Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
2 ore
Hotel da 30mila franchi a notte per Biden
Ecco quanto ha speso il presidente statunitense per il summit ginevrino con il suo omologo russo Putin.
GINEVRA
3 ore
Putin e Biden hanno lasciato Ginevra
I due presidenti sono decollati da Cointrin poco dopo le rispettive conferenze stampa.
GINEVRA
4 ore
Biden: «Ho fatto quello che ero venuto a fare»
Il presidente USA ha tracciato un bilancio «positivo» dell'incontro con Putin. Non sono però mancati gli avvertimenti.
GINEVRA
5 ore
Putin: «Non prendo lezioni di diritti umani dagli USA»
Tra gli argomenti discussi durante il summit, l'incarcerazione di Navalny, le tensioni diplomatiche e la cyber-security.
ZURIGO
5 ore
Carlos - anzi Brian - non sarà internato
Il 25enne è stato però condannato a sei anni e quattro mesi per aggressioni a secondini e poliziotti
GINEVRA
6 ore
Un centinaio di imprese chiuse per l'incontro Biden-Putin
Le aziende situate in prossimità della zona di esclusione del summit saranno risarcite dalla Confederazione.
GINEVRA
7 ore
Estremisti islamici a processo a Bellinzona
I due, arrestati nel 2016, si erano recati in Turchia per unirsi alle forze dell'Isis.
ZURIGO
8 ore
Tifoso violento espulso dalla Svizzera
Si tratta di un 26enne che aveva partecipato ai disordini scoppiati a Zurigo, dopo un derby di Coppa Svizzera, nel 2018.
LUCERNA
10 ore
Esce di strada e ruzzola giù per una discesa di 78 metri
La conducente è stata trasportata in ospedale. I danni ammontano a 10mila franchi.
FOTO
GINEVRA
10 ore
Una stretta di mano segna l'inizio del vertice
Il presidente USA Joe Biden e quello russo Vladimir Putin sono ora a Villa La Grange a Ginevra
SVIZZERA
11 ore
In Svizzera altri 282 casi e sei decessi
La situazione epidemiologica è in costante miglioramento. Sinora si contano 701'260 contagi e 10'315 morti
SVITTO
11 ore
Incidente mortale in seggiovia, era una corsa senza permesso
La corda di traino si era spezzata e la cabina, che ospitava quattro persone, era precipitata per una decina di metri.
SAN GALLO
11 ore
Il villaggio (bis) di Heidi non si farà
Il progetto a Quarten, nel canton San Gallo, è stato affossato dalla pandemia
GINEVRA
12 ore
Vladimir Putin è atterrato a Ginevra
Il Presidente russo incontrerà nel pomeriggio il suo omologo statunitense, 36 anni dopo l'incontro Regan-Gorbaciov.
LOSANNA
12 ore
Prendi parte al Red Bull Flugtag iscrivendoti nel team di 20 minuti
Il Red Bull Flugtag 2021 si svolgerà a Losanna il 19 settembre.
FOTO
GRIGIONI
13 ore
Schianto a Bivio, ecco chi sono le cinque vittime
Sono state formalmente identificate le cinque persone che hanno perso la vita nell'incidente di sabato scorso.
SVIZZERA
14 ore
Sostegno ai media: il pacchetto è pronto per il voto finale
Anche il Consiglio nazionale ha approvato, oggi, la proposta della Conferenza di conciliazione
SVIZZERA
03.02.2021 - 14:440
Aggiornamento : 15:34

Vaccini, la Confederazione firma altri tre contratti

La popolazione svizzera avrà accesso anche ai preparati di Curevac (5 milioni) e Novavax (6 milioni).

Nel frattempo Berna si è assicurata pure altre 6 milioni di dosi del vaccino di Moderna. Per omologare quello di AstraZeneca servono invece ulteriori dati.

BERNA - La Svizzera ha stipulato un contratto con l’azienda farmaceutica tedesca Curevac e con il Governo svedese per la fornitura di 5 milioni di dosi di vaccino. Inoltre, ha concluso un contratto preliminare con Novavax per 6 milioni di dosi. La popolazione svizzera avrà così accesso a due ulteriori vaccini anti-COVID-19, a patto che questi ultimi superino le fasi dei test clinici e siano omologati da Swissmedic. Nel contempo, la Confederazione si è assicurata altri 6 milioni di dosi del vaccino di Moderna.

Visto che lo sviluppo e la messa a disposizione di questi vaccini cela non poche incertezze, la Confederazione continua a perseguire una strategia diversificata per procurarseli, ossia punta su diverse tecnologie di vaccino (a mRNA, vettoriali, a base proteica) e su diversi fabbricanti. La Confederazione si assicura ora due nuovi vaccini anti-COVID-19 e ordina più dosi da Moderna.

