tio.ch/20minuti
ULTIME NOTIZIE Ticino
VIDEO
BELLINZONA
17 min
Il tennis “salvato” dai pompieri
A Bellinzona con un getto d'acqua è stato evitato che i palloni pressostatici cedessero sotto il peso della neve
CADENAZZO
1 ora
Robasacco «per ore» senza corrente
Per quasi undici ore il quartiere di Cadenazzo si è trovato al buio e senza acqua calda.
CANTONE / BRASILE
2 ore
Anziano ticinese ucciso a Fortaleza
Il pensionato, un 79enne già municipale e consigliere comunale a Caslano, si era trasferito in Brasile ormai da 16 anni.
CANTONE
3 ore
La festa benefica si sposta sul web
L'evento di Natale del Club del Tappo si terrà in diretta Facebook. Da casa si partecipa con un AperoPacco
CANTONE
5 ore
Covid, altri 219 casi e 3 decessi in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore si è reso necessario il ricovero di 34 malati. Quindici sono stati dimessi
CANTONE
6 ore
È prevista altra neve (stavolta in montagna)
Mattinata di tregua, poi nel pomeriggio arriveranno nuove precipitazioni
LUGANO
6 ore
Pubblicità dei mercatini di Lugano a Losanna in tempo di covid: arriva l'interpellanza
Demis Fumasoli interroga il Municipio: «La volontà di attirare persone da lontano è un pugno nello stomaco».
LUGANO
19 ore
Abusò di diverse bambine, 77enne condannato a sette anni
La pena si è rivelata più pesante di quella proposta dal sostituto procuratore generale
CANTONE
21 ore
Test rapidi "a tappeto" anche in Ticino?
A chiederli, sull'esempio dei Grigioni, è un'interpellanza della Lega dei Ticinesi.
FOTO E VIDEO
CANTONE
21 ore
Disagi sulle strade e black out
Disagi in tutto il Cantone: colonne, incidenti, alberi caduti, black out e trasporto pubblico in difficoltà.
CANTONE
22 ore
La neve non ferma i radar, ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno però solo tre distretti.
VIDEO
LOCARNO
22 ore
«Una Città più solidale è una Città più forte»
Un video per valorizzare e ringraziare il volontariato.
CANTONE
23 ore
Maltempo, ritardi e soppressioni di treni
Saltata la corrente alla stazione di Chiasso. Scambi bloccati a Cadenazzo e a Bellinzona
CANTONE
1 gior
Lanciata petizione contro la mascherina nelle scuole medie
La richiesta arriva da Michele Moor che elenca otto ragioni per non indossare la mascherine alle scuole medie
CANTONE
1 gior
L’Istituto Dalle Molle ha un nuovo direttore
Andrea Rizzoli, esperto in intelligenza artificiale che succede a Luca Gambardella
FOTO
CANTONE
1 gior
Neve, continuano i disagi nel Sottoceneri
Diverse le strade chiuse e le code. La polizia invita a limitare gli spostamenti.
FOTO
LUGANO
1 gior
Restaurato il tempietto di Washington sul lungolago
Il monumento si trovava da tempo in cattive condizioni di conservazione
LUGANO
1 gior
Assembramenti a Lugano: «Qual è la strategia del Municipio?»
Raoul Ghisletta e co-firmatari interpellano l'Esecutivo: «La salute va tutelata»
LOSONE
1 gior
Limo della Silo Melezza: "Questa è ecomafia"
Un'accusa pesante, con tanto di nomi e cognomi, arriva attraverso un'interpellanza inoltrata oggi da Matteo Pronzini
CANTONE
1 gior
Mancava da oltre 150 anni, ma ora è tornato
Il Gipeto, il più grande avvoltoio delle Alpi, è tornato a nidificare su suolo ticinese.
LUGANO
1 gior
Molte novità per il trasporto pubblico cittadino
Con il cambio d'orario del 13 dicembre il servizio della TPL verrà potenziato.
CANTONE / CONFINE
1 gior
Tilo sostituiti da bus per lavori di manutenzione
Saranno da prevedere tempi di percorrenza maggiori
CANTONE
1 gior
L’Archivio di Stato presenta la mostra "Storie di fotografia"
Circa centocinquanta fotografie originali affiancheranno una scelta di documenti e oggetti significativi.
FOTO
CANTONE
1 gior
Una seconda vita per i detriti alluvionali
I lavori di sgombero e valorizzazioni si concluderanno a fine febbraio
BELLINZONA
1 gior
Officine FFS: «230 posti non bastano»
Il fabbisogno di materiale rotabile e di manutenzione sarebbe stato sottostimato.
CANTONE
1 gior
Ammissione alla circolazione, ecco cosa cambia da gennaio
Con il nuovo anno entrano in vigore delle modifiche all'Ordinanza.
CANTONE
1 gior
Altre 27 persone ricoverate, i pazienti dimessi sono 18
Nelle ultime 24 ore i nuovi contagi accertati sono stati 323. Si tratta della cifra più alta delle ultime tre settimane.
LUGANO
1 gior
Campus e Parco Trincea ferroviaria, verso l'approvazione definitiva
Nelle prossime settimane saranno esaminati i ricorsi e formulate le necessarie risposte.
CANTONE
1 gior
Se un funzionario del Cantone cambia sesso
Il Dipartimento del territorio ha gestito per la prima volta la transizione di un dipendente. E se l'è cavata molto bene
CANTONE
1 gior
Efficienza energetica, incentivi in scadenza
Le richieste d'incentivo inoltrate dopo il 31 dicembre non potranno più essere prese in considerazione
URI / CANTONE
1 gior
A 101 km/h in mezzo a Sisikon: automobilista con targhe ticinesi denunciato
Nella località urana posta sull'Axenstrasse vige il limite di 50 km/h.
LOCARNO
1 gior
Autosilo Largo Zorzi gratis dalla 10 alle 18
L'agevolazione sarà valida solo in alcuni giorni specifici, per agevolare il commercio
FOTO E VIDEO
ASCONA
1 gior
«Una nuvola di fumo nero». Pompieri sul posto
Le fiamme sono divampate da un magazzino sito in via Delta.
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Bianco Ticino. E non mancano i disagi al traffico
L'allerta (di grado 4) sarà in vigore fino a domenica a mezzogiorno
BELLINZONA
28.04.2020 - 12:190
Aggiornamento : 15:48

«È stata una sorpresa per noi. Siamo rimasti allibiti»

Il sindaco ha fatto il punto sul terremoto che ha scosso il settore opere pubbliche della capitale.

Nei tre cantieri incriminati - quelli del policentro Morobbia, dell’oratorio di Giubiasco e dello stadio Comunale - si sono verificati sorpassi sui costi per 5 milioni di franchi. Paglia: «Sono dispiaciuto».

BELLINZONA - Un terremoto ha scosso le fondamenta della capitale. Un terremoto provocato da «importanti sorpassi» di spesa avvenuti «in tre progetti di opere pubbliche». I cantieri incriminati sono quelli relativi alla realizzazione del nuovo Policentro della Valle Morobbia, dell’Oratorio di Giubiasco e l’ammodernamento dello Stadio Comunale e della pista d’atletica. Nel primo caso il superamento delle spese previste è del 18% (7.1 milioni invece di 6). Per il cantiere a Giubiasco, non ancora concluso e attualmente bloccato dal Municipio, le proiezioni indicano uno sforamento dei costi pari al 28% (oltre 10 milioni di franchi invece dei 7.95 previsti). Ancora più alto è il buco per lo Stadio e la pista di atletica che si attesta a un +43% rispetto ai costi preventivati (4.96 milioni invece di 3.1). In totale i sorpassi si attestano quindi a circa 5 milioni di franchi.

«Siamo rimasti allibiti» - Il Municipio, visto la gravità della situazione, ha deciso di reagire immediatamente con misure cautelative, organizzative e conoscitive per garantire il funzionamento del settore e fare chiarezza su eventuali responsabilità interne ed esterne. Misure cautelative che sono state spiegate stamane, durante una conferenza stampa, dal Municipio. «Nel giugno del 2018 - precisa il sindaco Mario Branda - eravamo stati avvisati di possibili sorpassi di preventivo per l’Oratorio e il Policentro. In entrambi i casi però il possibile sorpasso si manteneva sotto il limite del 10%». Dopo le riunioni con le commissioni, svoltesi a luglio di quello stesso anno, il Municipio non ha più avuto aggiornamenti in merito. Fino allo scorso 8 aprile. «In quella data abbiamo fatto il punto della situazione in una riunione». E lì i nodi sono venuti al pettine. «È stata una sorpresa per noi. Siamo rimasti allibiti», continua Branda. «Sul tavolo del Municipio non era arrivata nessuna informazione su quei sorpassi. Per questo abbiamo subito chiesto spiegazioni». 

Direzione ai lavori esterna - Per quanto riguarda l’Oratorio di Giubiasco, sottolinea il sindaco, «abbiamo immediatamente provveduto al blocco del cantiere» avvenuto il 15 aprile, mentre per lo Stadio Comunale la situazione è più complicata. «Siamo rimasti allibiti dalle cifre sul suo ammodernamento». In effetti le spese riguardo la casa dell’ACB superavano di più di 1.8 milioni il credito votato dal consiglio comunale. Tutti e tre i progetti erano stati affidati tramite mandato a una direzione di lavori esterna sotto la supervisione del settore opere pubbliche della Città. «Si tratta - precisa Branda - di tre diversi attori, non dello stesso».

Le misure intraprese - Il sindaco, poi, spiega le misure operative adottate. «Come detto abbiamo deciso di bloccare il cantiere a Giubiasco». Per le tre opere il Municipio ha pure congelato il pagamento delle fatture. «Per quanto riguarda lo stadio stiamo ricevendo solo ora le fatture per un’opera terminata a settembre 2019. Non sappiamo come questa cosa possa essere accaduta». Per fare chiarezza il Municipio ha avviato un audit interno e attribuirà un mandato per uno esterno. «Abbiamo pure deciso di aprire un’inchiesta amministrativa e disciplinare che concerne in prima battuta il direttore del settore opere pubbliche». Direttore che nel frattempo è stato sospeso dalla funzione ed è già stato sentito nell’ambito dell’inchiesta. «Non escludo che in futuro essa possa coinvolgere altre persone».

«Valuteremo un’eventuale azione legale» - A questo punto, al Municipio, non resta che attendere gli esiti dei provvedimenti intrapresi per fare chiarezza sulla vicenda. In primis verificare i motivi del sorpasso. «Una volta fatto questo - precisa Branda - valuteremo eventuali responsabilità e decideremo se sarà il caso di avviare azioni legali per tutelare la Città di Bellinzona». Il sindaco ha infine precisato che il Municipio «vuole vederci chiaro» e intende «capire cosa non abbia funzionato». Per quanto concerne l’Oratorio di Giubiasco verrà pure valutata la possibilità di correggere il progetto per garantire il rientro nei limiti di spesa. E anche altri dossier del settore potrebbero finire sotto osservazione. Insomma, un vero e proprio terremoto, che ha travolto anche il capo-dicastero Christian Paglia che ha deciso di autosospendersi dalla conduzione del settore opere pubbliche per tutta la durata dell’inchiesta. «L'ho fatto per garantire la massima trasparenza e chiarezza. Dispiace per questa situazione venutasi creare in uno dei settori più operativi della Città», precisa Paglia. «Evidentemente fino alla conclusione delle verifiche non rilascerò alcuna dichiarazione in merito. Avremo occasione di parlarne in seguito». Il sindaco ha peraltro precisato che l’autosospensione riguarda solo il settore delle opere pubbliche. «Christian Paglia rimane un municipale a tutti gli effetti e resta a capo del settore Ambiente».

tio.ch/20minuti
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 7 mesi fa su tio
Prima di farla tanto alta, fa un po' di esperienze, pivello. piccione.
