Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
AUSTRALIA
12 min
In Parlamento, un dipendente su tre vittima di abusi sessuali
Il premier Scott Morrison ha commentato il rapporto: «Statistiche spaventose»
AUSTRALIA
37 min
Svolta nella ricerca dei campeggiatori, emergono resti umani
Potrebbero essere quelli di Russell Hill e Carol Clay, scomparsi nel marzo del 2020
NORVEGIA
3 ore
A 10 anni dalla strage, Breivik continua a perseguitare i sopravvissuti
Anche le famiglie delle vittime continuano a ricevere lettere di minacce e di propaganda
FOTO
STATI UNITI
3 ore
Il primo Natale di Jill Biden alla Casa Bianca
La first lady ha mostrato i suoi addobbi, decisamente differenti da quelli di Melania Trump
ITALIA
5 ore
Long Covid, uno su due si sente sempre stanco
Uno studio evidenzia i sintomi più comuni per chi ha contratto il Covid: dolori, depressione e fatica a respirare
FOCUS
Cina
5 ore
Denuncia e poi scompare, il misterioso caso di Peng Shuai
La tennista, svanita dopo un'accusa di stupro alle alte sfere, è poi riapparsa. Ma i dubbi su quanto successo restano
FOTO
SPAGNA
6 ore
Fiamme in un immobile occupato: quattro morti
Ci sono anche due bambini, uno di pochi mesi e l'altro di tre anni
STATI UNITI
8 ore
Omicron e vaccini: «calo sostanziale» dell'efficacia oppure no?
Il Ceo di Moderna Bancel prevede che la risposta sarà inferiore rispetto alla Delta. Più ottimismo, invece, da BioNTech
Tanzania
20 ore
Mangiano carne di tartaruga, muoiono in sette. Anche un bambino
Si pensa che la causa sia da ricondurre a un'alga di cui il rettile si ciba, ma che è velenosa per gli umani
BARBADOS
22 ore
La Regina "perde" un altro regno
L'isola di Barbados domani abbandonerà i legami coloniali e diventerà ufficialmente una repubblica parlamentare
ITALIA
22.10.2021 - 22:080

Anche il Governo italiano contro la Superlega

C'è anche la vicina Penisola tra i Paesi che hanno dichiarato ufficialmente il loro appoggio alla Uefa.

Oggi scadeva il termine per presentare le osservazioni alla Corte di Giustizia Europea e, nelle ultime 24 ore, la situazione per l'Italia è cambiata più volte.

ROMA - C'è anche l'Italia tra i Paesi che hanno dichiarato ufficialmente il loro appoggio alla Uefa nella battaglia contro la Superlega davanti alla Corte di Giustizia UE. Al termine di una lunga giornata, tra dubbi e pressioni, con il calcio italiano a spingere per schierarsi ufficialmente a favore della Federcalcio continentale, alla fine il Governo di Mario Draghi ha deciso di costituirsi a difesa dell'Uefa nel giudizio sulla Superlega incardinato presso la Corte di Giustizia Europea.

Una scelta basata anche sul parere espresso dalla sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, anche in seguito alle interlocuzioni avute con la Federazione Italiana Giuoco Calcio (Figc).

Al centro del contendere c'è il ricorso da parte di un Tribunale di Madrid che, nell'ambito dello scontro sulla Superlega, ha chiesto alla Corte UE di valutare se l'Uefa sia un monopolio che viola le norme antitrust. Un procedimento che, di fatto, potrebbe dare un via libera legale alla formazione della Superlega.

Oggi scadeva il termine per presentare le osservazioni in appoggio all'Uefa e, nelle ultime 24 ore, la situazione per l'Italia è cambiata più volte, con il Governo che prima si era detto pronto a costituirsi parte nel caso legale, salvo poi fare dietrofront. Le pressioni non sono mancate: d'altronde, in ballo ci sono rapporti politici (il presidente della Figc, Gabriele Gravina, siede nel Comitato Esecutivo Uefa) ma, soprattutto, la volontà della Federcalcio di ospitare gli Europei del 2028, in un impatto politico a largo raggio, considerando anche l'appoggio di altri 15 Stati.

E per questo il calcio aveva alzato la voce in mattinata, dopo che le notizie sul possibile no del Governo avevano generato non poca preoccupazione. «Auspico che avvenga entro oggi per non porre il nostro Paese al di fuori di un consenso molto ampio di Stati che supportano la Uefa in quella che riteniamo sia una battaglia di principio a difesa di un sistema calcistico aperto e meritocratico», era stata la speranza del numero uno della Figc in mattinata. «C'è imbarazzo per la mancata presa di posizione del nostro Governo rispetto al procedimento sul tema Superlega», ha detto l'ad della Lega Serie A Luigi De Siervo.

Sulla spinta dei vertici, infine si è scelto di affiancarsi ad altri 15 Paesi (Spagna, Francia, Portogallo, Croazia, Repubblica Ceca, Polonia, Svezia, Ungheria, Lettonia, Malta, Danimarca, Romania, Slovacchia, Irlanda e Islanda) nel procedimento legale. Le osservazioni presentate dagli Stati non sono vincolanti per la Corte, ma hanno un peso importante in termini politici nello schierarsi contro il progetto voluto in particolare dal presidente del Real Madrid, Florentino Perez, ma portato avanti anche dal Barcellona e dalla Juventus di Andrea Agnelli.

Intanto, sul tema Superlega si è schierata oggi anche la European Leagues, l'associazione delle leghe europee. «Rimane sempre una minaccia se non ci si occupa delle fondamenta del calcio. Per noi l'organizzazione biennale del Mondiale alimenta solo concetti come la Superlega», ha detto il presidente della European Leagues, Claus Thomsen, dopo l'assemblea generale a Milano.

«Ci sono nuovi progetti allo studio e bisogna restare vigili, perché il progetto è tutt'altro che defunto», ha aggiunto De Siervo. E dalle leghe è arrivato anche il no alla proposta della Fifa sul Mondiale ogni due anni: «Come Lega Serie A siamo allineati alla posizione di tutte le altre leghe europee. Nessun cambiamento nel calendario attuale, Mondiali ed Europei devono essere disputati ogni quattro anni. Rigettiamo in toto la proposta della Fifa perché danneggia le competizioni nazionali».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 17:12:19 | 91.208.130.86