Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
3 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
4 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
10 ore
Un'alternativa per l'autogestione? «Nel Luganese non c'è»
La risposta del Consiglio di Stato a un'interpellanza della Lega
CANTONE
11 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
12 ore
Una marea di volantini per ritrovare Penny
Dopo quattordici giorni, il cane è stato ritrovato. Ora si tratta di rimuovere tutti i manifesti
CANTONE
13 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
LUGANO
14 ore
Accoltellamento alla Manor, estesa l'accusa principale
Dal tentato omicidio si è passati al tentato assassinio.
PARADISO
16 ore
Il Consiglio Comunale approva il consuntivo 2020
Al via un vasto piano d’investimenti per autosilo riva lago, acqua potabile, scuola infanzia e zone verdi
FOTO
CHIASSO
16 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
BELLINZONA
18 ore
Il patriziato nell’Ente autonomo Carasc
La decisione è anche figlia di una serie di problematiche che l’Assemblea patriziale vuole risolvere
CANTONE
21.01.2021 - 20:450

«Con tutte queste restrizioni, stiamo distruggendo l'anima dei nostri giovani»

Francesca Rigotti, filosofa ed esperta in dottrine politiche, ospite di Piazza Ticino. Guarda l'intervista video.

«Ora siamo abituati a stare distanti e a non toccarci. Torneremo a stringerci la mano? Sapremo riprenderci la nostra spontaneità? Io sono ottimista, ma temo che questa diffidenza rimarrà anche dopo la pandemia». 

LUGANO / GOETTINGEN - «Sono molto preoccupata per i bambini e per i ragazzi. Li stiamo facendo crescere con l'idea che "l'altro" sia un nemico. E ho anche il timore che dopo la pandemia faremo fatica a tornare ad abbracciarci o a stringerci la mano normalmente». Pensieri da Göttingen, in Germania. "Firmati" da Francesca Rigotti, filosofa ed esperta in dottrine politiche, nonché insegnante all'Università della Svizzera italiana, a Lugano. Rigotti è stata ospite di piazzaticino.ch

È un'Europa che va avanti a suon di lockdown e semi confinamenti... 
«Sì. Sono anche preoccupatissima per il fatto che si chiami lockdown quella che di fatto è una sospensione dei diritti civili. Non mi sento trattata come una cittadina. Bensì come un suddito. In alcuni casi come una pecora. A me danno fastidio gli ordini. Quelli che se non li rispetti, ti sanzionano. Sono favorevole alle raccomandazioni, come fa la Svezia e come fa anche la Svizzera in parte».

La "famosa" Svezia però ha dovuto cedere. E ha introdotto a sua volta restrizioni...
«Sì. Ma sempre lasciando la responsabilità individuale alle persone. Non mettono il filo spinato sui parchi come ho visto fare in Germania. In Italia poi è ancora peggio. Stiamo distruggendo l'anima dei bambini, dei nostri ragazzi». 

Qualcuno potrebbe obiettare, però, che allo stesso tempo stiamo difendendo gli anziani. 
«Bisogna rendere consapevoli le categorie a rischio. Non chiuderle in "galera". E per preservare loro non si può distruggere tutto il resto. Sono disperata per quanto riguarda le nuove generazioni». 

Torniamo al modello svizzero...
«Da 26 anni insegno a Lugano. Sono legata alla Svizzera. A me il modello elvetico piace. Perlomeno da voi c'è un po' più di libertà. Va lodato anche il fatto che il vaccino non sarà obbligatorio. Altrove non è così. Io, se so che il vaccino non è imposto, lo faccio volentieri. A patto che in cambio possa ottenere di nuovo i diritti civili». 

In Svizzera sono state consegnate 90.000 firme contro la legge federale sulla pandemia. Qual è la sua opinione?
«Questo referendum è eccezionale. Si vuole dare il diritto di parola ai cittadini. Il ruolo degli esperti è importante in democrazia. Ma ancora più importante è quello del cittadino». 

Certo. Però il cittadino come fa a sapere cosa fare di fronte a una pandemia?
«E che ne sa il politico? Si fa consigliare dal medico. Ma anche il cittadino può farsi consigliare dai medici. Non tutti i virologi sono al servizio del Governo». 

Cosa ci dice della variante inglese?
«Non sono una virologa. Anche se sono circondata da medici "non allarmisti". L'importante è che non sia più virulenta. Io vedo bene una bella alleanza tra immunità di gregge e vaccino. Non possiamo continuare a spaccarci la testa per ogni variante che emerge».

Come vede il post pandemia?
«Sono preoccupata, come detto, per certe abitudini che potrebbero sparire. Ora siamo abituati a stare distanti e a non toccarci. Torneremo a stringerci la mano? Sapremo riprenderci la nostra spontaneità? Sono ottimista, ma temo che questa diffidenza rimarrà a lungo». 

GUARDA L'INTERVISTA VIDEO COMPLETA


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 10:08:56 | 91.208.130.86