«Noi siamo pronti a vaccinare»
Ti-Press
CANTONE
11.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 09:11

«Noi siamo pronti a vaccinare»

Le farmacie si stanno preparando per dare il loro contributo alla campagna vaccinale entro marzo.

Il portavoce Federico Tamò: «67 possiedono già tutti i requisiti, un'altra sessantina terminerà la formazione a fine febbraio». L'unica incognita? La disponibilità dei preparati.

BELLINZONA - Presto le vaccinazioni contro il Covid-19 potranno essere effettuate anche in farmacia. «Le farmacie ticinesi sono pronte», ci conferma il portavoce dei farmacisti Federico Tamò. «Nel nostro cantone abbiamo già 67 farmacie che possiedono tutti i requisiti per poter vaccinare, mentre un'altra sessantina terminerà la formazione con la fine del mese di febbraio».

Le farmacie sono quindi pronte a dare il loro contributo nella campagna vaccinale, che dopo un ottimo inizio si è un po' bloccata durante questo mese di febbraio a causa dei ritardi nelle forniture dei preparati di Pfizer BioNTech e Moderna e della mancata approvazione di quello di AstraZeneca da parte di Swissmedic. «Quando ci sarà bisogno di noi per dare una mano ad aumentare i numeri delle vaccinazioni saremo più che felici di fare la nostra parte», precisa Tamò.

 Le vaccinazioni nelle farmacie potrebbero iniziare già con il mese di marzo, ma la palla ora passa nelle mani delle autorità. «Le decisioni dovranno essere prese a livello di politica sanitaria. Il Cantone dovrà quindi valutare quando avrà bisogno di noi e del nostro appoggio per vaccinare la popolazione. Noi ci siamo e restiamo in attesa di una comunicazione per quanto riguarda le strategie cantonali e soprattutto la disponibilità dei vaccini».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 9 mesi fa su tio
I vaccinati di oggi sono i clienti di domani
Veveve 9 mesi fa su tio
Certo che una nazione come la Svizzera con soli 8,5 mio di abitanti con tantissime case farmaceutiche e si anche con tanti soldi non riesce a vaccinare perché non ha i vaccini e’ veramente vergognoso! Israele che ha lo stesso no. di abitanti ha già vaccinato tutti! Cosa non ha funzionato? L’organizzazione c’è’ e funziona almeno così e’ stato x over 80 ma se manca la materia prima e’ inutile!!!
pillola rossa 9 mesi fa su tio
@Veveve Infatti il virus in Israele continua il suo normale corso
don lurio 9 mesi fa su tio
Ma i medici di famiglia che sono am conoscenza dei loro pazienti non lo fanno chissà perché...... politica
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 05:40:23 | 91.208.130.86