Immobili
Veicoli
Sara Demir
ARBEDO-CASTIONE
21.03.2020 - 22:010

Un volantino multilingue per aiutare tutti: «Restate a casa»

Il team di volontari si coordina per portare la spesa al domicilio delle persone anziane.

Il sindaco Decarli: «Era il minimo che potessimo fare per i nostri "non più giovani"».

ARBEDO-CASTIONE - In tempo di coronavirus gli appelli si moltiplicano ma il messaggio è sempre lo stesso: siate responsabili, limitate i contatti, restate a casa. Un pensiero particolare è rivolto soprattutto alle persone anziane, a cui il virus potrebbe portare conseguenze gravi. Ed è proprio a loro che si indirizza anche l’operato di un team di volontari che si è messo a disposizione per aiutarli.

Con o senza contanti - «Fanno la spesa e vanno in farmacia per le persone anziane che hanno bisogno - spiega la coordinatrice Sara Demir -. L'anziano che ha a disposizione denaro contante può contattare il nostro team tramite i numeri di telefono indicati sul volantino. Altrimenti possono comunque far capo al servizio comunale già organizzato che esegue questo servizio senza che sia necessaria la liquidità immediata».

Il coordinamento - I volontari ricevono le richieste tramite telefono/WhatsApp, informano subito sull'orario di consegna, comunicano l'importo esatto della spesa (se possibile trasmettono la foto della ricevuta). Il team si attiene alle direttive cantonali che sono state emanate per chi esegue delle attività di volontariato. «Io ho il compito di tenere la tracciabilità dei dati (data, volontario, beneficiario, dove è avvenuto l’acquisto e importo della spesa) - spiega Sara Demir -. Tutti hanno guanti e/o disinfettante e la mascherina. Inoltre hanno sottoscritto un'autocertificazione sullo stato di salute».

Disinfettante e distanze - Proprio le indicazioni ripetute ogni giorno dal Governo ticinese sono di fondamentale importanza anche quando si pensa al volontariato. «Alcuni non vedono nemmeno l’anziano a cui consegnano la spesa, altri si salutano mantenendo la distanza di almeno un metro (io dico di tenerne tre). Sono molto pignola con i volontari, perché con la salute non si scherza. Devono disinfettarsi sempre le mani, lavarle e disinfettarle ancora bene in ogni momento, prima e dopo il servizio».

Un volantino multilingue - Un servizio messo a disposizione dei cittadini di Arbedo-Castione, in accordo con il Municipio, che è nato spontaneamente l'11 marzo. Quando il patriziato di Camorino si è attivato per aiutare i suoi residenti, Demir ha condiviso l’iniziativa su Facebook (nel gruppo "Bellinzona (Nuova Bellinzona)") che conta 1'600 iscritti. Molti hanno commentato che avrebbero voluto adoperarsi per fare del bene. Ne è nato un progetto rivolto alla popolazione di Arbedo-Castione, che da qualche giorno ha reso la comunicazione ancora più efficace, con un volantino in 11 lingue. «Tappezzeremo i luoghi ancora accessibili, come i supermercati, raggiungendo anche tutte quelle persone che non conoscono l’italiano».

L'apprezzamento del Comune - Il sindaco Luigi Decarli ha accolto con entusiasmo e gratitudine l'iniziativa del team di volontari, che si aggiungono a quelli coordinati dal Municipio. «Io mi sono mosso subito per far fronte a questa situazione straordinaria. Sono molti quelli che si sono annunciati per dare una mano e ora è tutto coordinato». Arbedo-Castione è una realtà a misura d'uomo e questo servizio fa bene al cuore in un momento davvero difficile. «Era il minimo che potessimo fare per i nostri "non più giovani"».

I numeri di telefono sono a disposizione sempre, anche nei festivi e nel weekend.

Sara Demir
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 06:48:10 | 91.208.130.86