Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
46 min
Coronavirus in Ticino: altri 295 casi, 16 nuovi ricoveri e un decesso
Aumentano i pazienti in terapia intensiva, che ora sono 7, di cui 4 intubati
CANTONE
2 ore
Allievi alla scoperta delle professioni: tutto annullato
Niente da fare per la Giornata Nuovo Futuro. L'aumento dei casi di Covid-19 impone prudenza
CANTONE
2 ore
Gli annunci di lavoro hanno toccato il fondo
Ci sono segnali di ripresa per i lavoratori interinali, secondo la nuova CEO di Adecco Monica Dell'Anna
LUGANO
3 ore
Disabili alle prese con la scherma
Corsi di scherma paralimpica all’Istituto Elvetico. Inaugurata la nuova rampa d'accesso per la palestra
BELLINZONA
4 ore
Cantone spennato dal Covid: il "lockdown 2" non lo reggeremmo
Un altro confinamento non sarebbe sostenibile. I calcoli di Nicola Novaresi, direttore della Divisione delle risorse.
LOCARNO
5 ore
Un cliente «senza limiti» irritato con Salt
Un 43enne locarnese è tra gli abbonati più "scomodi" per l'operatore telefonico. «Non fa un uso normale del telefono»
CANTONE/SVIZZERA
5 ore
«L'alcol mi portava alla rovina. Poi ho saputo chiedere aiuto»
«Ho iniziato a bere a 13 anni»: Luana e Reto raccontano il loro percorso di recupero dall'alcolismo.
CANTONE / GERMANIA
12 ore
La Svizzera sulla “lista nera” tedesca: «Fosse capitato a luglio...»
C'è delusione ma non preoccupazione da parte del presidente di HotellerieSuisse Ticino per la misura della Germania
VEZIA
13 ore
Niente castagnata per il PLR di Vezia
Saltato l'evento di domenica, nonostante fosse stato previsto con una formula take away
ZURIGO/LUGANO
25.08.2020 - 16:230
Aggiornamento : 19:03

«Credit Suisse, bloccate quei licenziamenti»

Scendono in campo gli impiegati di banca, e criticano il comportamento dell'istituto di credito

La preoccupazione di Natalia Ferrara: «Attendiamo a breve notizie simili da altri istituti bancari»

ZURIGO-LUGANO - La notizia che Credit Suisse potrebbe tagliare 500 posti di lavoro, non lascia indifferente l'Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB). Attraverso un comunicato stampa il sindacato di categoria alza la voce, deplorando la decisione dell'istituto bancario di procedere a una «ristrutturazione in un momento di incertezza economica non solo nazionale, ma anche mondiale». Una ristrutturazione immotivata - viene spiegato - «a fronte di risultati di metà anno tutt'altro che scarsi (utile di 2,5 miliardi)».

A differenza di altri settori dell'economia, il settore finanziario è stato in gran parte risparmiato dalla crisi Covid. «A maggior ragione - scrive l'Associazione - questa decisione del CS disattende la solidarietà richiesta verso il personale e un mercato del lavoro in seria difficoltà».

Per queste ragioni l'ASIB chiede di sospendere i licenziamenti. «Alla piazza finanziaria – in una situazione stabile rispetto ad altri ambiti dell‘economia – è richiesto lo sforzo di non procedere a ulteriori ristrutturazioni, tanto più che la situazione del mercato del lavoro è già difficile per il personale». 

Una presa di posizione che ha un occhio di riguardo per il Ticino, già colpito nel recente passato da tagli e soppressioni. Indicazioni più precise sulle sorti della piazza finanziaria ticinese al momento non ce ne sono: «Non abbiamo informazioni in questo senso, ma speriamo che il Ticino non debba pagare ancora. Siamo già ai minimi termini», sottolinea Natalia Ferrara, responsabile regionale di ASIB.

Ferrara ricorda infatti come nel 2018 il Credit Suisse abbia già chiuso le succursali di Biasca e di Tenero. Inoltre, la piazza finanziaria ticinese è stata quella che ha perso più posti di lavoro negli ultimi 10 anni. «Oggi la situazione è più delicata che altrove. Una grande riduzione de posti di lavoro c'è già stata e il Ticino non ha margini ulteriori. Abbiamo già perso 1/3 dei posti di lavoro in questo settore. Se si taglia ancora non avremo più una piazza finanziaria».

La promessa è quella di monitorare la situazione rendendo attendi i grandi istituti bancari su quanto fatto fino ad ora. «I dipendenti hanno dato prova di grandissima lealtà e impegno. Non hanno mai smesso di lavorare, nemmeno durante il lock-down - aggiunge Natalia Ferrara -. Ricordiamo che i grandi istituti hanno anche beneficiato di un'autorizzazione per il lavoro notturno e durante il fine settimana, al fine di poter supportare la corsa ai crediti da parte delle aziende. Come sindacato abbiamo invitato i lavoratori al sacrificio, per offrire il maggior supporto possibile in questa situazione. Adesso chiediamo ai datori di lavoro un'assunzione di responsabilità. In questa crisi bisogna creare impiego, non disoccupazione».

Per Ferrara l'esempio di Credit Suisse, tuttavia, potrebbe presto essere seguito da altre banche: «Temiamo a breve notizie simili da altri istituti bancari. Questo quando, ora più che mai, occorrerebbe salvaguardare i posti di lavoro».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-23 11:06:15 | 91.208.130.85