Immobili
Veicoli
Getty
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MOLDAVIA
47 min
«Qualcuno vuole trascinarci in una guerra indesiderata»
La premier moldava Natalia Gavrilita su neutralità, le bombe in Transnistria e le tensioni nel Paese
INDIA
4 ore
«Sorvegliati a ogni passo, anche a far la spesa»
Kashmir: gli occhi del Governo hanno raggiunto tutte le attività commerciali, a spese dei negozianti
BIELORUSSIA
5 ore
Introdotta la pena di morte per chi «prepara» atti di «terrorismo»
Il presidente Alexander Lukashenko ha oggi firmato gli emendamenti relativi all'introduzione della pena
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Crimini di guerra in Ucraina: «Sì, sono colpevole»
Il 21enne è stato processato oggi a Kiev. Mosca sull'Azovstal: un migliaio di soldati ucraini si sono arresi.
REGNO UNITO
8 ore
Sui pescherecci britannici che diventano prigioni
L'industria del pesce si avvale di un visto che non permette ai lavoratori migranti di licenziarsi o di scendere a terra
REGNO UNITO
15 ore
Una morte su sei è causata dall'inquinamento
Nel 2019 nove milioni di persone sono morte a causa dell'aria tossica. «Chiediamo una transizione rapida e massiccia»
MONDO
16 ore
2020-21: l'Oms non ha lottato solo contro il Covid-19
L'impegno gigantesco per fronteggiare il coronavirus non ha impedito i successi in altri ambiti
CINA
19 ore
Quello schianto aereo, non è stato un incidente
È emerso che il Boeing della China Eastern che trasportava 132 persone è stato fatto precipitare intenzionalmente
AFGHANISTAN
20 ore
I Talebani e quei passi indietro sempre più grandi
Alcuni dipartimenti governativi sono stati eliminati, a causa della difficile situazione economica
GERMANIA
25.01.2022 - 17:560

Attacco armato all'Università di Heidelberg, è stato uno studente 18enne

«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima

Aveva tante armi da fare una strage, ma per qualche motivo si è fermato dopo qualche sparo

HEIDELBERG - È stato un 18enne di Berlino, studente di biologia, a sparare con un fucile ieri all'interno di un'aula dell'Università di Heidelberg, in un dramma che ha scosso la Germania.

Lo ha dichiarato l'agenzia DPA, che lo ha appreso da fonti della polizia. Oltre all'assalitore, ha perso la vita anche una studentessa di 23 anni, colpita da un proiettile alla testa. Una 19enne, una 21enne e un 20enne sono invece rimasti feriti in modo più lieve, e sono già stati dimessi dall'ospedale.

«Avrebbe potuto fare una strage»
Secondo il capo della polizia di Mannheim, Siegfried Kollmar, sette chiamate di emergenza sono state ricevute dalla polizia nell'arco di 43 secondi alle 12.24 di lunedì. Sei minuti dopo, le prime auto di pattuglia sono arrivate all'università, e alle 12.43 gli agenti si sono diretti verso l'aula interessata, trovando gli studenti terrorizzati. L'assalitore, tuttavia, aveva già lasciato la scena del crimine ed era andato nella zona esterna dell'università, dove è stato trovato morto. Secondo Kollmar, con le armi che aveva a disposizione avrebbe potuto fare una strage. 

Un giorno dopo gli avvenimenti, la polizia è ancora all'oscuro del movente dell'autore del gesto. Gli investigatori stanno analizzando i dispositivi digitali che sono stati sequestrati dalla task force speciale (SEK) durante la perquisizione dell'appartamento del giovane, che non era conosciuto alla polizia. Non ci sono però indicazioni di un crimine a sfondo politico o religioso.

Quel messaggio prima del crimine
Il Ministro degli Interni del Baden-Württemberg, Thomas Strobl, ha intanto dichiarato che il padre del 18enne ha contattato la polizia pochi minuti dopo il crimine, allertandoli che il figlio aveva annunciato ciò che avrebbe fatto via Whatsapp, in un messaggio con scritto «le persone devono essere punite». Purtroppo, era troppo tardi. 

Dal lato psicologico ci si concentra intanto molto sui feriti, sui genitori e su coloro che hanno dovuto assistere all'attacco. 30 studenti erano nell'aula, quando sono stati sparati i colpi, a tutti loro, e a chiunque ne avesse bisogno, è stato offerto un aiuto psicologico. «È grande la sofferenza dei genitori della vittima, ma anche di quelli dell'autore del reato», ha dichiarato un portavoce della polizia.

«Questo terribile atto di violenza ci ha colpito e scosso profondamente» ha commentato invece Winfried Kretschmann, a capo del governo del Baden-Würrtemberg, «il mio pensiero va alle famiglie e ai parenti».

Armi? Acquistate all'estero
Si indaga anche sulle armi a disposizione del 18enne: oltre al fucile, aveva con sé diverse armi e più o meno cento proiettili in uno zaino. Secondo le prime indagini, tutte le armi derano detenute illegalmente poiché acquistate all'estero. 

La Germania, lo ricordiamo, ha una delle leggi più severe d'Europa in materia d'armi da fuoco: richiede a chiunque abbia meno di 25 anni di sottoporsi a un esame psichiatrico prima di poter ottenere il porto d'armi. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 15:27:41 | 91.208.130.85