keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Grigioni
1 ora
Blackout nella Surselva
Durante la giornata si sono verificati due episodi: durante il primo la corrente è mancata per tre ore
Zugo
3 ore
Aperta un'inchiesta preliminare contro la società di provider Mitto AG
Un dipendente avrebbe consentito a terzi di sorvegliare senza autorizzazione degli utenti di telefonia mobile
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus, il 4% delle varianti analizzate corrisponde a Omicron
Si tratta dei dati relativi ai virus sequenziati nel corso dell'ultima settimana
BASILEA CAMPAGNA
5 ore
Il lupo ha ucciso sette capre
È successo a Lauwil (BL). Il DNA conferma la colpevolezza del predatore
SVIZZERA
6 ore
Il PLR: «I vaccinati non devono essere penalizzati»
I liberali radicali dicono sì al 2G e rifiutano svantaggi agli immunizzati «a causa di chi rifiuta la vaccinazione».
ZURIGO
6 ore
Sedici anni di prigione per aver ucciso la fidanzata
I fatti sono avvenuti nel 2020 a Hombrechtikon, nel Canton Zurigo. Riconosciuto colpevole un 48enne polacco
SVIZZERA
6 ore
Poliziotto andò alla "Caccia dell'orso" a spese di Mosca, condannato
L'invito di una settimana in Siberia pagato da Mosca ha inguaiato l'ex funzionario della Polizia giudiziaria federale
SVIZZERA
6 ore
Obbligo di vaccinazione per gli equipaggi Edelweiss
Seguendo l'esempio di Swiss, ai dipendenti è stato dato tempo fino al 2022 per farsi vaccinare
BERNA
6 ore
Contro un muro con la moto: morto un 62enne
L'incidente si è verificato ieri sera a Leuzingen (BE). L'uomo è spirato in ospedale
FOTO
SVIZZERA
7 ore
La capsula futuristica dove si può morire da soli potrebbe presto arrivare in Svizzera
Ne è certa Exit International. Il dispositivo, che funziona senza farmaci, si può fare anche con una stampante 3D
SVIZZERA
9 ore
«Abbiamo toccato il record di casi da inizio pandemia»
Alta tensione nelle strutture ospedaliere: il Consiglio federale mette migliaia di militi a disposizione dei Cantoni.
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera 9'571 nuovi contagi e 28 decessi in ventiquattro ore
Le unità di terapia intensiva sono piene all'80%. Il 31% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus, giro di vite nelle scuole vodesi
Da domani la mascherina sarà obbligatoria per tutti gli allievi dai dieci anni
SVIZZERA
10 ore
Aumento dell'età pensionabile, c'è un compromesso sulla compensazione
Il Consiglio nazionale sta discutendo i dossier AVS e Secondo pilastro
SVIZZERA
10 ore
Anziani, vaccinatevi!
È l'appello del Consiglio svizzero degli anziani
SVIZZERA
12 ore
Fate attenzione a questi pneumatici
Si tratta di gomme Continental. Potrebbero subire improvvise perdite di pressione
BERNA
28.10.2020 - 22:150

Test in 15 minuti: ecco come funziona

Sarà possibile usufruirne dal 2 novembre, ma solo da parte di determinate categorie.

Il loro uso dovrebbe permettere di testare un maggior numero di persone per isolare il prima possibile i positivi.

BERNA - Dal 2 novembre, per identificare i positivi al Coronavirus, potranno essere effettuati, oltre agli attuali test PCR, anche testi antigenici rapidi. In questo modo è possibile testare un maggior numero di persone e, quindi, identificare e isolare rapidamente più casi positivi.

Rispetto ai test PCR, i test rapidi sono meno sensibili e sono indicati soprattutto se una persona è contagiosa. Per questo motivo, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ne prevede l’impiego soltanto per le persone che, secondo i criteri da esso emanati, sono considerate sintomatiche e non appartengono a un gruppo particolarmente a rischio. 

