Immobili
Veicoli
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
30 min
Puntualità (quasi) da record per i treni FFS
Nel 2021 il 91,9% dei convogli è arrivato in orario. È il secondo miglior risultato della storia (dopo quello del 2020)
BERNA
43 min
Covid: ottimizzazione della gestione del sostegno allo sport
La Confederazione ha sostenuto lo sport svizzero con diversi pacchetti di aiuti finanziari.
VAUD
1 ora
Il pirata della strada di Ollon si è costituito
Tre giorni dopo l'incidente l'uomo si è presentato spontaneamente alla centrale di polizia con il proprio avvocato.
ZURIGO
1 ora
Più comfort per i passeggeri sugli A320neo di Swiss
La compagnia è pronta a decollare con velivoli dagli spazi interni rinnovati
VALLESE
2 ore
Cade nel frantumatore di rocce e muore
Incidente mortale ieri pomeriggio in una cava di ghiaia a Zermatt. La vittima è un 31enne vallesano.
GINEVRA
2 ore
Croce Rossa nel mirino degli hacker
Nell'ambito di un vasto cyberattacco sono stati rubati i dati di 515'000 persone
SVIZZERA
3 ore
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»
SVIZZERA
4 ore
Manutenzione stradale: la Comco indaga in Romandia
Nuovo sospetto di un cartello sugli appalti: quattro imprese sotto inchiesta.
SVIZZERA
4 ore
Il numero dei trapianti è tornato a quello pre-pandemia
Malgrado lo stress Covid il numero di donatori è aumentato, ma per chi aspetta un organo la situazione resta tesa
SVIZZERA
5 ore
L'acqua di rubinetto che diventa “termale” (e poco ecologica)
Un'inchiesta di Saldo fa luce sui consumi delle strutture wellness per scaldare l'acqua delle piscine
ZURIGO
12 ore
Fuga dalla pandemia, Tina Turner compra un "villaggio"
Una tenuta con dieci edifici e una villa sul lago di Zurigo. La star si è regalata un buen retiro da 70 milioni
SVIZZERA
12 ore
Gli aiuti per Skyguide potrebbero non bastare
Le perdite legate al crollo del traffico aereo sono stimate in 280 milioni di franchi per il 2020 e il 2021
BERNA
14 ore
Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni
I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.
SVIZZERA
16 ore
No al finanziamento di Frontex, referendum riuscito
Sono 55mila le firme raccolte contro il sostegno svizzero del nuovo regolamento sul rimpatrio dei migranti illegali.
ARGOVIA
18 ore
Andreas Glarner assolto dall'accusa di diffamazione
Il consigliere nazionale dell'UDC ha ottenuto una vittoria nell'ambito di una vertenza che dura da anni.
BERNA
18 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
18 ore
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
SVIZZERA
03.02.2021 - 14:440
Aggiornamento : 15:34

Vaccini, la Confederazione firma altri tre contratti

La popolazione svizzera avrà accesso anche ai preparati di Curevac (5 milioni) e Novavax (6 milioni).

Nel frattempo Berna si è assicurata pure altre 6 milioni di dosi del vaccino di Moderna. Per omologare quello di AstraZeneca servono invece ulteriori dati.

BERNA - La Svizzera ha stipulato un contratto con l’azienda farmaceutica tedesca Curevac e con il Governo svedese per la fornitura di 5 milioni di dosi di vaccino. Inoltre, ha concluso un contratto preliminare con Novavax per 6 milioni di dosi. La popolazione svizzera avrà così accesso a due ulteriori vaccini anti-COVID-19, a patto che questi ultimi superino le fasi dei test clinici e siano omologati da Swissmedic. Nel contempo, la Confederazione si è assicurata altri 6 milioni di dosi del vaccino di Moderna.

Visto che lo sviluppo e la messa a disposizione di questi vaccini cela non poche incertezze, la Confederazione continua a perseguire una strategia diversificata per procurarseli, ossia punta su diverse tecnologie di vaccino (a mRNA, vettoriali, a base proteica) e su diversi fabbricanti. La Confederazione si assicura ora due nuovi vaccini anti-COVID-19 e ordina più dosi da Moderna.

Vaccino basato sulla tecnologia a mRNA - Al pari di Pfizer/BioNTech e Moderna, Curevac si avvale di una nuova tecnologia: l’mRNA è un tipo di molecola con funzione di messaggero, che contiene le istruzioni necessarie alla produzione di proteine e trasmette alle cellule dell’organismo l’informazione che serve per produrre la proteina del virus. Non appena viene prodotta dall’organismo, la proteina è riconosciuta come antigene dal sistema immunitario, che sviluppa quindi anticorpi specifici. Questa risposta immunitaria prepara l’organismo alla lotta contro il virus vero e proprio. Al momento, il vaccino anti-COVID-19 di Curevac si trova nella terza fase di test. Se supererà questa fase e sarà omologato da Swissmedic, Curevac lo fornirà alla Svizzera probabilmente a partire dal secondo trimestre del 2021. Anche per questo vaccino sono necessarie due dosi. Sarà così possibile proteggere da un decorso grave di COVID-19 complessivamente altri 2,5 milioni di persone in Svizzera.

