keystone
Martin Ackermann
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
2 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
3 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
SVIZZERA
4 ore
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
7 ore
I camerieri possono essere obbligati a presentare il certificato Covid
La misura deve essere proporzionata e valutata caso per caso
ZURIGO
8 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
9 ore
Caso FIFA: l'immunità di Stefan Keller non sarà tolta
Il presidente del tribunale cantonale di Obvaldo, era incaricato di indagare sugli incontri segreti tra Michael Lauber.
BERNA
10 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
11 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
12 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
13 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
SVIZZERA
13 ore
In diminuzione i casi di meningoencefalite e borreliosi da zecche
Secondo l'UFSP i casi finora segnalati quest'anno sono 234.
GRIGIONI
14 ore
Auto si ribalta più volte, adolescenti solo leggermente feriti
L'incidente è avvenuto ieri tra Sarn e Cazis. Solo leggere ferite per due 18enni e un 17enne.
SVIZZERA
18.05.2021 - 14:060
Aggiornamento : 18:54

I ticinesi «fanno bene» a testarsi per andare in Italia

Gli esperti della Confederazione fanno il punto sulla situazione epidemiologica in Svizzera

BERNA - I progressi in campo vaccinale, l'arrivo di 3mila dosi di farmaci Roche per la cura dei casi più gravi. Ma anche l'importanza di mantenere alcune precauzioni, come la mascherina e il distanziamento sul lavoro. Gli esperti della Confederazione oggi pomeriggio fanno il punto sulla lotta al coronavirus in Svizzera, in diretta da Palazzo Federale. 

All'incontro con i media, organizzato per le 14.00, sono presenti Virginie Masserey, capo della Sezione di controllo dell'epidemia dell'UFSP, Adrian Kammer capo della sezione Informazione sanitaria e campagne, Rudolf Hauri, presidente della Conferenza dei medici cantonali e Martin Ackermann, capo della task force federale Covid-19. 

La situazione epidemiologica in Svizzera è definita «incoraggiante» in esordio della conferenza da Virginie Masserey. Circa 1,2 milioni di svizzeri sono già vaccinati. «Stiamo monitorando attentamente la situazione di varianti preoccupanti» ha sottolineato Masserey, osservando che «i vaccini funzionano bene anche contro la variante indiana». 

Resta tuttavia «importantissimo» che si continuino a rispettare le misure di protezione, soprattutto il porto della mascherina nei luoghi pubblici «perché non è possibile distinguere le persone vaccinate da quelle che non lo sono» ha precisato Masserey.

Adrian Kammer ha quindi presentato la campagna d'informazione #iomifacciovaccinare lanciata nei giorni scorsi dalla Confederazione. «L'obiettivo è permettere alla popolazione di fare la propria scelta in modo autonomo e indipendente, sulla base di informazioni accertate» ha spiegato l'esperto. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito dell'Ufsp. «Diversi protagonisti della cultura, del mondo scientifico ed istituzionale hanno aderito all'appello a favore della protezione» prosegue Kammer: la Confederazione è ottimista su una risposta positiva da parte della popolazione. 

Il capo della Task Force Covid Martin Ackermann ha fatto quindi il punto sulla situazione epidemiologica in Svizzera, confrontando i dati delle infezioni con quelli registrati nelle scorse settimane in Gran Bretagna e in Israele. Lo scarto tra le curve nei diversi paesi è diminuito molto a partire da maggio, per cui «la Svizzera è su una buona strada» ha sottolineato Ackermann. 


screenshot UFSP

La notizia più confortante, ha sottolineato il capo della task force, è che «anche nel periodo in cui sono entrati in vigore gli allentamenti la curva ha rallentato». La Task Force ha quindi rivisto i propri scenari in positivo. «In questo momento, è possibile allentare ulteriormente le misure senza un grande rischio per le persone non vaccinate».

Per quanto riguarda i viaggi all'estero per ragioni di turismo, in conferenza si è fatto l'esempio del Ticino, dove nei giorni scorsi si è registrata «una grande richiesta di test nelle farmacie allo scopo di recarsi in Italia». La Confederazione non ha delle raccomandazioni contrarie ai viaggi nelle regioni considerate sicure: «La Svizzera dispone attualmente di un buon numero di test e questi sono a disposizione della popolazione, che può utilizzarli in caso di necessità». Non c'è quindi «nessun problema» ed è «corretto e comprensibile che la popolazione ne faccia domanda» per recarsi in paesi che richiedono il tampone in entrata. 

Il certificato Covid, hanno precisato gli esperti, potrebbe essere realtà per le categorie a rischio già all'inizio di giugno. Il resto della popolazione dovrebbe poterlo ottenere entro la fine di giugno. L'Ufsp sta valutando quali paesi potranno essere raggiungibili con il certificato Covid, durante l'estate, ma molto dipenderà dalle decisioni adottate nell'area Schengen e dai partner europei.

keystone
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 02:47:50 | 91.208.130.86