima difesa - era stata rifiutata dal 50,3 per cento della popolazione. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 22:46:37 | 91.208.130.86