keystone
A Chateau Saint-Maire, sede del governo vodese, delle persone hanno acceso 890 candeline sabato sera in ricordo delle vittime del Covid
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO
19 min
Ricevono sull'email della scuola l'invito ad una manifestazione per il clima, avviata un'indagine
Si indaga per determinare se siano stati commessi reati quali la violazione del segreto d'ufficio o il furto di dati.
BERNA
1 ora
Diversi gommoni si rovesciano nell'Aare, interviene la polizia
A causa dell'alto livello delle acque, è attualmente pericoloso nuotare o discendere il fiume
FOTO
VAUD
1 ora
In 200 in piazza per sostenere la Palestina
Nessun disordine alla manifestazione, ordinata e autorizzata
FOTO
GIURA
2 ore
Nel canton Giura cercano un ciclista scomparso
L'uomo, un 68enne, è sparito durante una gita in bici questo venerdì
ZUGO
3 ore
Incidente a Zugo, colpisce il furgone della polizia
Fortunatamente nessuno è rimasto ferito. Si registrano solo danni materiali
GLARONA
4 ore
Trovato il corpo dell'escursionista dispersa
Per il recupero è intervenuta la Rega
FRIBURGO
4 ore
18enne finisce nei guai: percorreva l'A12 a 206 km/h
Il giovane si è presentato spontaneamente dalla polizia
SVIZZERA
4 ore
La Piattaforma Riformista dei socialisti liberali diventa un'associazione
«Il PS deve diventare più pragmatico», secondo il presidente Erich Fehr.
SVIZZERA
5 ore
Incidente auto-bici a Bienne: morto un 63enne
I soccorritori non hanno potuto fare nulla per salvargli la vita. La polizia ha aperto un'inchiesta
SVIZZERA
5 ore
«I redditi illegali sulle pigioni devono essere controllati periodicamente»
La proposta di un obbligo di revisione periodico è stata accolta positivamente dall'ASI
SVITTO
7 ore
18enne muore dopo un bagno nel lago
Tragedia davanti al lido di Pfäffikon: il giovane non ce l'ha fatta nonostante gli immediati soccorsi
TURGOVIA
8 ore
Cade mentre pulisce il tetto: 57enne gravemente ferita
La donna è stata portata in ospedale con un elicottero della Rega
FOTO
ARGOVIA
9 ore
Bimbo di 14 mesi muore investito dalla madre
La tragedia ha avuto luogo ieri pomeriggio a Rümikon.
SVIZZERA
14.02.2021 - 11:430

Il Covid in Svizzera compie un anno

A febbraio scorso l'epidemia faceva la sua comparsa in Ticino. Da allora tutto è cambiato. Ecco la cronistoria

BERNA - Il tempo passa in fretta, anche quando non ci si diverte. Da ormai un anno il coronavirus sta mettendo sottosopra la vita in Svizzera: in due ondate, a partire dal 25 febbraio 2020 ha ucciso oltre 9000 persone e portato le autorità a drastiche misure di contenimento.

Tra il primo caso registrato in Ticino, il 25 febbraio scorso - un medico rientrato da un convegno a Milano - al primo contagio da "variante brasiliana" una settimana fa: in dodici mesi nel nostro paese come nel resto del mondo è successo di tutto. Chiusure, aperture, misure preventive, mascherine. Ecco una cronistoria dei fatti più rilevanti. Sperando che il primo compleanno dell'epidemia svizzera sia anche l'ultimo.  

Febbraio

25 febbraio: primo caso confermato di Covid-19 in Svizzera, in Ticino

27 febbraio: inizia la campagna di prevenzione dell'Ufficio federale di sanità pubblica. Bisogna lavarsi bene le mani, starnutire o tossire nel gomito e rimanere a casa in caso di tosse e febbre.

28 febbraio: il Consiglio federale vieta fino al 15 marzo le manifestazioni con più di mille persone.

Marzo

5 marzo: primo decesso ufficiale in Svizzera legato al coronavirus.

13 marzo: superati i 1000 casi. Primo pacchetto economico del governo per 10 miliardi di franchi.

15 marzo: la sessione delle Camere federali viene interrotta.

16 marzo: il Consiglio federale proclama la "situazione straordinaria" e chiude le scuole. Gli eventi con oltre 100 persone vengono vietati. In bar, ristoranti e club possono entrare al massimo 50 persone.

17 marzo: i negozi, tranne quelli essenziali, vengono chiusi. Diversi Cantoni chiedono l'intervento dell'esercito per gestire la situazione.

20 marzo: vietati gli assembramenti con oltre cinque persone. Il governo sblocca 40 miliardi per gli aiuti economici. Le operazioni non essenziali vengono rinviate dagli ospedali.

Aprile

16 aprile: i casi diminuiscono e il Consiglio federale annuncia un graduale allentamento del lockdown.

29 aprile: si conclude la più grande azione di rimpatrio della storia svizzera, oltre 7000 persone rimaste all'estero per le restrizioni di viaggio vengono fatte tornare a casa.

Maggio

4-6 maggio: sessione straordinaria del Parlamento nella sede eccezionale di Bernexpo. Sbloccato il pacchetto da 57 miliardi di aiuti.

11 maggio: riaprono scuole, bar, ristoranti e altri luoghi di intrattenimento.

20 maggio: il governo approva ulteriori 14,2 miliardi di aiuti.

Giugno

6 giugno: ulteriore allentamento delle misure. Permessi eventi fino a 300 persone.

22 giugno: il Consiglio federale annuncia ulteriori alleggerimenti, consentiti eventi fino a 1000 persone.

Luglio

1 luglio: annunciato obbligo di mascherine sui mezzi pubblici.

Ottobre

1 ottobre: eventi con oltre 1000 persone sono nuovamente permessi.

7/8 ottobre: i nuovi casi giornalieri tornano sopra 1000.

19 ottobre: l'obbligo delle mascherine viene ampliato a luoghi pubblici al chiuso, stazioni e aeroporti.

23-28 ottobre: diversi Cantoni tornano a inasprire le misure e chiedono di nuovo l'aiuto dell'esercito.

Novembre

4-6 novembre: i nuovi casi giornalieri sono oltre 10'000. Diversi Cantoni romandi chiudono bar e ristoranti.

18 novembre: il Consiglio federale mette a disposizione un miliardo di franchi per sostenere le società sportive.

Dicembre

1 dicembre: la Confederazione si prepara in vista dell'arrivo dei vaccini. Verranno vaccinati per primi i pazienti a rischio.

18 dicembre: il Consiglio federale annuncia la chiusura, a partire dal 22 dicembre, di ristoranti, strutture per la cultura, il tempo libero e lo sport.

19 dicembre: Swissmedic dà il via libera al vaccino Pfizer/BioNTech.

20 dicembre: sospesi i voli da Gran Bretagna e Sudafrica a causa di varianti del virus più contagiose.

23 dicembre: prime vaccinazioni.

24 dicembre: primo caso di variante "inglese".

27 dicembre: primo caso di variante "sudafricana".

Gennaio

9 gennaio: oltre 1500 persone protestano contro le misure anti-coronavirus.

13 gennaio: deciso inasprimento delle misure, inclusa la chiusura dei negozi, fino alla fine di febbraio.

27 gennaio: il Consiglio federale punta sui test di massa e permette quarantene più corte.

Febbraio

1 febbraio: decise multe in caso di infrazione contro le misure anti-coronavirus.

7 febbraio: inasprite le misure per l'entrata in Svizzera da diversi Paesi, come il possesso di un test negativo.

8 febbraio: primo caso di variante "brasiliana".

keystone
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 19:37:25 | 91.208.130.86