F/A-18 7 mesi fa su tio
Dai giornali viene fuori che di questi sorpassi ci sono state molteplici pubblicazioni, il municipio dice una falsità affermando di avere appena appresa la notizia. Poi si dice che il dipartimento opere pubbliche è chiaro che non sa o non vuole far bene il proprio lavoro perché dichiara di ricevere solo ora le fatture dei sorpassi. Io da imprenditore se eseguo dei lavori che non notifico a livello finanziario e non mi vengono ufficialmente affidati non posso poi pretendere che mi vengano riconosciuti e pagati. L’inchiesta qui chiarirà se queste opere supplementari sono state ordinate, da chi e perché. Speriamo nella competenza e lealtà dei periti ma visto gli insabbiamenti sempre esistiti per proteggere i soliti, ne dubito. Ultima cosa, nel caso asfaltopoli i responsabili erano poi in gran parte i nostri politici più in vista, di tutti gli schieramenti.
F/A-18 7 mesi fa su tio
In Ticino la DL è sovente affidata ai soliti noti e già li bisognerebbe chiedersi il perché, anche le ditte che svolgono i lavori principali sono poi sempre quelle, forse è da lì che parte il male, spero che chi indachi non faccia parte del sistema perché vorrebbe dire prendere per i fondelli il popolo ticinese, non sarebbe un bel l’esempio di lealtà. Vi ricordate il caso asfaltopoli di cui queste ditte si distribuivano i lavori pubblici e ne gonfiavano il prezzo del 30%, per anni hanno fatto e Queste ditte girano ancora e guarda caso, hanno partecipato alle opere dei tre cantieri citati, vuoi dire che il lupo perde il pelo ma non il vizio?
vulpus 7 mesi fa su tio
@F/A-18 Il carnevale continua. Sarebbe veramente interessante anche in altri campi se questi politici cascano comunque dal pero. Una su tante: la decisione di sostenere Castione per la nuova officina FFS. Nessuno è ancora riuscito a togliere dalla testa che qualche combine c'è stata anche lì.
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@F/A-18 Da uomo di buona fede (perché sempre lavorato con onesti) faccio notare che i lavori grandi vengono fatti solo da ditte che ne hanno la capacità. Diciamo che più sei grande e più hai capacità di sopperire alle richieste elevate. Immagino sia per questo che le aziende private senza lavori statali non camperebbero molto, difatti sono dimensionate per sopperire a quelle necessità. Inoltre sul discorso di prima, altro parametro che i comuni adoperano sono le referenze. Cioè se hai fatto 50 lavori col cul0 vali di più di uno che non ne ha fatti però ha messo i prezzi onesti in offerta. Di queste cose ne vedi molte quando sei dalla parte dei cattivi, vero anche però la DL non felice di lavorare male con ditte che basano la sopravvivenza sulla speculazione. Quindi immagino che il vero ''nemico'' non sia sempre la cricca ma il brascin curt comunale.
F/A-18 7 mesi fa su tio
@Mattiatr Ah beh, certo che i lavori dovrebbero essere pagati il giusto. A me capita il cliente che per un semplice lavoro di due operai per 8 ore che fanno ad esempio 2000 franchi con materiale e macchinario se glie lo eseguo a forfet per 1500.- Ma cosa vuol dire? Ma che discorsi sono? Ma se il tempo è quello ed il materiale anche non capisco il ragionamento di certa gentaglia.
F/A-18 7 mesi fa su tio
@vulpus Ogni volta che vinco un concorso pubblico e quindi lo tolgo ad un qualche eletto della casta vengo tollerato ma niente più, chi invece fa parte della casta su comporta da padrone del vapore, mette in discussione il lavoro degli altri spalleggiato dalla DL, come mai succedono queste cose? Io la risposta me la sono già data da un pezzo.
volabas 7 mesi fa su tio
Quando la mano destra , sa' , ma non vuol vedere cosa fa la mano sinistra.
ugo202230 7 mesi fa su tio
Tutti a casa, e restituzione dei sorpassi.
klich69 7 mesi fa su tio
Politici all’italiana ai tempi del coronavirus. Bel film. LADRI.
santo 7 mesi fa su tio
Vergogna!!!!!!!!!!!!!
