tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
VIDEO
LUGANO
4 min
Il turismo strizza l'occhio agli over 60: «Lugano Region. Il vero sud»
L'iniziativa vuole anche convincere gli operatori ad estendere le aperture stagionali
CANTONE
30 min
Maturità professionale: «Non penalizziamo gli allievi»
Il Partito comunista interroga il Governo sul posticipo degli esami e sui tempi con cui è stato comunicato agli studenti
CANTONE
36 min
Quattro nuovi contagi in Ticino
Il numero complessivo di casi raggiunge quota 3'608. Le nuove cifre aggiornate questa mattina dal Cantone
MENDRISIO
46 min
Super Puma dell’Esercito vittima di un attacco laser
L’autore del gesto è stato intercettato e denunciato al Ministero pubblico
CANTONE
3 ore
I medici: no alla distribuzione dei bonus
Meglio usare quei soldi raccolti durante la pandemia per scopi utili all'ospedale
RIVA SAN VITALE
3 ore
Quando lo scultore è donna: «Tramuto i sogni in bronzo»
Trent'anni fa la scultrice e pittrice Gabriela Spector ha lasciato l'Argentina per mettere radici in Ticino.
CANTONE
4 ore
«I nostri figli a casa per un mini raffreddore»
Misure anti Covid-19. C'è malumore tra i genitori degli allievi di scuola elementare e dell'infanzia.
VIDEO
CONFINE
4 ore
«A Chiasso in monopattino... ma che prezzi»
Il viaggio di uno Youtuber 26enne dalla Bergamasca al Ticino. Non senza problemi alle ginocchia
LOCARNO
12 ore
Fabrizio Sirica non correrà per il Municipio
L'ha annunciato ufficialmente questa sera all'Assemblea annuale della Sezione.
VIDEO
MERCATO LUGANO
13 ore
«A Lugano ho trovato un luogo dove non sentirmi straniera»
Tara è una storica ospite del mercato del sabato. I gioielli etnici e le pietre sono la sua passione
CONFINE
15 ore
Prete ucciso a Como: «Io non c'entro»
Il 53enne tunisino finito in manette per l'omicidio di don Roberto ha ritrattato la sua confessione
LUGANO-ROMA
18.02.2019 - 15:490
Aggiornamento : 20:34

Il caso-Fogazzaro arriva fino al Parlamento italiano

Un'interrogazione è stata presentata a Montecitorio da 23 deputati del Movimento 5 Stelle

LUGANO/ROMA - Il Fogazzaro approda in aula a Montecitorio. Ne ha fatta di strada il caso dei "diplomi facili" scoperchiato l'estate scorsa da tio/20minuti. Dopo due interrogazioni al Consiglio di Stato e il recente servizio di Falò, ora la vicenda è arrivata nientemeno che sui banchi del Parlamento italiano. 

Domande in aula - Un'interrogazione parlamentare, presentata da 23 deputati del Movimento 5 Stelle settimana scorsa, chiede al Ministero dell'Istruzione della vicina Penisola di fare chiarezza sulla vicenda e, «ove i fatti vengano confermati», di prendere provvedimenti. A darne notizia è il settimanale Panorama.

Il caso - Al centro della polemica, che ha spinto il Decs ha proporre una modifica alla legge sulla scuola il mese scorso, c'è un istituto paritario di Pomigliano d'Arco in provincia di Napoli. È qui che, come riferito, si sarebbe diplomata la stragrande maggioranza degli allievi della scuola di Breganzona. Diversi di loro hanno raccontato di esami truccati, in cui le risposte erano fornite loro direttamente dai professori. 

«Urge una modifica» - «Su alcuni media locali ticinesi  è stata riportata la notizia che in realtà l'istituto Papi pare essere un vero e proprio diplomificio, che dietro il pagamento di una somma prestabilita rilascerebbe il diploma di maturità» si legge nell'interrogazione presentata in aula dalla deputata Virginia Villani (prima firmataria). «Le accuse lanciate dai media svizzeri, se confermate, dimostrano quanto il sistema scolastico italiano necessiti di una radicale modifica, soprattutto in relazione agli istituti paritari» continua il testo. 

Ecco l'interrogazione completa: 

Il liceo privato «Fogazzaro» di Breganzone, vicino Lugano in Svizzera, è un liceo privato svizzero che prepara gli studenti svizzeri e italiani al conseguimento della maturità italiana;

non essendo il liceo Fogazzaro una scuola parificata, deve inviare i propri studenti presso un altro istituto italiano, al fine di sostenere gli esami per il conseguimento del diploma di maturità da privatisti;

il Fogazzaro, a differenza di molti altri istituti limitrofi, invia i propri studenti presso l'istituto paritario «Papi» di Pomigliano D'Arco, in provincia di Napoli;

nei giorni scorsi su alcuni media locali ticinesi è stata riportata la notizia che in realtà l'istituto Papi pare sia essere un vero e proprio diplomificio, che dietro il pagamento di una somma prestabilita di circa 3000 euro, rilascerebbe il diploma di maturità;

nel corso di questo anno scolastico sono ben 54 i maturandi ticinesi iscritti da privatisti presso l'istituto Papi di Pomigliano D'Arco che devono sostenere l'esame di maturità;

negli ultimi anni sono state decine le segnalazioni e le inchieste, soprattutto nella provincia di Napoli, relative a diplomi a pagamento erogati da diversi istituti campani;

le accuse lanciate dai media svizzeri, se confermate, dimostrano quanto il sistema scolastico italiano necessiti di una radicale modifica, soprattutto in relazione agli istituti paritari –:

se il Ministro interrogato sia a conoscenza della problematica appena descritta e quali iniziative intenda intraprendere al fine di verificare e valutare eventuali violazioni commesse dal liceo Papi di Pomigliano D'Arco;

ove i fatti siano confermati, se non ritenga necessario adottare le iniziative di competenza per revocare la parità scolastica a causa della mancata osservanza dei requisiti previsti dalla legge n. 62 del 2000. 
(4-02249)

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-18 10:54:29 | 91.208.130.89