tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 min
Coronavirus, l'immunità varia molto da cantone a cantone
Una persona su quattro nel Vaud ha gli anticorpi, meno di una su dieci a Zurigo
BERNA
30 min
Parlamento, svolti i lavori per migliorare gli spostamenti in carrozzina
La zona del podio nella sala del Consiglio nazionale sarà d'ora in poi accessibile anche in sedia a rotelle
GRIGIONI
1 ora
Bambina salvata dal congelamento a Pontresina
La bimba di 5 anni si era persa nella zona di Muottas Muragl. È stata rintracciata dalla Rega grazie a una termocamera.
BERNA
2 ore
Il 2,5% degli svizzeri è vaccinato
Oltre 200mila persone hanno già ricevuto anche la dose di richiamo.
SAN GALLO
2 ore
Aggredì brutalmente un 16enne, dopo mesi la polizia lo rintraccia
La giovane vittima aveva riportato ferite molto gravi alla testa, in manette un suo coetaneo
BERNA
3 ore
In Svizzera 1065 positivi e 8 vittime
L'indice di riproduzione del virus (Re) è di nuovo salito a 1,01.
FOTO
SVIZZERA
3 ore
L'esperimento di Migros con la merce “sciolta” sta andando benissimo
Superando di molto le aspettative, i distributori arriveranno in altre filiali ma per il Ticino (forse) è presto
FLÜELEN
5 ore
È un italiano l'uomo ferito gravemente sui binari
Era salito illegalmente su un treno merci e voleva andare in Italia
SAN GALLO
6 ore
Bimba morta in valigia: carcere per la madre non per il padre
Non è stato possibile accertare le cause del decesso e nemmeno l'ora.
BERNA
6 ore
Niente più fuochi d'artificio nel centro storico della città
Mancano le distanze di sicurezza e il fatto che negli ultimi anni non sia successo nulla ha «del miracoloso»
SVIZZERA
7 ore
Il traguardo di eBill sotto la lente, storia di un successo annunciato
Il servizio di SIX (che probabilmente usate anche voi) sfora quota 2 milioni di utenti, ma la pandemia c'entra pochino
LUCERNA
7 ore
Tre feriti e danni ingenti a causa di due incidenti
A Inwil si è verificato un tamponamento fra due veicoli, a Kriens un furgone ha preso fuoco.
GRIGIONI
7 ore
Pericolo valanghe, chiusura giornaliera per la strada del Maloja
Fino a nuovo avviso, un tratto di 3,7 km fra Sils e Piano di Lago sarà sbarrato dalle 11 alle 18.
BERNA
8 ore
Pil, calo più forte dal 1975
Economia gravemente toccata dalla pandemia, anche se meno del previsto.
BERNA
8 ore
Il Covid accresce la pressione su AVS e AI
Secondo il direttore dell'UFAS occorre urgentemente una riforma del sistema delle istituzioni sociali.
BERNA
24.01.2021 - 09:570
Aggiornamento : 22:37

Coronavirus: più controlli alle frontiere e più test

Sono alcune delle previsioni in merito alle decisioni di mercoledì del Consiglio federale.

Finora solo l'UDC aveva insistito. Ora, però, anche i presidenti degli altri partiti di governo, nonché Verdi e Verdi Liberali, hanno auspicato misure più restrittive per i turisti e per chi attraversa il confine.

BERNA - Per frenare il coronavirus sono necessari più controlli alle frontiere e test regolari ai frontalieri, ma anche nelle case di cura, a scuola e sul posto di lavoro. Lo scrivono oggi alcuni domenicali, secondo cui alcune decisioni in questo senso potrebbero essere già prese mercoledì prossimo dal Consiglio federale.

In una lettera congiunta indirizzata al governo, i presidenti di tutti i grandi partiti elvetici hanno rotto un tabù e chiesto l'introduzione di un sistema di test alle frontiere e regole di quarantena più severe, secondo quanto riferisce oggi la SonntagsZeitung.

Finora solo l'UDC aveva insistito su questa strada, ma il domenicale precisa che ora anche i presidenti degli altri partiti di governo, nonché Verdi e Verdi Liberali, hanno auspicato misure più restrittive per i turisti e per chi attraversa il confine.

La lettera, visionata anche dall'agenzia Keystone-ATS, è stata firmata dai presidenti di sei partiti: UDC, PS, Alleanza del Centro, PLR, Verdi e Verdi Liberali.

