Immobili
Veicoli

CANTONEUno screening per combattere il tumore al colon-retto

30.06.21 - 14:07
La fase pilota del programma cantonale, approvato oggi dal Consiglio di Stato, si svolgerà nei primi mesi del 2022.
Ti-Press
Uno screening per combattere il tumore al colon-retto
La fase pilota del programma cantonale, approvato oggi dal Consiglio di Stato, si svolgerà nei primi mesi del 2022.
Lo screening sarà rivolto a tutti i ticinesi tra i 50 e i 69 anni. Il suo costo sarà totalmente a carico del Cantone.

BELLINZONA - Un'arma in più per combattere il tumore al colon-retto. Il Consiglio di Stato - preso atto del buon esito dei lavori preparatori - ha infatti approvato oggi la messa in atto di un programma cantonale di screening, volto alla diagnosi precoce del tumore colorettale nella popolazione residente in Ticino tra i 50 e i 69 anni d'età.

Questo nuovo programma di screening - deciso dal Parlamento che ha accolto una mozione che ne chiedeva l’introduzione nel 2018 - sarà gestito dal Centro programma screening Ticino (CPST) e si affianca al Programma cantonale di screening mammografico, attivato con successo nel 2016 e al quale oggi aderisce circa il 60% delle donne nella fascia d’età interessata.

Controllo biennale - Nel concreto, la popolazione ticinese tra i 50 e 69 anni sarà invitata ogni due anni a partecipare al programma cantonale di screening colo-rettale, eseguendo un test immuno-chimico quantitativo per la ricerca del sangue occulto nelle feci (FIT), seguito in caso di risultato positivo da una colonscopia, grazie alla stretta collaborazione con le farmacie e i medici direttamente coinvolti. «Entrambe le prestazioni - precisa il Governo - saranno a carico della LAMal ed esenti da franchigia perché eseguite nell’ambito di un programma cantonale inserito nell’Ordinanza federale sulle prestazioni (OPre)».Nel corso dei primi mesi del 2022 si svolgerà una fase pilota. Successivamente lo screening sarà aperto, in modo progressivo, a tutta la popolazione di riferimento.

Costi stimati in 250mila franchi - Il costo netto a carico del Cantone, che dipenderà dal tasso di adesione all’iniziativa, è stimato in circa 250 mila franchi nel caso di una partecipazione del 45% della popolazione interessata, mentre sarà minore in caso di una maggiore partecipazione. L’importo indicato comprende, tra l’altro, l’assunzione da parte del Cantone, giudicata opportuna nella fase di avvio del programma, della quota parte del 10% delle prestazioni esenti da franchigia, che sarebbero altrimenti a carico degli assicurati. «Riteniamo che tale partecipazione finanziaria del Cantone sia adeguata», precisa il Consiglio di Stato ricordando come lo screening colo-rettale sia «una misura preventiva che - a fronte di un impegno finanziario relativamente contenuto - riveste una notevole importanza sociale e sanitaria a beneficio della salute dei cittadini».

La malattia - Il tumore colo-rettale è un tumore maligno che si sviluppa nel grosso intestino, formato da colon e retto. Ha come origine quasi sempre i polipi intestinali, che nel tempo crescono e assumono caratteristiche che ne favoriscono la trasformazione in tumore maligno. Tale processo dura circa 10 anni ed è per questa ragione che la prevenzione per questo tipo di cancro può essere particolarmente efficace.

I numeri in Svizzera - Stando a un rapporto del 2015, il tumore al colon-retto è il terzo tipo di tumore nell'uomo e il secondo nella donna. Tra il 2008 e il 2012 in Svizzera sono stati diagnosticati in media 2'300 casi all’anno tra gli uomini e 1'800 tra le donne. Questa malattia rappresenta la terza causa di decesso per cancro per entrambi i sessi con 900 decessi tra gli uomini e 700 tra le donne. Il rischio di decesso a causa di un tumore colorettale è del 2,8% per l’uomo e del 2,1% per la donna. Ciò significa che circa tre uomini su cento e due donne su cento muoiono di questo tipo di cancro.  

COMMENTI
 
dan007 1 anno fa su tio
Côme si fa
Tato50 1 anno fa su tio
Se ti trovano il buco non è difficile ;-))
dan007 1 anno fa su tio
Ce Si fa a iscriversi per le analisi
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO