Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STR (Alberto Pezzali)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
KAZAKISTAN
2 ore
Disordini in Kazakistan, i morti sono stati 225
Il bilancio delle violente proteste di inizio gennaio. Oltre mille persone si trovano agli arresti
ITALIA
3 ore
Un cristiano su sette è perseguitato. Nel 2021 uccisi in seimila
La Word Watch List 2022 mette al primo posto l'Afghanistan. Altre sette nazioni ritenute pericolose sono tutte in Africa
STATI UNITI
3 ore
Spaccio di droga tramite Snapchat: il social corre ai ripari
Le ultime modifiche dovrebbero rendere la vita più difficile ai pusher che vogliono contattare gli adolescenti
GERMANIA
3 ore
Zara è quasi a casa, dopo cinque mesi e un giorno atterrerà in Belgio
Domani sarà ufficialmente la donna più giovane al mondo ad aver fatto il giro del globo volando in solitaria
STATI UNITI / PAESI BASSI
5 ore
Anna Frank, i dubbi degli esperti sulla nuova tesi
Le conclusioni «offrono informazioni che meritano approfondimento, ma nessuna base per l'accusa centrale»
REGNO UNITO
6 ore
«Niente più obbligo di mascherine o Covid pass»
A partire da giovedì 27 gennaio in Inghilterra saranno revocate quasi tutte le restrizioni Covid
SPAGNA
8 ore
Cosa farsene della lava e della cenere del vulcano di La Palma?
Vigneti? Materiale da costruzione? Gli studiosi sono al lavoro e cercano risposte anche dal passato
UCRAINA
10 ore
Ucraina, Blinken: «Putin scelga una via pacifica»
Il capo della diplomazia statunitense è atterrato a Kiev stamattina
KAZAKISTAN
11 ore
Tutte le truppe russe sono partite
Il contingente faceva parte di una forza congiunta dei paesi membri del Trattato di sicurezza collettiva
TONGA
11 ore
«Sull'isola di Mango non è rimasta neanche una casa»
Onde alte fino a «quindici metri» non hanno risparmiato neanche una casa dell'Isola di Mango, a Tonga
REGNO UNITO
20.10.2021 - 09:270
Aggiornamento : 16:21

Con quasi 50'000 contagi al giorno, il Regno Unito si riscopre in piena pandemia

Ancora una volta il Paese al di là della manica è messo alle strette dal coronavirus, ecco come (e perché) è successo

LONDRA - Sembra davvero un problema irrisolvibile quello del coronavirus per il Regno Unito e il governo di Boris Johnson. Dopo una risposta timida all'inizio della pandemia - che è recentemente stata molto criticata - il lockdown duro eccezionalmente lungo e poi, malgrado uno sforzo vaccinale inizialmente gagliardo, una fatica incredibile nel fronteggiare la variante Alfa (che dal Regno Unito ha preso il nome non ufficiale) e poi la più temibile Delta.

È proprio quella “indiana” l'attuale incubo della nazione al di là della manica, dopo la decisione di una riapertura totale e «di convivere con il virus», che sta portando i totali dei contagi a picchi assoluti. Lunedì 48mila casi, martedì 43mila. Totali fuori scala, più alti di quelli di Francia, Germania, Spagna e Italia sommati. Alta anche l'incidenza di morti 223, un totale così alto non si registrava da marzo scorso.

Ma cosa è andato storto? Diverse cose, ma una è quasi sicuramente più importante delle altre e riguarda la decisione di riaprire tutto, senza nessun tipo di misura cautelativa. Mascherine non obbligatorie, niente distanziamento sociale e niente Green Pass per entrare in bar, ristoranti e locali. Escluso qualsiasi tipo di obbligo vaccinale e/o di certificato per i sanitari o in qualsiasi altro settore ritenuto delicato.

Una ricetta, questa, resa ancor più devastante dal procedere a singhiozzo della campagna vaccinale che era stata uno dei fiori all'occhiello del Regno Unito ma ha dimostrato di trovarsi in estrema difficoltà sulla lunga distanza. Soprattutto per quanto riguarda il convincere giovani e giovanissimi a farsi vaccinare (al momento solo il 30% dei 12-19enni ha ricevuto entrambi le dosi), considerando poi che sono proprio loro a frequentare pub e locali notturni dove - in assenza di misure - il contagio è estremamente facile.

Un altro aspetto molto delicato riguarda la terza dose, o “dose booster” che in molti pochi sembrano disposti a fare malgrado permetta di ridurre di molto l'incidenza nei casi gravi, considerando che una buona parte della popolazione a rischio si è vaccinata nei primi mesi di quest'anno e la copertura inizia a perdere efficacia.

Questo è un problema soprattutto per il molto diffuso AstraZeneca (che scende al 47% di protezione dopo 5 mesi dall'inoculazione mentre Pfizer resta stabile attorno al 70%). Uno scenario, quello britannico, che va senz'altro monitorato anche alle nostre latitudini per capire come procedere nei prossimi mesi.

In generale, quello che emerge dalla débâcle britannica, è soprattutto un problema di tipo strategico, legato alla decisione di puntare praticamente tutto su un infallibile potere immunizzante del vaccino e, fondamentalmente, “vendendo” una normalità che tale non è.

In questo senso parte della responsabilità sta nel come il governo Johnson - e il premier stesso - hanno gestito la comunicazione, preferendo rassicurare e concedere piuttosto che il contrario.

Ora la preoccupazione per un inverno ancora peggiore è alta, con lo spostamento all'interno di ristoranti e bar, così come l'avvicinarsi delle Feste, si teme che i contagi possano salire ancora.

E se gli ospedali non sono ancora sotto pressione, non trovano nemmeno sollievo, con un afflusso costante di pazienti alle prese con le complicazioni del Covid, che non lascia l'agio necessario per recuperare tutti quegli interventi messi in stand-by da mesi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 20:59:46 | 91.208.130.85