Il contratto si basa su un accordo di fornitura stipulato tra la Commissione europea e l’azienda. Le dosi di vaccino possono essere ordinate dai singoli Stati e ottenute dopo l’avvenuta omologazione. Per gli Stati SEE Norvegia, Islanda e Svizzera, che non fanno parte dell’UE, sarà la Svezia a ordinare le dosi e a rivenderle loro senza profitto.

Una terza tecnologia a disposizione - Non appena sarà finalizzato il contratto con Novavax, il vaccino a base proteica potrà essere fornito in Svizzera a partire dal 2° trimestre del 2021, a patto che sia omologato da Swissmedic. Con due iniezioni, 6 milioni di dosi sono sufficienti per 3 milioni di persone.

Con Novavax, la Svizzera ha ora a disposizione un vaccino a base proteica, oltre ai vaccini a mRNA (Moderna, Pfizer/BionTech, Curevac) e con tecnologia vettoriale (AstraZeneca). Il vaccino di Novavax contiene determinate proteine (“Spike”) del virus della COVID-19. Il sistema immunitario riconosce queste proteine e sviluppa anticorpi in preparazione di un’infezione del virus. Come il vaccino di Curevac, anche quello di Novavax si trova attualmente nell’ultima fase di test.

Ulteriori dosi del vaccino di Moderna - La Confederazione ha inoltre stipulato con Moderna un ulteriore contratto per la fornitura di altri 6 milioni di dosi, incrementando così il volume di fornitura concordato a 13,5 milioni di dosi. Il vaccino di Moderna è già omologato da Swissmedic e ha un’efficacia del 95 per cento. Le ulteriori dosi saranno fornite in modo scaglionato a partire dalla seconda metà di quest’anno. Il contratto permette inoltre, se necessario, di adeguare una parte delle forniture e di effettuarle soltanto nel primo semestre del 2022. Moderna sta già lavorando a un vaccino di richiamo che protegga anche dalle future mutazioni del virus.

Azione ad ampio raggio - Finora la Confederazione ha firmato contratti con cinque fabbricanti di vaccini: Moderna (complessivamente ca. 13,5 mio. di ulteriori dosi), Pfizer/BioNTech (ca. 3 mio. di dosi), AstraZeneca (ca. 5,3 mio. di dosi) e ora Curevac (5 mio. di dosi) e Novavax (6 mio.). L’acquisto di vaccini da diversi fabbricanti deve garantire che, anche in caso di difficoltà nella fornitura, la popolazione abbia a disposizione sufficienti dosi di un vaccino omologato. La Confederazione continua a condurre colloqui con diversi fabbricanti di vaccini, poiché l’evoluzione della pandemia è difficilmente valutabile.

AstraZeneca: servono ulteriori dati - Per quanto concerne il vaccino di AstraZeneca, i dati finora disponibili e analizzati non sono ancora sufficienti per procedere con un’omologazione.

Per giungere a una valutazione finale, è necessario che il richiedente presenti, tra l'altro, ulteriori dati sull'efficacia provenienti da uno studio di fase III in corso in America del Nord e del Sud e che questi vengano quindi analizzati.

Sulla base dei dati finora analizzati, anche il comitato di esperti esterni HMEC (Human Medicines Expert Committee), che collabora con Swissmedic, ha appoggiato nella riunione straordinaria di ieri la valutazione intermedia dell'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sul vaccino di AstraZeneca. «Non appena i risultati dello studio saranno disponibili, si potrebbe procedere molto rapidamente con un'omologazione temporanea nella procedura di rolling review», viene sottolineato.

Ieri sera già la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) ha raccomandato di attendere ulteriori dati sull'efficacia del vaccino di AstraZeneca in diversi gruppi di età, sul programma di vaccinazione e sull'accettabilità del vaccino contenente un virus geneticamente modificato. La Commissione ha raccomandato che, per il momento, l'immunizzazione delle persone particolarmente a rischio, ossia quelle di età superiore ai 65 anni e di pazienti con malattie pregresse, così come degli operatori sanitari, venga effettuata esclusivamente con i vaccini mRNA autorizzati e raccomandati.

La Svizzera aderisce inoltre all’iniziativa internazionale COVAX affinché fino al 20% della popolazione svizzera possa aver accesso ai vaccini e, contemporaneamente, per sostenere i Paesi economicamente più deboli ad accedere ai vaccini anti-COVID-19.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 11:54:28 | 91.208.130.86