foto e video Davide Giordano
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
14 min
«Ha fatto di tutto per essere fermato»
Strage progettata alla Commercio di Bellinzona: la difesa ha chiesto una riduzione della pena
BELLINZONA
23 min
Il Woodstock si mette in quarantena
Parla uno degli avventori del Woodstock, presente la stessa sera della recluta positiva al Covid.
LUGANO
54 min
Colpirono il radar con una molotov, fermati due ventenni
Il gesto era stato portato a termine da uno dei due a marzo del 2019 per salvare l'amico da una multa.
CANTONE
54 min
TILO, si torna (quasi) alla normalità
I clienti avranno a disposizione l'intera offerta prevista nell'orario regolare, eccetto alcuni collegamenti serali.
CANTONE
1 ora
Studio sul Covid, 8'000 lettere dirette ai ticinesi
L'esperto di salute pubblica Emiliano Albanese: «Non possiamo più farci cogliere impreparati»
BELLINZONA
1 ora
«Niente uguaglianza di genere in Municipio»
Il gruppo MPS-POP-Indipendenti aveva presentato una mozione contro l'oppressione di genere
BELLINZONA
1 ora
«Un ragazzo normale, che più non si può»
Strage progettata alla Commercio di Bellinzona: è iniziata l'arringa della difesa
CALANCA (GR)
1 ora
Gravemente ferita durante un'escursione, salvata dall'app
Una donna ha avuto un brutto incidente ieri in Val Calanca, ma è riuscita ad allertare i soccorritori con lo smartphone.
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Un'estate un po' diversa per il Gottardo
Gli svizzeri, ma anche i cittadini europei, quest'estate si sposteranno meno per le vacanze.
CANTONE
2 ore
I casi aumentano anche in Ticino
Dopo un mese di giugno molto positivo, oggi il nostro cantone è confrontato con una crescita della curva epidemiologica.
FOTO
CANTONE
2 ore
Bellezze del bosco tutte da scoprire
In Ticino sono stati allestiti otto percorsi con alcune sagome
GAMBAROGNO
19.01.2018 - 08:020
Aggiornamento : 16:26

«Locarno è a pochi chilometri, ma ci mettiamo ore a raggiungerla»

Senza treni e senza navigazione: radiografia di una regione in “panne”. Con ritardi che si accumulano e lunghe perdite di tempo. L’autorità: «Ancora un po’ di pazienza»

GAMBAROGNO – «Questa situazione è snervante. Per raggiungere Locarno, che dista pochi chilometri in linea d’aria da qui, ci vogliono ore». Lo sfogo è di Joe Metrangolo, 47enne di Magadino che lavora dall’altra parte del lago. È lui a dipingere la situazione attuale dei mezzi pubblici nel Gambarogno. Da una parte la ferrovia ancora semi chiusa (in particolare di giorno) a causa dei noti lavori di manutenzione voluti dalle FFS. Dall’altra, la navigazione ferma per ragioni burocratiche. Fino alla fine di febbraio il battello tra Magadino e Locarno non circolerà. E il malumore tra la popolazione è alto. 

Ragazzi delusi – La giovane universitaria Céline Stegmüller ha recentemente “denunciato” la situazione del Gambarogno in un interessante articolo pubblicato sul suo blog personale. «Mio fratello frequenta il liceo di Locarno – spiega –. Ogni giorno arriva a scuola con dieci minuti di ritardo. E per arrivarci, deve fare i salti mortali».

Lunghe attese – Come lui, decine di altri studenti e lavoratori. Dal Gambarogno si prende il bus, molte volte in ritardo a causa del traffico, per Cadenazzo. E lì si aspetta il treno verso Locarno. «Spesso mancano le coincidenze – sostiene Metrangolo –. E si perde un sacco di tempo ad aspettare. Questa situazione poteva essere evitata». «Si poteva tentare di anticipare di 4 o 5 minuti gli orari degli autopostali – ipotizza Céline Stegmüller –. I giovani, ma in generale l’intero Gambarogno, sono molto penalizzati da questi disagi».

Il mortorio – Ma non si tratta solo di una questione di tempo perso. Come verificato dalle telecamere di Ticinonline/ 20 Minuti nei dintorni del debarcadero di Magadino regna il mortorio assoluto. «Io ho addirittura deciso di chiudere il mio locale per questo periodo – ammette Franco Vezzoli, gerente del ristorante Al Lago –. Con la navigazione completamente ferma, di qui non circola nessuno. La perdita finanziaria per me è grossa. Avevo già avuto difficoltà lo scorso mese di luglio, quando c’era stato lo sciopero dei dipendenti della Navigazione Lago Maggiore».

Uno stop inatteso – E la “panne” attuale con cui il Gambarogno è confrontato ha origine proprio in quelle settimane. Se i lavori ferroviari, iniziati da ormai 6 mesi, erano da tempo stati annunciati da parte delle FFS, più difficile era prevedere che sul Verbano durante l’inverno i battelli che collegano Magadino a Locarno sarebbero rimasti fermi. Questione di permessi richiesti in ritardo da parte della nuova gestione.  

Problemi cronici di traffico – Metrangolo è demoralizzato. «Così si spinge la gente a prendere l’auto. Il Gambarogno è già confrontato con grossi problemi di traffico. Non aveva bisogno anche di questa tegola. È una bella regione. Ma sto seriamente prendendo in considerazione l’ipotesi di trasferirmi nei pressi di Locarno. Le autorità non sono state in grado di prevedere questo caos».  

Le prospettive – Intanto, il Municipio di Gambarogno è sotto pressione. «Riceviamo richieste di informazione da parte della popolazione – dice il segretario comunale Alberto Codiroli –. Purtroppo due eventi straordinari si sono accavallati. Sul lago le cose dovrebbero tornare alla normalità a partire da fine febbraio. Per quanto riguarda la linea ferroviaria, bisognerà attendere fino a fine aprile. Il Comune, in ogni caso, non ha responsabilità. È comprensibile il disagio di alcuni. Invito tutti ad avere ancora un po’ di pazienza».

foto e video Davide Giordano
Guarda le 3 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-02 12:10:31 | 91.208.130.89