Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
20 min
La "fabbrica" dei collaudi va fuorigiri
Il Governo garantisce il rispetto dei piani di protezione, ma i collaboratori parlano di ritmi quasi pre-pandemici
MENDRISIO
2 ore
Càvea Festival, gli organizzatori gettano di nuovo la spugna
Per il secondo anno consecutivo le cave di Arzo rimarranno senza musica. L'attesa terza edizione non ci sarà.
CANTONE
3 ore
Il collocatore volontario funziona
Il primo bilancio di Ticino&Lavoro sembra essere positivo
BELLINZONA
6 ore
Ecco come sarà il nuovo Pretorio
Il Consiglio di Stato chiede al Parlamento un credito di 43 milioni e 420mila franchi per ristrutturazione e ampliamento
FOTO
BREGGIA
7 ore
Gli alberi se ne vanno per poi tornare
Nell'ambito della valorizzazione della piazza di Cabbio è iniziato lo spostamento di tigli e platani
STABIO
7 ore
Passi avanti per migliorare la sicurezza pedonale
Poco sicuro l'attraversamento che porta alla fermata ferroviaria delle FFS
CANTONE
7 ore
L'autostrada A2 si prepara per il semisvincolo
Al via i lavori per il risanamento globale del tratto compreso tra gli svincoli di Bellinzona Nord e Bellinzona Sud
FOTO E VIDEO
BRISSAGO
8 ore
Come ti salvo l'Isolino dalle neofite invasive
Le specie alloctone avevano colonizzato l'Isola dei conigli, ma un intervento mirato le ha estirpate.
LUGANO
8 ore
Incidente a Savosa, danni per una Smart
L’automobilista ha riportato ferite leggere
CANTONE
8 ore
Covid: 44 positivi e 7 ricoveri
Il tasso di riproduzione Rt è dell'1,09. Sono 156 su 100mila le persone positive negli ultimi 14 giorni
CANTONE
21.01.2021 - 20:450

«Con tutte queste restrizioni, stiamo distruggendo l'anima dei nostri giovani»

Francesca Rigotti, filosofa ed esperta in dottrine politiche, ospite di Piazza Ticino. Guarda l'intervista video.

«Ora siamo abituati a stare distanti e a non toccarci. Torneremo a stringerci la mano? Sapremo riprenderci la nostra spontaneità? Io sono ottimista, ma temo che questa diffidenza rimarrà anche dopo la pandemia». 

LUGANO / GOETTINGEN - «Sono molto preoccupata per i bambini e per i ragazzi. Li stiamo facendo crescere con l'idea che "l'altro" sia un nemico. E ho anche il timore che dopo la pandemia faremo fatica a tornare ad abbracciarci o a stringerci la mano normalmente». Pensieri da Göttingen, in Germania. "Firmati" da Francesca Rigotti, filosofa ed esperta in dottrine politiche, nonché insegnante all'Università della Svizzera italiana, a Lugano. Rigotti è stata ospite di piazzaticino.ch

È un'Europa che va avanti a suon di lockdown e semi confinamenti... 
«Sì. Sono anche preoccupatissima per il fatto che si chiami lockdown quella che di fatto è una sospensione dei diritti civili. Non mi sento trattata come una cittadina. Bensì come un suddito. In alcuni casi come una pecora. A me danno fastidio gli ordini. Quelli che se non li rispetti, ti sanzionano. Sono favorevole alle raccomandazioni, come fa la Svezia e come fa anche la Svizzera in parte».

La "famosa" Svezia però ha dovuto cedere. E ha introdotto a sua volta restrizioni...
«Sì. Ma sempre lasciando la responsabilità individuale alle persone. Non mettono il filo spinato sui parchi come ho visto fare in Germania. In Italia poi è ancora peggio. Stiamo distruggendo l'anima dei bambini, dei nostri ragazzi». 

Qualcuno potrebbe obiettare, però, che allo stesso tempo stiamo difendendo gli anziani. 
«Bisogna rendere consapevoli le categorie a rischio. Non chiuderle in "galera". E per preservare loro non si può distruggere tutto il resto. Sono disperata per quanto riguarda le nuove generazioni». 

Torniamo al modello svizzero...
«Da 26 anni insegno a Lugano. Sono legata alla Svizzera. A me il modello elvetico piace. Perlomeno da voi c'è un po' più di libertà. Va lodato anche il fatto che il vaccino non sarà obbligatorio. Altrove non è così. Io, se so che il vaccino non è imposto, lo faccio volentieri. A patto che in cambio possa ottenere di nuovo i diritti civili». 

In Svizzera sono state consegnate 90.000 firme contro la legge federale sulla pandemia. Qual è la sua opinione?
«Questo referendum è eccezionale. Si vuole dare il diritto di parola ai cittadini. Il ruolo degli esperti è importante in democrazia. Ma ancora più importante è quello del cittadino». 

Certo. Però il cittadino come fa a sapere cosa fare di fronte a una pandemia?
«E che ne sa il politico? Si fa consigliare dal medico. Ma anche il cittadino può farsi consigliare dai medici. Non tutti i virologi sono al servizio del Governo». 

Cosa ci dice della variante inglese?
«Non sono una virologa. Anche se sono circondata da medici "non allarmisti". L'importante è che non sia più virulenta. Io vedo bene una bella alleanza tra immunità di gregge e vaccino. Non possiamo continuare a spaccarci la testa per ogni variante che emerge».

Come vede il post pandemia?
«Sono preoccupata, come detto, per certe abitudini che potrebbero sparire. Ora siamo abituati a stare distanti e a non toccarci. Torneremo a stringerci la mano? Sapremo riprenderci la nostra spontaneità? Sono ottimista, ma temo che questa diffidenza rimarrà a lungo». 

GUARDA L'INTERVISTA VIDEO COMPLETA

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-02 18:53:48 | 91.208.130.87