Cerca e trova immobili

CANTONEIl Ticino, nel 2024, presiederà la Comunità di lavoro alpina Arge Alp

20.10.23 - 13:11
Sottolineata l’importanza della collaborazione transfrontaliera fra le regioni dell’arco alpino
Admin
Fonte Admin
Il Ticino, nel 2024, presiederà la Comunità di lavoro alpina Arge Alp
Sottolineata l’importanza della collaborazione transfrontaliera fra le regioni dell’arco alpino

BELLINZONA - La 54esima conferenza dei rappresentanti dei Governi delle regioni della Comunità di lavoro alpina Arge Alp si è svolta oggi a Bad Ragaz. E durante l'incontro è avvenuto il passaggio di consegne: il Cantone Ticino assumerà la presidenza per il 2024.

Nel corso della stessa, oltre alla sottoscrizione di due risoluzioni di collaborazione, è avvenuto il passaggio di consegne: il Cantone Ticino assumerà la presidenza per il 2024.

Durante i lavori è stata più volte sottolineata l’importanza della collaborazione transfrontaliera fra le regioni dell’arco alpino, in particolare in momenti, come quelli attuali, così carichi di sfide geopolitiche. A tale proposito sono state condivise, discusse e approvate due importanti dichiarazioni di collaborazione:

Rafforzamento della cooperazione transfrontaliera Eusalp - Il Canton San Gallo ha sfruttato la sua funzione di Cantone ospite e la sua presidenza di Arge Alp per rafforzare le reti tra le due istituzioni alpine EUSALP, la Strategia Macroregionale dell’Unione Europea per lo Spazio Alpino e Arge Alp, approvando già il giorno precedente, in concomitanza con la chiusura dell’anno di presidenza svizzero di EUSALP, una risoluzione in questo senso.

Politica di protezione del clima orientata al futuro per la regione alpina -  con particolare riferimento allo sviluppo dell’approvvigionamento energetico con fonti di energia rinnovabile, come l’idrogeno, al fine di rafforzare la cooperazione nell’approvvigionamento energetico. A questo proposito sono state formulate proposte per garantire la connessione alla rete di approvvigionamento di idrogeno di livello superiore (dorsale dell'idrogeno) e l’armonizzazione del quadro normativo.

Al termine della Conferenza dei rappresentanti dei Governi è avvenuto il passaggio ufficiale della presidenza di Arge Alp fra il Canton di San Gallo e il Cantone Ticino. Da oggi e fino al prossimo 25 ottobre 2024 il Cantone Ticino assumerà infatti il coordinamento delle dieci regioni alpine. Il Consigliere di Stato Norman Gobbi ha presentato il programma della presidenza ticinese. Il tema principale verterà sul tema dell'acqua e in particolare sulla carenza idrica e sull’uso parsimonioso di questa essenziale risorsa. In linea con le tre priorità strategiche di Arge Alp per il quadriennio 2021-2024 (protezione dell'ambiente, adattamento al cambiamento climatico e gestione dei rischi naturali), il Cantone Ticino approfondirà l’impatto che sta avendo il cambiamento climatico sulla gestione della risorsa “acqua” per l’agricoltura di montagna.

Nel corso dell’anno saranno organizzati diversi incontri a livello tecnico su tutto il territorio ticinese, che culmineranno il 25 ottobre 2024 con la 55° Conferenza dei responsabili dei Governi Arge Alp.

Sarà inoltre organizzato un terzo convegno tecnico sul tema del lupo per dare continuità alla gestione transfrontaliera coordinata di questo grande predatore, in linea con i contenuti della risoluzione già sottoscritta nel 2022.

Della Comunità di Lavoro delle Regioni Alpine (ARGE ALP) fanno parte 26 milioni di abitanti delle seguenti regioni, cantoni e province di Germania, Austria, Svizzera e Italia: Baviera, Salisburgo, Tirolo, Vorarlberg, Lombardia, Alto Adige, Trentino, S. Gallo, Ticino e Grigioni.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE