20 Minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Berna
21 min
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
BERNA 
1 ora
L'esercito inasprisce le regole per uscite e congedo
La libera uscita verrà limitata all'area della piazza d'armi e all'accantonamento della truppa.
SVIZZERA
1 ora
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
3 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
NEUCHÂTEL
3 ore
Visite limitate in ospedale
Ogni paziente potrà accogliere solo una persona al giorno, con appuntamento e convalida dell'autorizzazione per SMS
SVIZZERA
4 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
4 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
SVIZZERA
5 ore
Vaccino gratuito anche per un altro virus
L'UFSP annuncia oggi che dal primo gennaio l'Assicurazione malattia pagherà il vaccino contro questo virus.
LUCERNA
5 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
6 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
VAUD
7 ore
Il boss della 'ndrangheta non può entrare
Leo Caridi era stato estradato in Italia dove è stato condannato a 9 anni e 6 mesi
LUCERNA
7 ore
Lucerna rifiuta il diritto di voto ai sedicenni
L'iniziativa dei Verdi è stata respinta dal Parlamento con 61 voti contro 58. Glarona rimane un'eccezione.
ZURIGO
8 ore
Il caffè al bar si fa sempre più salato
La bevanda energizzante aumenta di prezzo, i ristoratori si sentono a rischio
SVIZZERA
25.11.2021 - 13:440

«Gli appelli alla responsabilità individuale non servono più a nulla»

Il Consiglio federale rinuncia a un inasprimento delle misure a livello nazionale. Tra favorevoli e contrari

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf e Noah Knüsel
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - «In Svizzera la situazione è critica e continuerà a peggiorare». Lo ha detto mercoledì il ministro della sanità Alain Berset dopo la seduta settimanale del Consiglio federale. Tuttavia, non sono stati decisi ulteriori provvedimenti: un sovraccarico delle strutture ospedaliere va attualmente evitato - secondo Berna «con misure a livello cantonale e col rispetto delle regole di base». Una strategia, questa, che comporta anche dei rischi, come ammesso dallo stesso Berset.

Eppure il giorno precedente la task force scientifica nazionale aveva avvertito che, con l'attuale andamento della pandemia, già durante il mese di dicembre gli ospedali saranno sotto pressione. «Dal punto di vista epidemiologico, sono ora necessari provvedimenti che limitino i contatti, facendo così scendere i numeri» aveva detto la responsabile della task force, Tanja Stadler.

Comunicazione che genera insicurezza - Risulta essere problematico, secondo l'esperto di pubbliche relazioni Ferris Bühler, il fatto che le considerazioni del Consiglio federale e della task force siano contrastanti: «Entrambi parlano di una “situazione critica”, ma non viene presa alcuna decisione». In questo modo si genera insicurezza, secondo l'esperto.

Durante una crisi, aggiunge Bühler, è particolarmente importante una comunicazione chiara e coerente. «In questo modo si trasmette alla gente un senso di sicurezza». Inoltre deve sempre essere chiaro quando saranno fornite ulteriori informazioni.

«Berset resta fedele alla strategia liberale» - È fondamentalmente positiva la valutazione della conferenza stampa che fa Andreas Faller, ex vicedirettore dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP): «Il consigliere federale Berset ha detto chiaramente che la strategia liberale perseguita dalla Svizzera rappresenta un rischio, ma offre la massima libertà possibile per la popolazione. E vi è rimasto fedele. Si tratta di una decisione coerente». Al momento anche il numero di ricoveri starebbe dando ragione al Governo federale: «Nonostante i contagi siano da tre a quattro volte superiori alla scorsa primavera, rispetto ad allora si registra un numero significativamente inferiore di ospedalizzazioni».

Ma secondo Faller, il Consiglio federale avrebbe dovuto mettere in consultazione almeno alcuni provvedimenti blandi: «In una pandemia, nel giro di poche settimane la situazione può cambiare radicalmente. È fondamentale poter reagire rapidamente. Con la consultazione, la Confederazione avrebbe gettato le basi necessarie».

«La seconda ondata ci è costata cara» - La responsabilità è ora dei Cantoni, secondo Jürg Utzinger, epidemiologo e direttore dell'Istituto svizzero di medicina tropicale di Basilea. «I Cantoni dispongono dell'esperienza e degli strumenti necessari per stabilire misure adeguate alla situazione locale. A questo si aggiunge la responsabilità individuale dei cittadini». E l'esperto intravvede un possibile vantaggio nella via seguita dal nostro paese: «Con le restrizioni meno severe, come per esempio una chiusura più breve delle scuole, in Svizzera l'immunità naturale dai contagi attraverso le infezioni potrebbe essere leggermente superiore rispetto ai paesi confinanti. Ora questo ci potrebbe avvantaggiare».

Nelle sue scelte, la Confederazione ha sempre considerato la salute e la società nel suo complesso. E ora: «Se tutti seguono le misure esistenti, il tasso di vaccinazione aumenta ulteriormente e le persone a rischio possono accedere rapidamente al richiamo, allora potremmo superare l'inverno più o meno indenni» sottolinea Utzinger.

«Ci vogliono nuovi provvedimenti» - Dal punto di vista epidemiologico, la strategia perseguita dalla Confederazione non è giustificabile, secondo lo specialista in malattie infettive Andreas Cerny: «Al momento si osserva una grande ondata di contagi in tutta Europa». Sarebbe ingenuo credere che la Svizzera non avrà problemi. «La questione è semplice: se si adottano delle misure di contenimento, contagi e ospedalizzazioni calano. Altrimenti salgono». spiega.

Gli appelli alla responsabilità individuale dei cittadini non servono ormai più a nulla, secondo Cerny. «Ora avrebbe senso l'introduzione di un obbligo di mascherina in tutti i luoghi chiusi, anche quelli accessibili con certificato».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 20:16:43 | 91.208.130.89