tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
20 min
Ristoratori ticinesi ottimisti
Uno studio di UBS parla di facile ripresa. GastroTicino: «Momento difficile per chi lavora con business e congressi».
AIROLO
20 min
«Fermate quel mostro: interrate quei tralicci»
A Nante, in Leventina, un bosco rischia di essere distrutto da un progetto elettrico. Scoppia la rivolta.
CANTONE
11 ore
«Mascherine gratis sui mezzi pubblici»
Lo chiede il Partito socialista in una lettera aperta indirizzata al Governo ticinese
VIDEO
LOCARNO
11 ore
I dinosauri sono sbarcati nella Rotonda di Locarno
Ecco Dinosaurs Park, la mostra evento che apre i battenti domani in Piazza Castello
CANTONE
11 ore
Vacanze negate: «C'è chi l'ha presa male»
Italia, Spagna. Ma anche la Serbia, con qualche escamotage. I vacanzieri si preparano a lasciare il Ticino. Come?
GRAVESANO
14 ore
Medio Vedeggio, si vota il 18 ottobre
Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione sul progetto aggregativo tra Bedano e Gravesano.
LUGANO
14 ore
Troppi incivili: il Municipio chiude la Foce
Nel weekend lo sbocco del Cassarate non sarà accessibile dalle 20.00. Colpa dei vandalismi, e dei rifiuti
CANTONE
14 ore
Orari nei licei: consegnata la petizione
Il sindacato degli studenti ha recapitato oggi 730 firme alla cancelleria dello Stato
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
«Poca voglia di far spesa in Italia»
Secondo Migros gli svizzeri sono tornati in massa a far spesa oltre confine dalla riapertura delle frontiere.
CANTONE
15 ore
Il Ticino rialza il livello d'allerta
L'aumento dei contagi ha fatto passare dal blu all'arancione la campagna cantonale di sensibilizzazione.
CANTONE
15 ore
Diplomi per giovani talenti dello sport e dell'arte
Si è svolta il 26 giugno la cerimonia di consegna degli attestati federali presso la Scuola professionale per sportivi.
LUGANO-ROMA
18.02.2019 - 15:490
Aggiornamento : 20:34

Il caso-Fogazzaro arriva fino al Parlamento italiano

Un'interrogazione è stata presentata a Montecitorio da 23 deputati del Movimento 5 Stelle

LUGANO/ROMA - Il Fogazzaro approda in aula a Montecitorio. Ne ha fatta di strada il caso dei "diplomi facili" scoperchiato l'estate scorsa da tio/20minuti. Dopo due interrogazioni al Consiglio di Stato e il recente servizio di Falò, ora la vicenda è arrivata nientemeno che sui banchi del Parlamento italiano. 

Domande in aula - Un'interrogazione parlamentare, presentata da 23 deputati del Movimento 5 Stelle settimana scorsa, chiede al Ministero dell'Istruzione della vicina Penisola di fare chiarezza sulla vicenda e, «ove i fatti vengano confermati», di prendere provvedimenti. A darne notizia è il settimanale Panorama.

Il caso - Al centro della polemica, che ha spinto il Decs ha proporre una modifica alla legge sulla scuola il mese scorso, c'è un istituto paritario di Pomigliano d'Arco in provincia di Napoli. È qui che, come riferito, si sarebbe diplomata la stragrande maggioranza degli allievi della scuola di Breganzona. Diversi di loro hanno raccontato di esami truccati, in cui le risposte erano fornite loro direttamente dai professori. 

«Urge una modifica» - «Su alcuni media locali ticinesi  è stata riportata la notizia che in realtà l'istituto Papi pare essere un vero e proprio diplomificio, che dietro il pagamento di una somma prestabilita rilascerebbe il diploma di maturità» si legge nell'interrogazione presentata in aula dalla deputata Virginia Villani (prima firmataria). «Le accuse lanciate dai media svizzeri, se confermate, dimostrano quanto il sistema scolastico italiano necessiti di una radicale modifica, soprattutto in relazione agli istituti paritari» continua il testo. 

Ecco l'interrogazione completa: 

Il liceo privato «Fogazzaro» di Breganzone, vicino Lugano in Svizzera, è un liceo privato svizzero che prepara gli studenti svizzeri e italiani al conseguimento della maturità italiana;

non essendo il liceo Fogazzaro una scuola parificata, deve inviare i propri studenti presso un altro istituto italiano, al fine di sostenere gli esami per il conseguimento del diploma di maturità da privatisti;

il Fogazzaro, a differenza di molti altri istituti limitrofi, invia i propri studenti presso l'istituto paritario «Papi» di Pomigliano D'Arco, in provincia di Napoli;

nei giorni scorsi su alcuni media locali ticinesi è stata riportata la notizia che in realtà l'istituto Papi pare sia essere un vero e proprio diplomificio, che dietro il pagamento di una somma prestabilita di circa 3000 euro, rilascerebbe il diploma di maturità;

nel corso di questo anno scolastico sono ben 54 i maturandi ticinesi iscritti da privatisti presso l'istituto Papi di Pomigliano D'Arco che devono sostenere l'esame di maturità;

negli ultimi anni sono state decine le segnalazioni e le inchieste, soprattutto nella provincia di Napoli, relative a diplomi a pagamento erogati da diversi istituti campani;

le accuse lanciate dai media svizzeri, se confermate, dimostrano quanto il sistema scolastico italiano necessiti di una radicale modifica, soprattutto in relazione agli istituti paritari –:

se il Ministro interrogato sia a conoscenza della problematica appena descritta e quali iniziative intenda intraprendere al fine di verificare e valutare eventuali violazioni commesse dal liceo Papi di Pomigliano D'Arco;

ove i fatti siano confermati, se non ritenga necessario adottare le iniziative di competenza per revocare la parità scolastica a causa della mancata osservanza dei requisiti previsti dalla legge n. 62 del 2000. 
(4-02249)

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 06:20:49 | 91.208.130.87