Immobili
Veicoli
20minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
16 min
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
1 ora
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
2 ore
Il vaccino protegge i pazienti ad alto rischio da un decorso grave
Lo dimostra una valutazione del registro dei malati di Covid-19 nelle unità di terapia intensiva
SVIZZERA
2 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
GRIGIONI
3 ore
Corsa a sposarsi il 22.2.22
Sette matrimoni già prenotati a Coira per quella data. Già tutto esaurito a Zurigo.
SVIZZERA
3 ore
Amori tossici, succede a una persona su due
Violenza fisica, stalkeraggio, offese e degradazioni. La vita di coppia non sempre è rose e fiori.
SVIZZERA
4 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
6 ore
«Non sottovalutate la slitta, indossate un casco»
Secondo uno studio dell'Upi, si raggiunge velocemente una velocità di 45 chilometri all'ora
BASILEA
6 ore
Arma puntata contro un dipendente Manor
L'uomo si era intrufolato nell’edificio prima dell'apertura del negozio. Un sospettato è già stato arrestato.
SVIZZERA
7 ore
«Il nostro parco giochi è il loro spazio vitale»
La Stazione ornitologica svizzera di Sempach invita a prestare attenzione: «Gli sport invernali disturbano la fauna»
SVIZZERA
7 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
SVIZZERA
7 ore
Parità salariale, la Posta è vicina al suo obiettivo
In una società del gruppo sono tuttavia previste delle misure correttive
ARGOVIA
7 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
8 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
SVIZZERA
8 ore
«La Svizzera deve mettere il turbo sul fotovoltaico»
Secondo Greenpeace un maggiore uso del solare ridurrebbe a zero le emissioni di CO2 di trasporti, edifici e industria
BERNA
11 ore
Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio
Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.
BERNA
25.02.2021 - 14:340

Cosa fare per tornare al ristorante alla fine di marzo

Nella migliore delle ipotesi se ne parla per il 22 marzo.

Secondo un infettivologo, ora è necessaria una particolare cautela per renderlo possibile.

BERNA - Il Consiglio federale non ha ceduto alle pressioni dei Cantoni. I ristoranti e le loro aree esterne rimangono chiusi. Almeno nella prima fase di queste riaperture. Berna ha promesso un ulteriore allentamento per il 22 marzo. I ristoranti, per allora, dovrebbero essere in grado di riaprire le loro terrazze, ma solo se verranno soddisfatti determinati criteri (vedi box).

«Situazione fragile» - «La situazione epidemiologica è fragile, le nuove varianti si stanno diffondendo rapidamente e i numeri stanno ricominciando a salire», ha commentato il presidente della Confederazione Guy Parmelin, spiegano le ragioni di questo cauto approccio. Il ministro della Salute Alain Berset ha confermato le previsioni di gennaio della la task force: «I numeri, tra la metà e la fine di febbraio, stanno aumentando. Questa è la realtà dei fatti».

Una sfida per ognuno - Secondo l'infettivologo Philippe Eggimann, la Svizzera ha ora un'opportunità unica per prevenire la terza ondata. «La popolazione deve stare particolarmente attenta. Se tutti aderiranno rigorosamente alle misure, come è stato alla fine di dicembre, riusciremo a ridurre il numero di casi e, anche grazie all'aiuto delle vaccinazioni, potremo riaprire per il 22 marzo».

Secondo l'infettivologo, le persone dovrebbero continuare a limitare severamente i contatti sociali e aderire rigorosamente alla regola delle cinque persone. Le mutazioni, d'altra parte, sono più contagiose. «Chiunque ricominci a festeggiare e incontrare amici mette a repentaglio tutti i nostri successi. Accettando misure più severe, invece, contribuirà ad alleviare la situazione il più rapidamente possibile».

Eggimann spiega che l'aumento dei casi degli ultimi tre giorni è attribuibile alle mutazioni. «Gli ospedali nei cantoni di Neuchâtel e Vaud stanno già registrando un aumento dei ricoveri a causa delle nuove varianti», ha sottolineato.

«Pianificazione completamente assente» - Nel panorama gastronomico, invece, il Consiglio federale incontra disappunto. Il presidente di Gastro-Suisse Casimir Platzer ha definito le decisioni uno «schiaffo in faccia». Per lui, tenere ancora chiuse le terrazze non è una soluzione.