Misure più severe alle frontiere - Coloro che desiderano entrare in Svizzera, via terra o via aerea, dovrebbero presentare il risultato di un test PCR effettuato in precedenza o sottoporsi a un test rapido sul posto. Inoltre, è da prevedere una quarantena anche in caso di risultato negativo al tampone.

Questa misura dovrebbe applicarsi ai cittadini di praticamente tutti i Paesi, sostiene il presidente dei Verdi Liberali Jürg Grossen, tra i promotori della lettera, citato dal giornale. Ciò scoraggerà i turisti a venire in Svizzera per le vacanze, ma si tratta di un passo definito necessario «perché solo in questo modo possiamo proteggere la salute della popolazione e l'effetto delle nostre misure. L'esperienza delle ultime settimane lo ha dimostrato», aggiunge Grossen.

Secondo la co-presidente del PS, Mattea Meyer, il sistema deve essere molto «più severo delle regole di quarantena attualmente in vigore». Per la presidente del PLR Petra Gössi «il Consiglio federale deve finalmente creare regole chiare per le persone che entrano in Svizzera». Quest'ultima rimane tuttavia dell'idea che le frontiere non debbano restare chiuse. È però importante effettuare molti più test rapidi ai confini «per la sicurezza della Svizzera e per ridurre il numero di casi».

Quarantene "light" - Il sistema proposto nella lettera dai presidenti dei partiti prevede anche l'introduzione di una quarantena "light" a seconda della situazione epidemiologica. «L'obbligo significa che, a parte i frontalieri e i viaggiatori d'affari giornalieri, chiunque entri in Svizzera deve mettersi in quarantena per almeno cinque giorni», precisa Grossen.

Tra questi rientrano anche i residenti svizzeri di ritorno dall'estero. I presidenti dei partiti chiedono in questi casi una quarantena di cinque giorni, che può però essere revocata dopo un test PCT negativo.

Nel regime di quarantena "light" sarebbe comunque possibile uscire di casa per fare movimento, sport, o anche solo «per prendere un po' di aria fresca», ma non per fare acquisti.

Tamponi sistematici ai frontalieri - Le misure più severe alle dogane devono colpire anche i frontalieri che ogni giorno varcano il confine per lavorare in Svizzera, seppur provenienti da aree ad alto rischio. Finora tutti i partiti nazionali, tranne l'UDC (e in Ticino la Lega), hanno respinto con forza l'idea di imporre regole anche ai frontalieri: nella lettera inviata al Consiglio federale, tuttavia, i presidenti dei partiti hanno ora concordato che essi devono essere sistematicamente testati.

Per Grossen «le aziende che impiegano pendolari transfrontalieri dovrebbero essere obbligate a far testare i loro dipendenti ogni tre giorni. Lo stesso dovrebbe valere per gli hotel che ospitano viaggiatori d'affari».

Test rapidi anche nelle case di cura - Secondo quanto pubblicato oggi dai domenicali Le Matin Dimanche e Sonntagsblick, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sta studiando la possibilità di estendere l'uso dei test rapidi. In un progetto di ordinanza, l'UFSP invita i cantoni a effettuare regolarmente dei test nelle case di cura, nelle scuole e anche nelle aziende.

Il Consiglio federale potrebbe già prendere delle decisioni nel corso della prossima seduta. Questa svolta nella strategia per affrontare la pandemia segue il modello adottato nei Grigioni, il quale effettuerà prove su larga scala - 20'000 test a settimana - a partire da mercoledì prossimo.

«Se riusciamo a testare regolarmente il 30% della popolazione mobile, saremo in grado di mantenere il tasso di positività e il valore R in modo sostenibile, anche dopo l'apertura di negozi e ristoranti», spiega Martin Bühler, capo dello Stato maggiore di condotta cantonale grigionese, citato sulle colonne del SonntagsBlick.

Per mesi poco considerati dal consigliere federale e "ministro" della sanità Alain Berset, i test a tappeto potrebbero dunque essere presto realtà: si tratta di un dietrofront, da parte del Consiglio federale, con l'obiettivo di uscire da questa spirale di restrizioni e confinamenti. Un cambiamento di strategia approvato anche dai cantoni, a detta del direttore della Conferenza dei direttori cantonali della sanità pubblica, Lukas Engelberger, contattato dal domenicale zurighese.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-26 17:22:15 | 91.208.130.87