BERNASuccessione Sommaruga e Maurer, il programma

04.12.22 - 08:53
Herzog e Baume-Schneider. Rösti e Vogt. Ecco chi sono i candidanti
20minuten
Fonte ats
Successione Sommaruga e Maurer, il programma
Herzog e Baume-Schneider. Rösti e Vogt. Ecco chi sono i candidanti

BERNA - Seduta a Camere riunite mercoledì per l'elezione dei successori dei consiglieri federali Simonetta Sommaruga (PS) Ueli Maurer (UDC). La giornata inizierà alle 08.00 quando il presidente dell'Assemblea federale, Martin Candinas (Centro/GR), pronuncerà un discorso per ringraziare i due ministri uscenti.

Toccherà poi ai due consiglieri federali prendere la parola per il discorso di commiato. Terminata questa fase protocollare incominceranno le procedure di voto da parte dei 246 parlamentari.

Due sono i candidati ufficiali presentati dall'UDC per la poltrona di Maurer: l'ex presidente del partito Albert Rösti (BE) e l'ex consigliere nazionale Hans-Ueli Vogt (ZH). Due persone anche sul ticket del PS per il seggio di Sommaruga: si tratta delle consigliere agli Stati Elisabeth Baume-Schneider (JU) ed Eva Herzog (BS).

Candidature selvagge

Oltre ai candidati ufficiali ci sono anche alcune candidature "selvagge". Ogni persona avente diritto di voto può infatti aspirare a diventare consigliere federale: i nomi vengono quindi inseriti assieme a quelli dei candidati presentati da UDC e PS. Questa regola si applica anche per i turni seguenti. A partire dal terzo turno non sono più accettate nuove candidature; chi ottiene meno voti è eliminato.

Quando rimangono in lizza due pretendenti, in caso di parità di voti l'elezione prosegue finché uno dei due non la spunta. L'estrazione a sorte in caso di patta è stata abolita.

Quando un candidato supererà la soglia della maggioranza assoluta, il presidente Candinas pronuncerà la frase di rito: «è eletto(a)», seguito dal nome del(la) neo ministro(a).

La persona eletta dichiarerà poi davanti all'Assemblea federale se accetta o meno l'elezione. In seguito il(la) nuovo(a) consigliere(a) federale dovrà «promettere» o «giurare dinnanzi a Dio onnipotente» di «osservare la Costituzione e le leggi e di adempiere coscienziosamente agli obblighi inerenti il mandato».

Dopo il giuramento, il nuovo membro dell'esecutivo si recherà nel cosiddetto "Salon du Président" dove sarà ricevuto dal Consiglio federale in corpore. Un paio d'ore dopo terrà la sua prima conferenza stampa al Centro media di Palazzo federale.

Chi sono le due candidate al CF Herzog e Baume-Schneider

La basilese Eva Herzog e la giurassiana Elisabeth Baume-Schneider sono le due candidate ufficiali del ticket femminile scelto dal gruppo parlamentare del PS per la successione di Simonetta Sommaruga in governo.

Eva Herzog, che presto compirà 61 anni, è stata eletta nel 2001 nel Gran Consiglio di Basilea Città, dove nel 2004 ha presieduto il gruppo parlamentare del PS fino a quando, nello stesso anno, è stata eletta nel governo cantonale, È stata riconfermata nell'esecutivo nel 2008, nel 2012 e nel 2016.

Nel 2019 è stata eletta nel consiglio degli Stati. Dodici anni fa, la Herzog era già stata candidata al Consiglio federale, nella corsa per la successione del consigliere federale Moritz Leuenberger, ma si era piazzata ultima e l'Assemblea federale aveva preferito Simonetta Sommaruga.

Anche Elisabeth Baume-Schneider, 58 anni, ha una lunga esperienza in politica. Dal 1995 al 2006 ha fatto parte del parlamento cantonale del Giura ed è quindi stata eletta nel consiglio di Stato, dove ha diretto fino al 2015 il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport. Eletta al Consiglio degli Stati nel 2019, è considerata la più a sinistra fra le due candidate ed è anche vicepresidente del PS svizzero.

Chi sono i due candidati al CF Rösti e Vogt

Il consigliere nazionale bernese Albert Rösti e l'ex consigliere nazionale zurighese Hans-Ueli Vogt sono i due candidati ufficiali del ticket scelto dal gruppo parlamentare dell'UDC per la successione di Ueli Maurer in governo.

Il 55enne Rösti figura sin dall'inizio quale favorito alla successione di Maurer in Governo. Rösti siede al Nazionale dal 2011. Come si ricorderà, fra il 2016 e il 2020 è stato presidente dell'UDC a livello nazionale. Il bernese è considerato conciliante. La sua capacità di ascolto potrebbe piacere agli altri partiti. Ma ciò potrebbe anche costargli dei voti da parte degli esponenti della linea dura dell'UDC.

Vogt, professore di diritto ed ex consigliere nazionale, è il candidato della "potente" sezione cantonale zurighese dell'UDC, che ha avuto Christoph Blocher e Ueli Maurer eletti in Governo. Ritiratosi dal Parlamento nel 2021, Vogt si è talvolta discostato dalla linea democentrista, in particolare sul matrimonio per tutti o l'iniziativa sulle multinazionali responsabili.
 
 

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE