Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Sfiorata la reclusione per i vecchi»
Un anno di Covid sotto la lente di Giampaolo Cereghetti, presidente dell’ATTE: «Giovani non abituati all'incertezza».
BELLINZONA
1 ora
Il reato diventa pubblico se sei in lista
Elezioni comunali: in aumento i candidati al Municipio con “scheletri nell’armadio”. Colpa soprattutto di Via Sicura.
FOTO E VIDEO
LUGANO
10 ore
Materiale e sterpaglie in fiamme a Cadro
L'incendio è divampato all'esterno di uno stabile adibito a magazzino.
CANTONE
12 ore
La "fabbrica" dei collaudi va fuorigiri
Il Governo garantisce il rispetto dei piani di protezione, ma i collaboratori parlano di ritmi quasi pre-pandemici
MENDRISIO
14 ore
Càvea Festival, gli organizzatori gettano di nuovo la spugna
Per il secondo anno consecutivo le cave di Arzo rimarranno senza musica. L'attesa terza edizione non ci sarà.
CANTONE
15 ore
Il collocatore volontario funziona
Il primo bilancio di Ticino&Lavoro sembra essere positivo
BELLINZONA
18 ore
Ecco come sarà il nuovo Pretorio
Il Consiglio di Stato chiede al Parlamento un credito di 43 milioni e 420mila franchi per ristrutturazione e ampliamento
FOTO
BREGGIA
19 ore
Gli alberi se ne vanno per poi tornare
Nell'ambito della valorizzazione della piazza di Cabbio è iniziato lo spostamento di tigli e platani
STABIO
19 ore
Passi avanti per migliorare la sicurezza pedonale
Poco sicuro l'attraversamento che porta alla fermata ferroviaria delle FFS
CANTONE
19 ore
L'autostrada A2 si prepara per il semisvincolo
Al via i lavori per il risanamento globale del tratto compreso tra gli svincoli di Bellinzona Nord e Bellinzona Sud
CANTONE
21.01.2021 - 20:450

«Con tutte queste restrizioni, stiamo distruggendo l'anima dei nostri giovani»

Francesca Rigotti, filosofa ed esperta in dottrine politiche, ospite di Piazza Ticino. Guarda l'intervista video.

«Ora siamo abituati a stare distanti e a non toccarci. Torneremo a stringerci la mano? Sapremo riprenderci la nostra spontaneità? Io sono ottimista, ma temo che questa diffidenza rimarrà anche dopo la pandemia». 

LUGANO / GOETTINGEN - «Sono molto preoccupata per i bambini e per i ragazzi. Li stiamo facendo crescere con l'idea che "l'altro" sia un nemico. E ho anche il timore che dopo la pandemia faremo fatica a tornare ad abbracciarci o a stringerci la mano normalmente». Pensieri da Göttingen, in Germania. "Firmati" da Francesca Rigotti, filosofa ed esperta in dottrine politiche, nonché insegnante all'Università della Svizzera italiana, a Lugano. Rigotti è stata ospite di piazzaticino.ch

È un'Europa che va avanti a suon di lockdown e semi confinamenti... 
«Sì. Sono anche preoccupatissima per il fatto che si chiami lockdown quella che di fatto è una sospensione dei diritti civili. Non mi sento trattata come una cittadina. Bensì come un suddito. In alcuni casi come una pecora. A me danno fastidio gli ordini. Quelli che se non li rispetti, ti sanzionano. Sono favorevole alle raccomandazioni, come fa la Svezia e come fa anche la Svizzera in parte».

La "famosa" Svezia però ha dovuto cedere. E ha introdotto a sua volta restrizioni...
«Sì. Ma sempre lasciando la responsabilità individuale alle persone. Non mettono il filo spinato sui parchi come ho visto fare in Germania. In Italia poi è ancora peggio. Stiamo distruggendo l'anima dei bambini, dei nostri ragazzi». 

Qualcuno potrebbe obiettare, però, che allo stesso tempo stiamo difendendo gli anziani. 
«Bisogna rendere consapevoli le categorie a rischio. Non chiuderle in "galera". E per preservare loro non si può distruggere tutto il resto. Sono disperata per quanto riguarda le nuove generazioni». 

Torniamo al modello svizzero...
«Da 26 anni insegno a Lugano. Sono legata alla Svizzera. A me il modello elvetico piace. Perlomeno da voi c'è un po' più di libertà. Va lodato anche il fatto che il vaccino non sarà obbligatorio. Altrove non è così. Io, se so che il vaccino non è imposto, lo faccio volentieri. A patto che in cambio possa ottenere di nuovo i diritti civili». 

In Svizzera sono state consegnate 90.000 firme contro la legge federale sulla pandemia. Qual è la sua opinione?
«Questo referendum è eccezionale. Si vuole dare il diritto di parola ai cittadini. Il ruolo degli esperti è importante in democrazia. Ma ancora più importante è quello del cittadino». 

Certo. Però il cittadino come fa a sapere cosa fare di fronte a una pandemia?
«E che ne sa il politico? Si fa consigliare dal medico. Ma anche il cittadino può farsi consigliare dai medici. Non tutti i virologi sono al servizio del Governo». 

Cosa ci dice della variante inglese?
«Non sono una virologa. Anche se sono circondata da medici "non allarmisti". L'importante è che non sia più virulenta. Io vedo bene una bella alleanza tra immunità di gregge e vaccino. Non possiamo continuare a spaccarci la testa per ogni variante che emerge».

Come vede il post pandemia?
«Sono preoccupata, come detto, per certe abitudini che potrebbero sparire. Ora siamo abituati a stare distanti e a non toccarci. Torneremo a stringerci la mano? Sapremo riprenderci la nostra spontaneità? Sono ottimista, ma temo che questa diffidenza rimarrà a lungo». 

GUARDA L'INTERVISTA VIDEO COMPLETA

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 07:02:27 | 91.208.130.85