Keystone
CONFINE
22.06.2021 - 13:000
Aggiornamento : 19:52

Per andare in Italia il modulo PLF non serve più

A patto di viaggiare con un mezzo privato nella fascia di confine e non sostare più di 48 ore

Si risolve così la situazione, decisamente ingarbugliata, a ridosso della frontiera

LUGANO - Se negli ultimi giorni siete andati in Italia e avete compilato il Passenger Locator Form (PLF), cliccando in maniera certosina fino alle informazioni estese sulla sua compilazione, forse potreste aver notato anche voi una novità abbastanza importante: ovvero il fatto che non è più necessario farlo se si resta in Italia per meno di 48 ore e si arriva a destinazione percorrendo meno di 60 chilometri e con un mezzo privato.

La deroga, introdotta dal 18 giugno e ben poco sbandierata ma svelata oggi da diverse testate ticinesi, permette quindi ai ticinesi di recarsi nella fascia di confine italiana in auto, anche per tutto il weekend, senza necessità di PLF.

Una semplificazione, questa, che permetterà a molti di recarsi più serenamente nella vicina Italia e che - probabilmente - sgraverà anche le autorità italiane da una mole non indifferente di email (era infatti obbligatorio inviare il documento compilato al Ministero per ogni entrata) così come di controlli. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-03 00:35:12 | 91.208.130.86