Vaccino basato sulla tecnologia a mRNA - Al pari di Pfizer/BioNTech e Moderna, Curevac si avvale di una nuova tecnologia: l’mRNA è un tipo di molecola con funzione di messaggero, che contiene le istruzioni necessarie alla produzione di proteine e trasmette alle cellule dell’organismo l’informazione che serve per produrre la proteina del virus. Non appena viene prodotta dall’organismo, la proteina è riconosciuta come antigene dal sistema immunitario, che sviluppa quindi anticorpi specifici. Questa risposta immunitaria prepara l’organismo alla lotta contro il virus vero e proprio. Al momento, il vaccino anti-COVID-19 di Curevac si trova nella terza fase di test. Se supererà questa fase e sarà omologato da Swissmedic, Curevac lo fornirà alla Svizzera probabilmente a partire dal secondo trimestre del 2021. Anche per questo vaccino sono necessarie due dosi. Sarà così possibile proteggere da un decorso grave di COVID-19 complessivamente altri 2,5 milioni di persone in Svizzera.

Il contratto si basa su un accordo di fornitura stipulato tra la Commissione europea e l’azienda. Le dosi di vaccino possono essere ordinate dai singoli Stati e ottenute dopo l’avvenuta omologazione. Per gli Stati SEE Norvegia, Islanda e Svizzera, che non fanno parte dell’UE, sarà la Svezia a ordinare le dosi e a rivenderle loro senza profitto.

Una terza tecnologia a disposizione - Non appena sarà finalizzato il contratto con Novavax, il vaccino a base proteica potrà essere fornito in Svizzera a partire dal 2° trimestre del 2021, a patto che sia omologato da Swissmedic. Con due iniezioni, 6 milioni di dosi sono sufficienti per 3 milioni di persone.

Con Novavax, la Svizzera ha ora a disposizione un vaccino a base proteica, oltre ai vaccini a mRNA (Moderna, Pfizer/BionTech, Curevac) e con tecnologia vettoriale (AstraZeneca). Il vaccino di Novavax contiene determinate proteine (“Spike”) del virus della COVID-19. Il sistema immunitario riconosce queste proteine e sviluppa anticorpi in preparazione di un’infezione del virus. Come il vaccino di Curevac, anche quello di Novavax si trova attualmente nell’ultima fase di test.

Ulteriori dosi del vaccino di Moderna - La Confederazione ha inoltre stipulato con Moderna un ulteriore contratto per la fornitura di altri 6 milioni di dosi, incrementando così il volume di fornitura concordato a 13,5 milioni di dosi. Il vaccino di Moderna è già omologato da Swissmedic e ha un’efficacia del 95 per cento. Le ulteriori dosi saranno fornite in modo scaglionato a partire dalla seconda metà di quest’anno. Il contratto permette inoltre, se necessario, di adeguare una parte delle forniture e di effettuarle soltanto nel primo semestre del 2022. Moderna sta già lavorando a un vaccino di richiamo che protegga anche dalle future mutazioni del virus.

Azione ad ampio raggio - Finora la Confederazione ha firmato contratti con cinque fabbricanti di vaccini: Moderna (complessivamente ca. 13,5 mio. di ulteriori dosi), Pfizer/BioNTech (ca. 3 mio. di dosi), AstraZeneca (ca. 5,3 mio. di dosi) e ora Curevac (5 mio. di dosi) e Novavax (6 mio.). L’acquisto di vaccini da diversi fabbricanti deve garantire che, anche in caso di difficoltà nella fornitura, la popolazione abbia a disposizione sufficienti dosi di un vaccino omologato. La Confederazione continua a condurre colloqui con diversi fabbricanti di vaccini, poiché l’evoluzione della pandemia è difficilmente valutabile.

AstraZeneca: servono ulteriori dati - Per quanto concerne il vaccino di AstraZeneca, i dati finora disponibili e analizzati non sono ancora sufficienti per procedere con un’omologazione.

Per giungere a una valutazione finale, è necessario che il richiedente presenti, tra l'altro, ulteriori dati sull'efficacia provenienti da uno studio di fase III in corso in America del Nord e del Sud e che questi vengano quindi analizzati.

Sulla base dei dati finora analizzati, anche il comitato di esperti esterni HMEC (Human Medicines Expert Committee), che collabora con Swissmedic, ha appoggiato nella riunione straordinaria di ieri la valutazione intermedia dell'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sul vaccino di AstraZeneca. «Non appena i risultati dello studio saranno disponibili, si potrebbe procedere molto rapidamente con un'omologazione temporanea nella procedura di rolling review», viene sottolineato.

Ieri sera già la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) ha raccomandato di attendere ulteriori dati sull'efficacia del vaccino di AstraZeneca in diversi gruppi di età, sul programma di vaccinazione e sull'accettabilità del vaccino contenente un virus geneticamente modificato. La Commissione ha raccomandato che, per il momento, l'immunizzazione delle persone particolarmente a rischio, ossia quelle di età superiore ai 65 anni e di pazienti con malattie pregresse, così come degli operatori sanitari, venga effettuata esclusivamente con i vaccini mRNA autorizzati e raccomandati.

La Svizzera aderisce inoltre all’iniziativa internazionale COVAX affinché fino al 20% della popolazione svizzera possa aver accesso ai vaccini e, contemporaneamente, per sostenere i Paesi economicamente più deboli ad accedere ai vaccini anti-COVID-19.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 00:43:59 | 91.208.130.89