Ma perché sono stati introdotti? Ecco cosa hanno risposto gli esperti della task force del Consiglio federale:
«I test antigenici rapidi offrono vari vantaggi. Il risultato è disponibile entro 15 minuti dal prelievo del campione. Vengono meno l’attesa del risultato di laboratorio e la relativa incertezza per uno o due giorni. Una consulenza sul seguito della procedura può essere fornita nel centro di test stesso. Inoltre i test antigenici rapidi possono essere eseguiti in modo decentrato (in studi medici, ospedali e centri di test), senza bisogno di un laboratorio, un aspetto molto importante soprattutto per la popolazione. Le prime esperienze con i test antigenici rapidi hanno mostrato che un accesso più semplice e rapido al risultato del test aumenta la disponibilità a sottoporsi al test e a informare l’ambiente circostante. Ciò consente di rilevare e isolare velocemente un maggior numero di casi positivi. L’introduzione dei test antigenici consente test più diffusi e capillari, un aspetto importante dal punto di vista epidemiologico. L’uso dei test antigenici rapidi permette anche un impiego mirato delle capacità di test PCR nei casi in cui è particolarmente importante escludere un’infezione (su pazienti ospedalizzati, persone particolarmente a rischio e persone che lavorano nel settore sanitario a diretto contatto con pazienti)».

Chi verrà sottoposto al test rapido?
«L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) prevede l’uso dei test antigenici rapidi solo sulle persone considerate sintomatiche secondo i criteri dell’UFSP e non rientranti tra le persone particolarmente a rischio. Inoltre la comparsa dei sintomi non deve risalire a più di quattro giorni prima. L’uso dei test rapidi è possibile anche nel quadro di indagini e controlli sui focolai e per le persone non sintomatiche che hanno ricevuto una segnalazione attraverso l’app Swiss Covid».

Dove può essere eseguito un test rapido?
«I test antigenici rapidi possono essere eseguiti in studi medici, ospedali e centri di test come pure in alcune farmacie».

Come sono distribuiti i test rapidi tra i Cantoni?
«I test antigenici rapidi sono distribuiti in base al numero di abitanti del Cantone».

Chi paga il test rapido?
«I costi del test antigenico rapido sono assunti dalla Confederazione in virtù della legge sulle epidemie, tuttavia solo per le persone per le quali l’UFSP raccomanda il test (criteri di campionamento). Le persone che non soddisfano i criteri non dovrebbero essere sottoposte al test». 

I test rapidi sono meno sensibili dei test PCR. Non vi è il pericolo che persone infette non siano rilevate, si lascino ingannare da un falso senso di sicurezza e contagino altre persone?
«I test antigenici rapidi sono effettivamente un po’ meno sensibili dei test PCR. La strategia di test, tuttavia, ne tiene conto in modo mirato. Le persone contagiose al momento del prelievo del campione sono rilevate in modo estremamente affidabile dai test antigenici rapidi. Nelle persone che soddisfano i criteri definiti dall’UFSP, infatti, la loro sensibilità è molto elevata: i test antigenici rapidi indicano se una persona è contagiosa al momento del prelievo del campione in modo ancora più sensibile. L’UFSP ha pertanto formulato raccomandazioni relative ai gruppi target per i quali i test sono molto affidabili e consentono quindi di rilevare in modo mirato soprattutto le persone contagiose».

In caso di risultato positivo: continuerò a essere contattato dal medico cantonale?
«Sì. Per principio è previsto che tutti i soggetti positivi siano informati dai servizi cantonali competenti. In particolare durante un’ondata d’infezione può succedere che i servizi cantonali competenti non vi contattino immediatamente. Siete tuttavia pregati di restare in isolamento. L’eventuale diritto a un’indennità di perdita di guadagno, se non è ordinato un congedo per malattia o non è possibile lavorare da casa, resta garantito».

Un test antigenico rapido negativo ha un influsso sull’isolamento e la quarantena?
«No. Le persone con sintomi proseguono l’isolamento secondo le «Istruzioni sull’isolamento», ossia per almeno 24 ore dopo la scomparsa dei sintomi. Un singolo test (test PCR o test antigenico rapido) non esclude un’infezione. Occorre inoltre prevenire la trasmissione di altre infezioni delle vie respiratorie al fine di ridurre al minimo il carico sul sistema sanitario ed evitare le infezioni che potrebbero essere interpretate come sintomi sospetti di COVID-19. Le persone senza sintomi restano in quarantena indipendentemente dal risultato del test antigenico rapido. Su ordine di un medico possono tuttavia essere eseguiti test per interrompere le catene d’infezione (indagini e controlli sul focolai)».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Astalavista 1 anno fa su tio
Cacata ...grande illusione e poi... quando lo sai... che fai !? ... Ti butti 😅 !? Il Virus c'è sempre stato ... qualcuno ci sta guadagnando 1 sacco 🍰
Tato50 1 anno fa su tio
@Astalavista Non è obbligatorio farlo poi se ti ritrovi fino al collo come la prima parola che hai scritto, sono fatti tuoi ;-((
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 23:13:07 | 91.208.130.85