Immobili
Veicoli
Video e foto rivelano galline allevate in condizioni atroci
Tier im Fokus
SVIZZERA
17.04.2022 - 20:180
Aggiornamento : 23:18

Video e foto rivelano galline allevate in condizioni atroci

In concomitanza con il giorno di Pasqua, l'associazione Tier im Fokus ha pubblicato alcune immagini scioccanti.

Mostrano condizioni indecenti in alcuni allevamenti svizzeri di galline ovaiole. Le uova sarebbero addirittura vendute con il label "allevamento all'aria aperta".

BERNA - Le immagini sono difficili da guardare: migliaia di galline stipate in un pollaio angusto, buio e poco ventilato. Gli animali hanno ferite o piaghe alle zampe, sono spesso spennati e giacciono apatici o addirittura morti sul pavimento. Provengono da alcuni video girati in due grandi allevamenti di galline ovaiole nei cantoni di Argovia e Friburgo. E le uova prodotte da queste galline sarebbero addirittura vendute dalla grande distribuzione con il label "allevamento all'aria aperta".

Le riprese - disponibili solo in tedesco, che trovate nel video allegato all'articolo - sono state pubblicate online dall'organizzazione animalista Tier im Fokus (TIF) proprio nel giorno per eccellenza delle uova: Pasqua. «Il beccaggio delle piume e il cannibalismo sono problemi tuttora irrisolti nell'industria delle uova», ha detto Tobias Sennhauser, presidente di TIF, che presenterà una denuncia per crudeltà sugli animali.

Abbandonate al loro destino - Secondo Sennhauser, non di rado le galline muoiono dissanguate. La causa sarebbe lo stress al quale sono sottoposti gli animali. «Le galline malate o ferite dovrebbero essere immediatamente separate e curate - spiega -, ma vengono sempre lasciate al loro destino» In effetti, in un allevamento intensivo possono vivere fino a 18'000 galline ovaiole. Con così tanti animali, quelli malati o feriti sono per lo più dimenticati, poiché i contadini non hanno tempo di occuparsene.

Lontano da ciò che vediamo alla televisione - Tutto ciò è ben lontano dall'immagine idilliaca delle galline che scorrazzano liberamente nella campagna svizzera e che spesso ci viene proposta nelle pubblicità. Una strategia verso i consumatori che tuttavia funziona, dato che la produzione svizzera di uova è aumentata del 7,7% l'anno scorso, spinta dalla richiesta sempre maggiore di prodotti che derivano da un allevamento all'aria aperta (+185%) e biologico (+107%).

Soprattutto a Pasqua - Ed è soprattutto a Pasqua che le cose vanno male nei pollai, secondo Tier im Fokus. Per soddisfare la domanda elevata, negli allevamenti vengono messe troppe galline ovaiole. Trascorso il periodo festivo, i commercianti rimangono tuttavia con diverse uova fra le mani. Così, per svendere le scorte, la Confederazione finanzia le azioni dei grandi distributori. Si tratta di una cosiddetta "misura di alleggerimento del mercato" per le uova svizzere.

Servono allevamenti più piccoli - Sennhauser è molto critico nei confronti di questo approccio. «È inaccettabile che il consumo di uova sia stimolato dallo Stato». Con una petizione indirizzata al Consiglio nazionale, Tier im Fokus chiede quindi l'abolizione di queste misure. Invece di svendere le uova, si dovrebbe ridurre il consumo, dice l'associazione. Che chiede anche allevamenti più piccoli, in modo che i contadini possano prendersi cura del loro pollame in modo adeguato.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 09:35:21 | 91.208.130.87