tipress
BASILEA CITTA'
26.01.2021 - 23:320

«L'obbligo di test avrebbe conseguenze devastanti per le regioni di confine»

I principali partiti svizzeri hanno chiesto al Consiglio federale regole in entrata più severe.

Nella regione di confine di Basilea, partiti e governo si oppongono. L'economia e il sistema sanitario ne soffrirebbero in maniera massiccia.

BASILEA CITTA' - Tutti i presidenti dei principali partiti svizzeri hanno recentemente inviato al Consiglio federale una lettera congiunta nella quale viene chiesto di stabilire condizioni di ingresso più rigorose per i rimpatriati e i frontalieri. I viaggiatori dovrebbero presentare un test PCR o fare un rapido test in loco. Questo dovrebbe fondamentalmente applicarsi alle persone di tutti i paesi, afferma Jürg Grossen, Presidente dei Verdi liberali e tra promotori della lettera. Anche se il test è negativo, inoltre, le persone che entrano in Svizzera dovrebbero essere messe in quarantena (non i frontalieri o chi viaggia per lavoro).

A Basilea, però, tutte le parti respingono chiaramente questa proposta. «Un tale regime avrebbe conseguenze devastanti per una regione di confine come Basilea», affermano in una dichiarazione congiunta. Sottolineano inoltre che difficilmente si riscontrano livelli elevati di infezione nel traffico transfrontaliero. In effetti, Basilea Città ha la più bassa incidenza di contagi sui 14 giorni di tutti i cantoni svizzeri.

Come ha scritto lunedì il Consiglio di stato basilese in una dichiarazione, misure così restrittive sono impraticabili. Il cantone da solo conta quasi 35'000 frontalieri, di cui circa 3'500 lavorano nel settore sanitario. «La proposta rischia quindi di indebolire la regione, soprattutto nella lotta alla pandemia, a discapito della popolazione». «Il test obbligatorio proposto sarebbe infatti equivalente a un divieto di ingresso», ha sottolineato il Governo.

Test quasi impossibili da gestire - «Se solo un terzo dei pendolari transfrontalieri continuasse a fare il pendolare, ciò significherebbe oltre 200.000 test a settimana. Abbiamo abbastanza test e personale?», Si preoccupa su Twitter la consigliera nazionale PPD Elisabeth Schneider-Schneiter. E per il suo collega Eric Nussbaumer (PS), l'iniziativa è «semplicemente inutile».

Anche le Autorità francesi e tedesche, intanto, hanno espresso «grande preoccupazione» per la proposta.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-24 19:02:29 | 91.208.130.87