tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Lambda, ma quanto è pericolosa?
Secondo i ricercatori giapponesi potrebbe essere più aggressiva della variante Delta.
SVIZZERA
3 ore
Discussioni sul clima fra Simonetta Sommaruga e John Kerry
La consigliera federale ha incontrato (virtualmente) l'inviato speciale USA
SVIZZERA
3 ore
Covid: la Svizzera è seconda nella classifica Bloomberg
In termini di gestione delle restrizioni e impatto sull'economia, è riuscita a fare meglio solo la Norvegia.
SVIZZERA / THAILANDIA
4 ore
Una svizzera violentata e uccisa in Thailandia
Il corpo di una 57enne è stato trovato giovedì pomeriggio sull'isola di Phuket
GRIGIONI
5 ore
In corsa per battere il record mondiale del Pi Greco
L'importante traguardo è stato raggiunto ieri dalla Scuola universitaria professionale dei Grigioni.
SVIZZERA
6 ore
Avvelenamenti: oltre la metà dei casi riguarda ragazzi e bambini
Lo scorso anno Tox Info Suisse ha ricevuto più di 37'300 chiamate in seguito all'esposizione a una sostanza tossica
ARGOVIA
6 ore
Sequestrati diversi chili di eroina e cocaina
Nel Canton Argovia sono stati arrestati tre cittadini albanesi in possesso delle sostanze stupefacenti
VAUD
7 ore
Sull'A1 tra insulti e botte. Arriva la condanna
Una dinamica poco chiara, ma un atteggiamento alla guida troppo pericoloso.
SVIZZERA
8 ore
In Svizzera 1'024 contagi e un decesso in ventiquattro ore
Su 17'530 test Covid effettuati, il 5,8% è risultato positivo
SAN GALLO
9 ore
Benzina al posto del diesel? E l'auto prende fuoco
Il mezzo è stato divorato dalle fiamme sull'autostrada A1 in territorio di Gossau, nel Canton San Gallo
SVIZZERA
9 ore
Più auto (il doppio), meno incidenti mortali (un quinto)
Gli incidenti mortali sono calati in modo netto dal 1980. Le auto sono più sicure di bici e moto, ma il treno batte tutti
ZURIGO
13.04.2021 - 12:190

Non tutti i medici di famiglia vogliono vaccinare, si rischiano ritardi

Pesa, da una parte, la retribuzione forfettaria garantita a ogni dose somministrata.

Ma c'è pure chi difende l'indennizzo definendolo «un ragionevole compromesso»

ZURIGO - In un documento di 21 pagine i medici della clinica di Muotathal spiegano ai loro pazienti perché attualmente non stanno vaccinando contro il Covid. Giungono alla conclusione: «Non possiamo fornire alcuna convincente ragione medico-scientifica per cui una vaccinazione dovrebbe essere effettuata, in questo momento, con uno dei vaccini che sono ora disponibili».

La clinica intravede, contrariamente alla valutazione di Swissmedic, un rapporto sfavorevole tra rischio e benefici per il paziente. E non è l'unica. Sono diversi - stando a 20 Minuten - i medici critici sull'argomento vaccinazione o quantomeno che «non esercitano alcuna pressione» per vaccinare.

Complici le retribuzioni - «La retribuzione porta a sua volta a enormi ritardi nella strategia di vaccinazione», afferma Felix Huber, presidente di Medix, associazione dei medici di famiglia. «L'approccio scelto per la retribuzione della nostra categoria è sistema complesso di cui dobbiamo vergognarci», aggiunge.

I medici generici ricevono dal Governo federale 24,50 franchi per ogni vaccinazione contro il Coronavirus. «La maggior parte degli studi medici non può permettersi di assumere personale aggiuntivo con questo misero compenso», afferma Huber. 

«Se la Confederazione ei Cantoni avessero permesso ai medici di base di vaccinare sin dall'inizio e avessero pagato una cifra uniforme di almeno 50 franchi, saremmo molto più avanti con la nostra strategia di vaccinazione. Qualsiasi medico di base che non partecipa alla campagna di vaccinazione a causa della retribuzione complicata e insufficiente ritarderà ulteriormente la lotta alla pandemia», aggiunge.

«Il fatto che nella più grande pandemia degli ultimi 100 anni si stiano costruendo soluzioni altamente complesse e centri di vaccinazione nazionali, invece di fare affidamento sulla già collaudata formula della somministrazione nello studio medico, sta generando ritardi di mesi. Dovremmo porre fine al teatrino e finalmente fare dei passi avanti», chiede il presidente di Medix.

Un altro motivo per cui alcuni studi medici non effettueranno vaccinazioni contro il Covid è la logistica: «A causa dell'enorme sforzo logistico necessario e alla vicinanza del nostro studio al centro vaccinale ormai collaudato, è molto probabile che andremo ad aiutare nel centro di vaccinazione piuttosto he ricevere», sottolineano un paio di medici di Kriens.

«È importante che tutti partecipino adesso» - Per la Consigliera nazionale Flavia Wasserfallen (PS), il medico di base in questa fase è fondamentale. «È estremamente importante che la vaccinazione sia ora possibile anche in studio. Perché nelle prossime settimane ci aspettiamo così tante somministrazioni che i centri vaccinali non potranno farcela da soli».

Inoltre, non va sottovalutato il rapporto personale tra il medico di famiglia e il paziente. «Soprattutto per le persone che non appartengono al gruppo a rischio e sono critiche nei confronti della vaccinazione, un colloquio personale con una persona di fiducia come il medico di famiglia può aiutare a chiarire eventuali ambiguità o scetticismi».

Wasserfallen critica a sua volta la retribuzione offerta: «Non può essere che la campagna di vaccinazione venga ritardata perché la somma forfettaria garantita non copre i costi. Se vogliamo che i medici di base contribuiscano, bisogna fare in modo che ricevano quanto spetta loro. Usciremo da questa crisi più velocemente se riusciremo ad accelerare nella somministrazione».

«Compromesso giustificabile» - Tobias Bär, portavoce della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), difende le tariffe: «In febbraio i Cantoni e le case malati hanno concordato un supplemento al contratto collettivo di lavoro. Riteniamo che con questo adeguamento tariffario per gli studi medici non debbano più essere condotte trattative cantonali per indennizzi supplementari. La tariffa forfettaria non sarà sempre adatta, ma la conclusione è che è stato trovato un ragionevole compromesso».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 22:18:01 | 91.208.130.85