UFSP / Screenshot Youtube
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Vaud
1 ora
Mortale a Bullet: la vittima è un 16enne
Il ragazzo stava guidando la sua moto con il fratello minore di 14 anni. Aperta un'inchiesta sulla dinamica
ZURIGO
16 ore
Cocaina "liquida" nel bagaglio a mano
Un 46enne cittadino russo è stato intercettato allo scalo zurighese con la droga sciolta in due bottiglie di whisky
SONDAGGIO
SVIZZERA
16 ore
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
17 ore
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
17 ore
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
FOTO
LUCERNA
18 ore
Festa federale di tiro, spara anche Viola Amherd
La consigliera federale ha preso parte alla giornata conclusiva dell'evento a Lucerna
SVIZZERA
19 ore
I Verdi in Consiglio federale «per fare la differenza»
Il partito ribadisce la rivendicazione del seggio, a spese del PLR
SVIZZERA
20 ore
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
Svizzera
20 ore
Consenso presunto nella donazione degli organi, lanciato un referendum
La decisione è stata presa in Parlamento poche settimane fa. I referendari: «è necessario che la popolazione si esprima»
BERNA
20 ore
Rissa a Berna, un ferito grave
Sarebbe stato aggredito da uno sconosciuto, secondo la polizia
SVIZZERA
21 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
SAN GALLO
21 ore
Completamente ubriaco, si addormenta in auto... in mezzo alla strada
È successo questa mattina alle cinque a San Gallo. La sua patente straniera è stata annullata
SVIZZERA
22 ore
Carrozze a prova di tifosi
Le FFS ne stanno preparando 35. Saranno usate per il trasporto dei tifosi diretti alle partite in trasferta
Glarona
23 ore
Omicidio a Netstal: trovata morta in un parcheggio una 30enne
Il presunto autore si è consegnato alla polizia in seguito all'atto
SVIZZERA
23 ore
I malati di Long-Covid in campo per convincere i non vaccinati
L’UFSP si prepara per la sua offensiva di vaccinazione e cerca persone ancora affette dagli strascichi della malattia.
SVIZZERA
23 ore
«Mille franchi in regalo a chi mi porta un cuoco per il mio ristorante»
La forte carenza di personale preoccupa il mondo della ristorazione.
SVIZZERA
16.03.2021 - 14:000
Aggiornamento : 16:39

«La situazione non è la più favorevole per nuove aperture»

A Berna gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto della situazione

Mathys: «Con l'attuale tasso di riproduzione del virus, entro quattro settimane ci aspettiamo un raddoppiamento dei casi»

BERNA - Questi sono giorni decisivi per la seconda fase delle riaperture. Una seconda fase che potrebbe scattare il prossimo 22 marzo, ma soltanto se la situazione epidemiologica lo permetterà. Il prossimo venerdì il Consiglio federale deciderà infatti se dare il via libera alla riapertura delle terrazze dei ristoranti e anche agli eventi con pubblico. Da diversi giorni si assiste a un aumento dei casi. Oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ne ha segnalati 1'438, oltre a 85 ricoveri e 19 decessi.

Oggi gli esperti della Confederazione hanno fatto il consueto punto settimanale della situazione. All'odierna conferenza stampa erano presenti Patrick Mathys (capo della Sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’UFSP), Rudolf Hauri (presidente dell’Associazione dei medici cantonali), Fosca Gattoni (capo supplente della Sezione diritto sugli agenti terapeutici dekll'UFSP) e Martin Bühler (capo dello Stato maggiore di condotta grigionese).

«In Svizzera i contagi continuano ad aumentare. E ci si chiede se stiamo superando la soglia per una terza ondata». Così ha esordito Patrick Mathys dell'UFSP. Fornendo i più recenti dati sull'andamento della pandemia, Mathys ha spiegato che al momento il tasso di riproduzione si situa attorno all'1,13. Entro quattro settimane «ci aspettiamo un raddoppiamento dei casi». L'80% delle infezioni riguarda le nuove varianti, in particolare quella britannica.