Marta 7 mesi fa su tio
ma come è possibile?? non ci sono controlli?? ..sufficiente per licenziare chi non fa il suo dovere
Nmemo 7 mesi fa su tio
.. Perché i politici responsabili di siffatta malagestione non mettono le dimissioni sul tavolo?
vulpus 7 mesi fa su tio
Il municipio fa la sua bella figura di palta. Ma come è possibile che stanno facendo investimenti per milioni e milioni e il municipio si accontenta di un aggiornamento ogni 2 anni. Ma sindaco stiamo giocando o che cosa? Forse eravate troppo occupati con la storia delle Officine FFS , a contrastare una soluzione diversa di quella stabilita a tavolino tra pochi eletti. Il capo dicastero si è autosospeso, dimostrando di volersi assumere le sue parti di responsabilità: giù di cappello. Ritiene di aver sbagliato e fa un passo indietro. Ma il municipio che fa? Non si interessa di ciò che spende? Queste sono le bellezze delle mega aggregazioni: un conto è gestire Bellinzona, un conto è gestire un agglomerato, divenuto oramai "incontrollato". Le deleghe ai funzionari , dimostrano nuovamente che sono una carta bianca, e che questi personaggi poi fanno e disfano senza dire nulla. Bellinzona non si ritenga una eccezione. Lo fa il cantone regolarmente ( poi ci mette le pezze dopo), lo fanno anche le altre città . I comuni sicuramente meno, in quanto non hanno milioni da spendere e spandere. A Bellinzona si stà ancora esaudendo i desiderata dei diversi comuni aggregati, bisogna soddisfarli tutti. Ne vedremo delle belle. Curiosa la data della presa di conoscenza della situazione
GIGETTO 7 mesi fa su tio
Vergognoso!! Un municipale (Paglia) che durante la conferenza stampa afferma che è dispiaciuto e nulla più è a dir poco scandaloso. Personalmente sono felice di pagare poche tasse al mio comune di domicilio e al cantone se le cose vanno a finire in questo modo........
F/A-18 7 mesi fa su tio
@GIGETTO Caro, non è il Paglia che deve vergognarsi, chi fa le porcate forse verrà fuori se fanno un’inchiesta seria e non insabbiano il tutto come sempre.
Ghepardo2 7 mesi fa su tio
Sono trent'anni e oltre che lavorano così a Bellinzona. niente di nuovo. Bastava togliere le fette di salame dagli occhi.
Nicklugano 7 mesi fa su tio
C'é chi resta sorpreso e chi addirittura allibito…. semm a posct !
F/A-18 7 mesi fa su tio
I preventivi devono essere fatti con più precisione, le delibere al prezzo più stracciato portano poi ad attaccarsi a tutto, nessuno ci guadagna. Se poi l’artigiano è più furbo della DL ti saluto, gli presenta il conto e cito. L’errore è comunque a monte, non si sono previste certe opere che poi vengono eseguite per forza ed a prezzi maggiorati, è prassi e certe ditte aspettano DL , progettista e committente al varco, oramai è una guerra.
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@F/A-18 Quando si procede con la scelta dell'offerente ci sono dei parametri da rispettare stabiliti dai vari comuni. Fra questi ci sono il numero di apprendisti, il prezzo, l'affidabilità dei prezzi... Questi parametri sono in percentuale e mantengono oggettiva l'analisi, di modo che si evitino favoritismi. Il problema sussiste quando l'affidabilità dei prezzi non è parametro considerato (per es. 0-5%), favorendo solo il costo. Così facendo si presenta una corsa al ribasso fra le varie ditte. Per es. in un acquedotto una ditta aveva speculato l'assenza di roccia nello scavo, proponendo 1 fr/mc, cifra ovviamente bassa, la DL si è ritrovata a fra il fuoco incrociato.¶ Questo per dire che non sono sempre i privati a essere i ladri, ma i committenti pubblici che fanno una corsa continua al risparmio, per poi piangere.¶ I preventivi in genere sono fatti bene. Poi viene applicata una tolleranza del 10% per far sì che gli imprevisti non causino problemi (non si può mai sapere cosa si trova scavando per esempio).¶ A nessuno piace spendere, però pur di risparmiare i comuni sono disposti a far tribulare i vari lavoratori e a incorre in queste problematiche, senza però mai assumersi le responsabilità (Politica level 100%).
