Immobili
Veicoli

BERNAAnche la Svizzera nella NATO? «Fuori questione»

13.05.22 - 21:03
Il motivo? Per Viola Amherd sarebbe incompatibile con la neutralità.
keystone
BERNA
13.05.22 - 21:03
Anche la Svizzera nella NATO? «Fuori questione»
Il motivo? Per Viola Amherd sarebbe incompatibile con la neutralità.
Tuttavia la consigliera federale, a Washington anche per visitare un'azienda produttrice di jet da combattimento, ha sottolineato la volontà di rafforzare la cooperazione militare con gli USA

BERNA - La guerra in Ucraina ha reso evidente che la Svizzera deve rafforzare la cooperazione internazionale, non solo con l'Europa, ma anche con gli Stati Uniti, ha detto la consigliera federale Viola Amherd ai giornalisti a Washington, al termine della visita di lavoro di cinque giorni negli Stati Uniti.

«Una violazione così massiccia e brutale del diritto internazionale come quella commessa dalla Russia non deve essere tollerata», ha dichiarato la responsabile del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). Quando si tratta di principi fondamentali come la libertà, la democrazia e il diritto all'autodeterminazione, la Svizzera deve collaborare più strettamente con i paesi che la pensano allo stesso modo, ha dichiarato Amherd.

Con la vicesegretaria alla Difesa statunitense Kathleen Hicks, la consigliera federale ha discusso di come sia cambiato il contesto di sicurezza in Europa a seguito dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia.

L'adesione alla NATO fuori questione - Su richiesta dei rappresentanti dei media, Amherd ha precisato che l'adesione della Svizzera alla NATO è fuori questione poiché sarebbe incompatibile con la neutralità. Uno stato neutrale ha comunque un margine di manovra per rafforzare la propria difesa attraverso la cooperazione internazionale, ha aggiunto. Hicks ha ribadito che gli Stati Uniti sostengono appieno la vendita alla Svizzera di 36 aerei F-35A e di cinque sistemi di difesa aerea terrestre Patriot. L'accordo si basa su decenni di partnership di successo. Non solo migliora la capacità di difesa della Svizzera, ma anche l'interoperabilità e la cooperazione con altri partner europei e con gli Stati Uniti, ha precisato. Amherd ha detto di aver informato la vicesegretaria dell'iniziativa contro l'acquisto degli F-35A. Tuttavia, la consigliera federale si è detta convinta che l'accordo andrà in porto come previsto.

Visita alla Lockheed Martin - La responsabile del DDPS ha anche approfittato del soggiorno a Washington per visitare la Lockheed Martin, l'azienda produttrice dei jet da combattimento. L'acquisto degli F-35 è associato ad affari di compensazione per un valore pari al 60% del valore contrattuale, che possono generare un significativo valore aggiunto in Svizzera.

Secondo Amherd, con l'acquisto dei jet statunitensi e dei sistemi Patriot, più di 4 miliardi di franchi torneranno nella Confederazione grazie agli accordi di compensazione. «La Svizzera deve cogliere questa opportunità per far progredire il suo know-how tecnico e la sua capacità innovativa», ha dichiarato la consigliera federale. La ministra elvetica era accompagna dai rappresentanti delle associazioni e delle aziende del settore interessati ad allacciare contatti. Lockheed Martin sta già investendo in aziende svizzere, anche se il contratto non è ancora stato firmato.

Hicks e Amherd hanno anche discusso degli sforzi della difesa nella lotta al cambiamento climatico, delle iniziative per una maggiore diversità e inclusione nelle forze armate e del miglioramento della difesa informatica.
 
 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA