Cerca e trova immobili

ZUGOIl volo finito male della Patrouille Suisse sopra Baar era “illegale”

21.09.23 - 18:37
L'esercito non aveva ottenuto l'autorizzazione dal Municipio per le manovre che avevano portato a una collisione aerea fra due caccia.
Deposit
Un F-5 Tiger della Patrouille Suisse
Un F-5 Tiger della Patrouille Suisse
Il volo finito male della Patrouille Suisse sopra Baar era “illegale”
L'esercito non aveva ottenuto l'autorizzazione dal Municipio per le manovre che avevano portato a una collisione aerea fra due caccia.

ZUGO - Un contatto in volo durante una manovra area, pezzi di aereo che si staccano cadendo sull'abitato. Fortunatamente non si traduce in tragedia, con solo qualche danno materiale e una persona lievemente ferita.

L'incidente che lo scorso 15 giugno a Baar (ZG) ha coinvolto due Tiger F-5 durante un'esercitazione aerea della Patrouille Suisse aveva fatto decisamente parlare di sé, ed era partita anche un'indagine interna sulle responsabilità dei piloti che è ancora in corso. Nel frattempo, però, lo squadrone rossocrociato è già tornato a solcare i cieli svizzeri.

Il permesso non era mai stato richiesto

Oggi il Beobachter svela che il Municipio di Zugo non aveva affatto dato il permesso per quell'esercitazione sopra i tetti cittadini: «Non abbiamo ricevuto nessuna richiesta dall'Esercito, e quindi la Città di Zugo non ha rilasciato alcun permesso», conferma il sindaco André Wicki al quotidiano.

Una dichiarazione, la sua, che contrasta con la precedente versione ufficiale di esercito e Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). Posizione che, nel frattempo è cambiata. Ora, infatti, si parla di «malinteso».

Un non così semplice malinteso

All'origine di tutto ci sarebbe un ok dato dalla Città allo Jodlerfest zughese (dove lo squadrone avrebbe dovuto esibirsi) per quanto riguarda le questioni assicurative e le emissioni sonore. Non si era però parlato di voli di prova sopra l'abitato.

L'aviazione, quindi, aveva dato il nullaosta come garantito: «Se la Città dà l'ok al programma, noi supponiamo che valga anche per il volo», ha commentato il capo dell'aeronautica militare Peter Merz.

Quindi si può parlare di un volo "illegale"? Sembrerebbe di sì, almeno stando al Beobachter ci sarebbe una direttiva del DDPS, firmata dalla stessa Viola Amherd, che richiede l'esplicito consenso del volo «di tutti i comuni adiacenti all'aerodromo».

In questo caso, quindi, sicuramente della Città di Zugo ma non solo, anche il comune di Baar - dove è poi avvenuto il patatràc - e possibili altri sorvolati dai caccia.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

ElleElle62 10 mesi fa su tio
Fastidi grassi....

sWiSs_PiRaTe 10 mesi fa su tio
dovreste scrivere un libro voialtri. :-)

Ala 10 mesi fa su tio
i comuni non hanno alcuna competenza in materia di spazio aereo. Una eventuale richiesta avrebbe avuto puramente carattere informativo e di cortesia.....

ElleElle62 10 mesi fa su tio
Risposta a Ala
Decisamente poco informato. I comuni devono dare il permesso in caso di sorvolo o manovre sopra il proprio territorio, elicotteri compresi. Addirittura alcuni comuni vietano il sorvolo con elicotteri Lama.

gigios 10 mesi fa su tio
🤦🏻‍♂️

Esse 10 mesi fa su tio
Sarà per questi motivi che per intercettare un aereo sospetto fanno prima a chiedere ai caccia dei vicini

Signore 10 mesi fa su tio
Risposta a Esse
Non si preoccupi Reverendo, che per intecettare aerei sospetti l'esercito dispone di mezzi decisamente migliori, dei Tiger, prodotti quando i Beatles stavano ancora insieme.

centauro 10 mesi fa su tio
Risposta a Signore
Signore, ma non dopo le 5.30 PM!

Signore 10 mesi fa su tio
Risposta a centauro
beh, ci mancherebbe: quello è il momento dell'aperitvo 😂

francox 10 mesi fa su tio
Dopo una vita di lavoro statale e parastatale, non mi sorprendo neanche un po'.
NOTIZIE PIÙ LETTE