20 minutes (archivio)
L'incendio divampato a Domdidier nella notte del 29 luglio 2017.
FRIBURGO
22.06.2021 - 16:540

A processo il piromane seriale della Broye

Il 25enne è accusato di aver appiccato una decina d'incendi tra il canton Friburgo e Vaud.

Nei roghi sono morti 79 animali da reddito, mentre i danni provocati ammontano a centinaia di migliaia di franchi.

FRIBURGO - È iniziato oggi davanti al Tribunale penale della Broye (FR) il processo nei confronti di un piromane seriale di 25 anni, accusato di aver provocato una decina d'incendi nella regione situata fra i cantoni di Friburgo e Vaud durante l'estate del 2017. L'uomo avrebbe causato la morte di 79 animali da reddito e danni per centinaia di migliaia di franchi.

Stando all'atto d'accusa, tra il 9 luglio e il 5 agosto 2017, il 25enne sul banco degli imputati avrebbe appiccato incendi, fra cui quello della sua abitazione, nelle zone di Payerne (VD), Domdidier (FR) e Dompierre (FR). Nel primo caso erano periti nelle fiamme una dozzina di vacche e vitelli. A Domdidier, l'incendio aveva provocato la notte dal 28 al 29 luglio 2017 la morte di 36 bovini. È inoltre accusato di aver dato fuoco all'Istituto equestre nazionale di Avenches (VD) in cui erano periti 24 fra cavalli e pony. È stato fermato il 5 agosto di quell'anno, poco dopo aver provocato un ultimo incendio a un immobile.

L'imputato, un vodese originario di Langnau (BE), li nega tutti, con un'unica eccezione. Deve in particolare rispondere d'incendio intenzionale, incendio intenzionale che ha messo in pericolo la vita o l'integrità delle persone, esplosione, denuncia mendace, calunnia, violazione della legge federale sulla protezione degli animali, nonché di aver indotto la giustizia in errore.

Il bilancio averebbe potuto essere ancor più grave senza l'intervento dei pompieri che, durante il primo rogo, avevano fatto sfollare 28 persone dall'immobile dell'imputato. Quest'ultimo aveva inoltre accusato a torto due suoi conoscenti di essere all'origine degli incendi. L'uomo ha precedenti ed è già stato condannato in passato per fatti simili. Inoltre, dal suo arresto non si è più registrato alcun rogo nella regione.

L'uomo è stato inoltre tradito dal suo cellulare che ha mostrato attività in piena notte al momento di diversi incendi, ma anche da varie testimonianze, da tracce del suo DNA rinvenute nelle zone degli incendi nonché da immagini di videosorveglianza.

Tra le vittime che hanno testimoniato oggi, un giovane papà ha affermato che il suo bimbo di quattro anni per mesi si è svegliato ogni notte alle 2.50 a causa del dramma vissuto. Stando a una perizia psichiatrica, la responsabilità del 25enne era mediamente limitata al momento dei fatti e il rischio di recidiva moderato. Secondo gli esperti, l'uomo avrebbe appiccato il fuoco per alleviare tensioni interne, originate in particolare da un conflitto relazionale con la sua compagna.

Una seconda perizia è giunta alla conclusione che il piromane soffre di disturbi misti della personalità con caratteristiche immature e dissociali. Il processo continuerà fino a domani, ma la sentenza dovrebbe essere pronunciata soltanto il 28 giugno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 15:51:08 | 91.208.130.86