Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
1 ora
Cinesi schiavizzate sessualmente, cinque arresti nel canton Berna
La polizia bernese ha arrestato tre uomini e due donne per tratta di esseri umani e istigazione alla prostituzione.
GRIGIONI
2 ore
«La Svizzera non è un'isola di sicurezza»
Droni dell’esercito per monitorare l'intera zona del WEF. L’edizione di quest'anno costerà quattro milioni in più.
SVIZZERA
3 ore
Elettricità sempre più cara: aumenti fino al 20%
La guerra in Ucraina ha accentuato una tendenza già presente in Svizzera.
GRIGIONI
3 ore
Scontro fra treni: colpa di una disattenzione
L'incidente nel 2019 nel tunnel del Vereina. Dagli accertamenti è emerso che il macchinista non aveva visto l'halt
SVIZZERA
5 ore
Un futuro alternativo per la Patrouille Suisse
Con l'acquisto degli F-35A, non saranno mantenuti gli F-5 Tiger della pattuglia acrobatica. Amherd cerca una soluzione
SVIZZERA
5 ore
Rischio di scossa elettrica, Media Markt richiama il caricabatteria
Il prodotto deve essere riconsegnato. Chi lo ha acquistato verrà rimborsato
SVIZZERA / STATI UNITI
6 ore
Il latte in polvere prende il volo per gli States
Oltre oceano il prodotto è attualmente estremamente scarso. Un carico di 22 tonnellate partirà da Zurigo
SCIAFFUSA
6 ore
Si fa dare un passaggio, poi deruba l'automobilista
L'episodio si è verificato negli scorsi giorni nel Canton Sciaffusa. Identificato il ladro sedicenne
FOTO
TURGOVIA
17 ore
Incidente in e-bike, muore un 88enne
A bordo della sua bicicletta elettrica, si è scontrato frontalmente con una Ford Mustang
SVIZZERA
17 ore
Oggi ha fatto caldissimo
Domani pomeriggio sono attese temperature ancora più elevate, si toccheranno i 33 gradi: una novità per essere in maggio
FOTOGALLERY
SVIZZERA
18 ore
Ecco i prodotti per i quali si dovrà sborsare di più
Ad aprile l'inflazione ha raggiunto l'apice della crisi finanziaria facendo lievitare il costo di molti beni di consumo.
SOLETTA
20 ore
Gösgen si spegne per cinque settimane
L'impianto di Däniken verrà disattivato sabato per la consueta revisione annuale.
SVIZZERA
21 ore
Presidente slovacca accolta con gli onori militari
Visita di Stato per Zuzana Caputova, che ha incontrato il Consiglio federale.
SVIZZERA
17.12.2020 - 13:520
Aggiornamento : 16:14

Quei soldi “sporchi” che passavano dal Credit Suisse

L'istituto rinviato a giudizio per non aver adottato misure adeguate contro il riciclaggio. La banca respinge le accuse

La vicenda riguarda un'organizzazione criminale bulgara che “puliva” in Svizzera il ricavato di un ampio traffico internazionale di stupefacenti

BERNA - La banca Credit Suisse non avrebbe adottato misure organizzative «ragionevoli e indispensabili» per impedire il riciclaggio di valori patrimoniali appartenenti a un'organizzazione criminale bulgara attiva nel traffico internazionale di stupefacenti. È con questa accusa che il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) rinvia a giudizio davanti al Tribunale penale federale (TPF) l'istituto elvetico, assieme a un'ex impiegata e a due membri dell'organizzazione.

Su conti presso la banca elvetica finivano soldi ricavati dalla vendita di stupefacenti. Poi questo denaro veniva reimmesso nel circuito economico legale attraverso acquisti immobiliari, soprattutto in Bulgaria e in Svizzera.

L'inchiesta - Tutto è cominciato il 1. febbraio del 2018, quando il MPC ha avviato un procedimento penale contro un lottatore bulgaro, stabilitosi in Vallese dove lavora soprattutto come manovale, e contro il suo datore di lavoro, in particolare per sospetto di riciclaggio di denaro e partecipazione a un'organizzazione criminale.

Tra settembre 2008 e giugno 2015 il procedimento è poi stato esteso a un ex impiegato di banca legato al mondo della lotta per gli stessi reati, al capo dell’organizzazione criminale di cui sopra, al suo uomo di fiducia e consigliere finanziario bulgaro, alla sua ex moglie e concubina, alla sorella di quest’ultima, a un altro membro altolocato dell’organizzazione, a sua moglie e a un’impiegata di Credit Suisse incaricata delle relazioni di affari dell’organizzazione criminale.

Nel frattempo il datore di lavoro svizzero del lottatore è stato condannato. Per altri sono stati emessi, negli scorsi giorni, dei decreti d'accusa. E non sono mancati i decreti di abbandono. E ora è scattato il rinvio a giudizio di Credit Suisse e di tre persone fisiche.

L'organizzazione criminale - Con la fine del comunismo in Bulgaria gli sportivi di alto livello si sono ritrovati senza sostegno finanziario e si sono quindi rivolti verso altre fonti di reddito. Numerosi lottatori sono stati avvicinati dai clan mafiosi. Dall’inizio degli anni 2000 e fino ad almeno il 2012, uno di loro ha sviluppato e diretto una struttura criminale gerarchizzata e compartimentata il cui scopo era arricchire i suoi membri tramite il traffico illecito di cocaina e il riciclaggio dei valori patrimoniali derivati da questa attività. In questo periodo il protagonista – condannato in modo definitivo ed esecutorio a severe pene detentive da diverse giurisdizioni europee, segnatamente in Italia nel 2017 dove è stata riconosciuta la sua partecipazione a un’organizzazione criminale – ha organizzato l’importazione di diverse decine di tonnellate di cocaina dall’America del Sud verso l’Europa per nave e per aereo mediante corrieri.    

Il ricavato della vendita di stupefacenti veniva poi depositato in Svizzera, essenzialmente in piccoli tagli usati di euro, almeno dal 2004 fino al 2007, su relazioni bancarie controllate dall’organizzazione criminale allo scopo di immetterlo in un secondo momento nel circuito economico legale attraverso acquisti immobiliari soprattutto in Bulgaria e in Svizzera. Tra giugno e settembre 2007 l’organizzazione criminale ha fatto in modo di nascondere i fondi di origine criminale e sottrarli alla giustizia, in particolare trasferendoli all’estero e chiudendo i conti e le cassette di sicurezza legati all’organizzazione.

La presa di posizione di Credit Suisse - L'istituto bancario prende posizione, respingendo le accuse di presunte carenze organizzative. E afferma che «un rapporto tematico redatto nel 2004 per l’autorità di vigilanza è giunto alla conclusione che la banca soddisfaceva tutti i requisiti applicabili ai fini della prevenzione del riciclaggio di denaro». Anche nel 2016 un team di esperti è giunto alla conclusione che «l'organizzazione di prevenzione del riciclaggio di denaro di Credit Suisse era costituita in modo corretto e adeguato».

La banca sottolinea quindi che «il Ministero pubblico della Confederazione dovrebbe ora dimostrare in tribunale la colpevolezza dell’ex collaboratrice della banca e che gli eventuali reati punibili sono stati resi possibili da presunte carenze organizzative che violavano i principi in vigore al momento dei fatti». E si aspetta di vincere la causa.

Infine, Credit Suisse sottolinea che «nell’arco dei dodici e più anni trascorsi, e soprattutto in anni recenti, le difese interne della banca per la lotta contro il riciclaggio di denaro, sono state notevolmente ampliate e rafforzate in considerazione degli sviluppi normativi. La crescita nel rispetto delle regole e nell'osservanza di tutte le disposizioni legali e regolamentari ha la massima priorità per il Credit Suisse».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-20 13:56:39 | 91.208.130.87