Anche Elias Wagner, proprietario del ristorante Moosmatt a Lucerna, afferma: «Manca completamente una pianificazione». Il ristoratore non sa cosa deve acquistare e come debba organizzare il lavoro dei suoi dipendenti nell'ottica di una riapertura. Wagner vorrebbe che le autorità fornissero indicazioni maggiori. «Mettiamo di poter aprire a marzo, la consumazione deve essere consentita anche all'interno. Nessuno verrà a congelarsi in terrazza».

Linee guida
Il Consiglio federale prevede una seconda fase di allentamenti per il 22 di marzo. Potrebbero ripartire, seppur in forme ridotte, gli eventi culturali e sportivi al pubblico. Anche l'obbligo dello smart working dovrebbe essere revocato e gli sport indoor nuovamente consentiti. Per la valutazione della prossima fase di apertura, però, il Governo federale ha fissato delle linee guida rigorose: il tasso di positività dovrebbe essere inferiore al cinque per cento; il tasso di occupazione delle unità di terapia intensiva con pazienti Covid-19, inferiore a 250 posti letto occupati e il numero medio riproduzione R degli ultimi sette giorni inferiore a 1. Inoltre, per il 17 marzo l'incidenza su 14 giorni non dovrebbe essere superiore a quella del 1 marzo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 11 mesi fa su tio
Avere i soldi per pagare la cena e prendere l'auto ;-))
ugo202230 11 mesi fa su tio
Si il 22 ma di quale anno? Basta sentire le ultime notizie (CDT di oggi) tra Como e Varese i casi di contagio sono stati 3394 (nell’ultima settimana) pari ad un aumento del 77%. Meditiamo gente e chiediamo nuovamente a tutti quelli che entrano nel nostro territorio, frontalieri compresi, un tampone negativo, le aziende si prendano a carico questo onere nel rispetto della salute nostra e dei lavoratori.
Gimmi 11 mesi fa su tio
Bernesi!!Sveglia!
marco17 11 mesi fa su tio
Una pandemia non si lascia pianificare: le misure da adottare dipendono dall'evoluzione dei contagi, dei casi gravi e dei decessi. Non dall'avvicinarsi della Pasqua o dalle paturnie di Gastrosuisse.
Fafner 11 mesi fa su tio
«I numeri, tra la metà e la fine di febbraio, stanno aumentando. Questa è la realtà dei fatti». Ma se è di poco fa la notizia che tra il 15 e il 21 sono scesi dell'11%. Mettetevi poi d'accordo.
pillola rossa 11 mesi fa su tio
L'infettivologo è anonimo, giusto per dare credibilità
joe69 11 mesi fa su tio
@pillola rossa Tu sei proprio polemico x partito preso... impara a leggere gli articoli.... invece di essere prevenuto a priori... "Secondo l'infettivologo Philippe Eggimann".... è scritto chiaramente!!!! Poi tu nn sei quello che dice sempre che Tio è di parte?? Mi spieghi allora perché vieni sempre a "leggere" e commentare le notizie che scrivono??? Tanto per fare polemica? 😉🤪😁
chris76 11 mesi fa su tio
@pillola rossa Anonimo? Io leggo Philippe Eggimann nell'articolo...
pillola rossa 11 mesi fa su tio
@joe69 Fatto printscreen. Hanno cambiato dopo il mio post. Prima si parlava di un infettivologo e poi di un dottor Eggimann, senza specificare che era lui l'infettivologo. Io leggo con attenzione le notizie. Tu invece sei concentrato solo su di me.
pillola rossa 11 mesi fa su tio
@joe69 Ti disturba che io dica la mia? Se uno è di parte non si può commentare da un altro punto di vista? Credi di essere l'unico che legge i miei post e che tutti sono interessati solo ai commenti dei portaborse e delle scimmie volanti?
Veveve 11 mesi fa su tio
Sbrigatevi a vaccinare che siamo 3 gatti in CH! Non esiste che gli under 65 devono aspettare giugno😡! Vuol dire che la seconda dose diventa luglio... e l’estate è finita😡!!!
marco17 11 mesi fa su tio
@Veveve E tu sbrigati ad accendere il cervello prima di scrivere post inutili.
Tato50 11 mesi fa su tio
@Veveve Forse se avessimo anche i vaccini magari saremmo più celeri ;_(
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 18:46:40 | 91.208.130.89