F/A-18 7 mesi fa su tio
@Mattiatr Ho partecipato anche a dei lavori specifici in due dei tre cantieri vincendo il lon corso e rispettando l’offerta. Sinceramente vedevo che erano tutti tiratissimi, a mio modo di vedere non penso che ci sia chi ha guadagnato, piuttosto lavori non previsti, inconvenienti o dettagli non studiati bene che hanno richiesto ulteriori spese. Piuttosto spero che chi dovrà indagare non faccia parte della cricca per esempio di chi porta via la maggior parte delle direzioni lavori. Infatti ci potrebbe essere il sospetto che chi ha il mandato di direzione lavori poi vada ad aiutare i propri amici, trombando invece chi magari quel lavoro l’ha vinto ma se non era lui era meglio, mi spiego? Sarebbe ora che queste porcherie finissero in quanto tremendamente ingiuste è che portano allo sperpero dei soldi pubblici a favore degli amici e degli amici degli amici.
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@F/A-18 Sono dalla stessa parte. Quando mio padre e mio nonno hanno iniziato con l'impresa nei '90 c'era un vincolo fra offerta e preventivo del 15% (se non erraro). Tale limite è stato rimosso perché alcuni gonfiavano le cifre, in cattiva o mala fede. Ciò ha portato all'inversione totale del sistema, che ha portato alla speculazione. La cosa peggiore, è che gli enti pubblici predicano rispetto per la professionalità, ma senza esser disposti ad applicarlo.¶ Nel mio paese mio padre ha preso un lavoro dalla parrocchia di cui conosce i membri. Ciò dall'esterno sembra un favoritismo. In realtà i prezzi del secondo concorrente erano sproporzionati. Oltre a ciò con la mia famiglia abbiamo parte attiva sia nella socialità che questo organo crea e abbiamo aiutato nella raccolta fondi. Si è voluto inoltre favorire il fine al risparmio, cioè quello di ripopolare una valle in piena spopolazione, quindi prima tieni qua quelli del paese e poi dopo ne porti.¶ Io ho una visione economica e sociale capitalista, ma responsabile. Difatti quando incasso, è tutta la nazione a guadagnare, non solo io. Ogni mia uscita è un guadagno per altri. È per questo che preferisco far spesa, in Ticino, per le persone della mia nazione. Abbiamo la responsabilità di far prosperare la Svizzera e non solo di abitarla e pagarci le tasse.
F/A-18 7 mesi fa su tio
@Mattiatr Mah, c’è tanto marcio in giro......, tirem innanz, come dicevano i nostri vecchi.
Nmemo 7 mesi fa su tio
@ Mattiatr I preventivi di regola già comprendono 10-15% d'imprevisti. Inoltre le quantità esposte alle singole posizioni sono anche arrotondata in abbondanza del 10%. Che cosa vorresti raccontare (taia e medega) che non sia conosciuto agli addetti ai lavori?
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@Nmemo No affatto, ho avuto il piacere di collaborare e assistere progetti comunali, cantonali e federali ben più grandi di questo. Difatti nel mio ultimo impiego operavo proprio accanto a chi questa professione la fa, dalla quale ho potuto imparare molto (ma mai abbastanza). Io dico che i surplus sono normali, è impossibile fare un cantiere senza un imprevisto.¶ Essendo rimasto qualche annetto accanto a chi fa DL posso garantire che chi fa bene il suo lavoro comunica tutto ai committenti, nei progetti di maggior potata magari più volte al giorno. Difatti la mancata comunicazione d'informazioni porterebbe conseguenze a livello penale, il ché è una buonissima motivazione per dire tutto. Quindi considerando ciò trovo difficile che 3 DL separate, di cui una privata, abbiano tutti omesso informazioni ai Municipali. Trovo più probabile invece che ci sia stata una mancata comunicazione fra i municipali o dagli impiegati comunali.¶ Per questo penso sia ridicolo da parte del sig. Branda far notare che una DL è esterna, centra ben poco. IMPOSSIBILE che non sapessero nulla. Sarebbero giusto che gli altri seguissero l'esempio di Paglia auto sospendendosi momentaneamente.