Mathys ha inoltre osservato che le ospedalizzazioni non stanno più calando. Al momento nelle cure intensive, i pazienti Covid sono il 18%. Un dato, questo, «più o meno stabile». Anche sul fronte dei decessi, non si constata più un calo. Ma non c'è più una sovramortalità tra gli over 65. «La situazione è fragile».

Si guarda anche oltre la frontiera. Al momento si constata un andamento simile della pandemia in Germania. Mentre in Austria e Italia si osserva un forte aumento dei casi. L'adozione di misure alla frontiera hanno senso, secondo Mathys, nel momento in cui la situazione epidemiologica nei vari paesi è molto differente. Si tratta di provvedimenti «che hanno conseguenze economiche e politiche».

Per quanto riguarda la seconda fase delle riaperture, Mathys ha ricordato che spetta al Consiglio federale prendere una decisione. Ma «la situazione non è di certo delle più favorevoli per attuare nuove aperture: ci sarebbe piaciuto uno sviluppo diverso» ha detto.

La strategia di test - La nuova strategia di test, scattata ieri 15 marzo, si basa su tre pilastri: testare le persone sintomatiche, test di massa e test preventivi individuali, come spiegato da Fosca Gattoni della Sezione diritto sugli agenti terapeutici. L'obiettivo è d'individuare rapidamente i contagiati, in modo d'interrompere la catena di trasmissione del virus. Per quanto riguarda i test di massa, la strategia prevede che il 40% della popolazione venga testata una volta alla settimana. Sulla mancanza di kit, «è compito dei cantoni coordinarne la fornitura». Per quanto riguarda i test fai-da-te, questi dovrebbero essere disponibili nelle farmacie a partire dall'inizio del prossimo aprile, autorizzazione permettendo.

I test di massa sono stati adottati per la prima volta nei Grigioni. «E hanno funzionato» ha quindi spiegato Martin Bühler, capo dello Stato maggiore di condotta grigionese. I primi test di massa erano stati effettuati lo scorso novembre. Bühler ha sottolineato che il concetto di protezione cantonale grigionese comprende anche questa misura. È presto per fornire risultati concreti, ma il capo dello Stato maggiore di condotta ha affermato che i Grigioni contano circa 200'000 abitanti, che però durante i mesi invernali raddoppiano a causa del turismo. «A febbraio avremmo dovuto osservare un aumento dei contagi pari al 15-20%, ma i numeri continuano a restare stabili». Con la strategia adottata nei grigioni, è già stato possibile individuare molti contagi nelle scuole e nelle aziende. Si parla di 131 persone asintomatiche che sono state poste in isolamento.

Pazienti negli ospedali - Il numero di pazienti Covid negli ospedali è rimasto basso, ha affermato con soddisfazione Rudolf Hauri, presidente dell’Associazione dei medici cantonali. Ma l'aumento dei casi comincia a farsi sentire anche sulle strutture sanitarie. La speranza è che la campagna di vaccinazione abbia effetto, in particolare sul numero dei decessi.

E per quanto riguarda l'andamento della campagna, Hauri ha aggiunto che si farà tutto il possibile per riuscire a raggiungere gli obiettivi entro la metà di giugno. «È però necessario che anche la popolazione faccia la sua parte, se tutti vorranno farsi vaccinare contemporaneamente, non ce la faremo. Entro la metà di giugno vogliamo comunque vaccinare tutte le persone a rischio».

Il vaccino protegge dal virus. Ma l'efficacia non è data al 100%, ha quindi ricordato Mathys. Hauri ha aggiunto che si conta un caso in una casa per anziani dove due settimane dopo le vaccinazioni c'è stato un focolaio di coronavirus. «Per tutte le persone colpite il decorso della malattia è però stato lieve».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 09:54:31 | 91.208.130.85