Nmemo 7 mesi fa su tio
È più grave ancora l’inopportuno silenzio per quanto concerne l’omissione della procedura per il ricupero delle spese dei danni causati dal franamento della discarica abusiva di Scarpapè, stimati dell’ordine di 7-800 mila CHF, ritenuto ben noti i responsabili del danno! Le spese allibrate nei conti comunali sono finora totalmente a carico del contribuente, senza il previsto ricupero da chi ha causato il danno!
Nilo221 7 mesi fa su tio
E adesso chi paga?? chi in galera??
volabas 7 mesi fa su tio
@Nilo221 Paga il cittadino; in galera nessuno...l'è tüt a posct.
Equalizer 7 mesi fa su tio
Sono dispiaciuto ????? Ma ti sè gnücc o cosa? E l'altro: Siamo rimasti allibiti, si allibiti e muti, guai se trapelava qualcosa. A mò 'na volta un esempi, che quando l'è na question da soldi la bandera la var pü naot. Dilettanti e incapaci.
MIM 7 mesi fa su tio
Incredibile, firmano ordini di pagamento senza nessun controllo? Ma dove siamo?
Mattiatr 7 mesi fa su tio
Il preventivo per legge e per previsione degli imprevisti permette una tolleranza del ±10%. Questo perché esistono sempre delle casualità non prevedibili. Un'indagine chiarirà le cause di questo surplus. Sappiate che in edilizia non è raro che le spese superino le cifre preventivate, è molto più raro che il committente non ne sappia nulla. In genere la DL comunica tutti gli imprevisti al committente, quindi far finta di cascare dal pero è molto più vergognoso della spesa maggiore in sé. Anche fingendo che ciò sia vero, questo fatto mostra una possibile mancanza di comunicazione fra i municipali, fra i collaboratori statali e il municipio o altri componenti. Ovvio che è possibile che la DL abbia infranto l'etica professionale omettendo d'informare il committente, ma ciò non può avvenire in tre casi separati con tre uffici separati. Ergo è visibile una mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini.
comp61 7 mesi fa su tio
Ahahah chiamiamo il Gabibbo!!!! Che figura....
miba 7 mesi fa su tio
Gnam gnam, magna ti che magni mi.......
crapadagat 7 mesi fa su tio
@miba che pochezza... adesso tutto il world wide web è ne sa davvero tanto di più, grazie a commenti di così tanta sapienza.
miba 7 mesi fa su tio
@crapadagat Giornata piovosa, con il coronavirus non sin può neanche andare in bettola quindi quanto hai postato ha anche un senso :). Un po' più triste è che tu non abbia capito il senso della battuta e cioè che nel nostro cantone e non solo a Bellinzona quando si tratta di lavori pubblici c'è sempre qualcuno che mangia alla grande con poi 1000 scuse e/o pretesti. Mi stupisci: sei ticinese e queste cose non le sai?
prophet 7 mesi fa su tio
le semplici basi del project management...
Mag 7 mesi fa su tio
Ovviamente non è colpa di nessuno, nessuno finirà in galera e nessuno rimborserà il contribuente.
Bandito976 7 mesi fa su tio
Rompono i c........i ai privati quando devono ristrutturare o costruire casa per idiozie e mangeria e poi non guardano ai milioni che i soliti si mangiano. Tutta una mafia peggio dell’Italia. Vergogna.
seo56 7 mesi fa su tio
Scandaloso!!
albertolupo 7 mesi fa su tio
Non è solo la direzione lavori che serve, quella fa parte del mandato per eseguire l'opera, poco importa se sia eseguita da terzi: occorre anche un "rappresentante del committente" che esegua i controlli che il committente stesso (tecnicamente e operativamente) non riesce a svolgere.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-05 15:18:15 | 91.208.130.85