Keystone
SVIZZERA
17.02.2019 - 11:480
Aggiornamento : 14:23

Abolire la prima classe sui treni? Per alcuni politici si può fare

Per una deputata dei Verdi la classe unica sarebbe un modo per risolvere il problema dei sovraffollamento durante gli orari di punta. Ma c'è chi pensa alla perdita di ricavi

LOSANNA - Abolire la prima classe sui treni: la proposta, lanciata nell'ambito del progetto "Cambia la Svizzera" promosso dalla Federazione dei parlamenti dei giovani, sta seducendo alcuni politici a Palazzo federale.

«Trovo problematico che un'impresa di servizio pubblico, sovvenzionata dai contribuenti, separi questi ultimi in due classi sulla base del loro portafogli», afferma la consigliera nazionale Irène Kälin (Verdi/AG) in un'intervista pubblicata oggi da Le Matin Dimanche.

«Siamo tutti cittadini di prima classe: da parte mia, viaggio solo in seconda», afferma la deputata, che come eletta federale riceve un abbonamento generale di prima classe. «Mi disturba il fatto che vi siano dei viaggiatori che non trovano posto a sedere in seconda mentre ce ne sono in prima».

A suo avviso la classe unica sarebbe un modo - certo non l'unico - per risolvere il problema dei sovraffollamento del trasporto pubblico durante gli orari di punta. «Posso certamente immaginare che sosterrò la proposta dei giovani».

Per il consigliere agli stati Olivier Français (PLR/VD) l'idea non risolverebbe il problema di fondo e porterebbe a una perdita di ricavi, quindi a un aumento del prezzo dei biglietti. Sulla stessa lunghezza d'onda è anche il consigliere nazionale Frédéric Berloz (PLR/VD): si assisterebbe a un livellamento verso il basso della qualità del servizio, mentre si dovrebbe pensare a migliorarla, afferma.

Anche la Federazione romanda dei consumatori (FRC) non nasconde un certo scetticismo. «Alcuni sono disposti a pagare di più e dobbiamo difendere anche loro», ha indicato al domenicale Robin Eymann, responsabile della politica economica presso la FRC. A suo avviso non si può però negare che esista un problema di ripartizione dei viaggiatori fra le due classi. Le FFS non forniscono statistiche sui tassi di occupazione e per linea: quindi è difficile dire se la prima classe generi davvero maggiori ricavi, come spesso viene detto, fa notare l'esperto.

10 mesi fa Per i Giovani socialisti un nuovo tipo di “lotta di classe”
11 mesi fa I parlamentari non rinunciano al loro abbonamento in prima classe
Commenti
 
Mattiatr 3 mesi fa su tio
Facilissimo fare ste proposte, non ci vuole nemmeno un po' di impegno. Ovviamente però l'obbiettivo finale non è quello di migliorare la qualità dei mezzi di trasporto pubblici ma è quello di guadagnare voti facendo leva sulla nostra invidia. Facendo un paio di conti, rimuovendo la 1° nei TILO si guadagnerebbero 10-15 posti. Se provaste a salirci dalle 17 alle 18.30 capireste da soli che con quei posti a disposizione non cambierebbe NULLA. Pertanto che si sveglino a proporre soluzioni reali e non solo cazzate.
tico 3 mesi fa su tio
Una volta sui treni c'er anche la terza classe. Oggi si dovrebbe fare due cose: Kälin dice che riceve il biglietto della prima e va in seconda ? tu puoi usare la prima allora lascia libero il posto nella seconda. Se per lei i cittadini sono tutti di prima classe, allora togliamo la 2°. O se no mettiamo di nuovo la terza, per chi non vuole o non può spendere di più e stanno tutti in piedi , così aumenta il posto negli orari di punta.
Meiroslnaschebiancarlengua 3 mesi fa su tio
Vi dico come andrà. La prima classe non sarà abolita (ed è bene che sia così) e i verdi prenderanno un'altra legnata alle prossime elezioni (ed è bene che sia così; e con delle proposte del genere è ancora meglio che sia così). Io viaggio in prima classe perchè permette di lavorare in condizioni adeguate, anche durante le ore di punta. Chi non vuole pagare un biglietto di prima classe, ne prende uno di seconda e se non è contento per il sovraffollamento, prende il treno seguente (o quello precedente).
lo spiaggiato 3 mesi fa su tio
Però questa politica furbona dice che gli dispiace vedere gente che non trova posto in seconda quando lei stessa ammette che occupa un posto in seconda mentre ha l'abbonamento della prima!... che fenomeno!...
Tb82 3 mesi fa su tio
La deputata che mira a ridurre il sovraffollamento ha un abbonamento generale di prima classe ma si siede in seconda classe occupando così un posto ad altri con biglietto di seconda e lasciandone libero uno in più in prima classe. Proprio brava, mi sembra coerente con il suo scopo!
Esse 3 mesi fa su tio
Ma io abolirei la seconda piuttosto ...che è meno rifinita
comp61 3 mesi fa su tio
Quello che non sopporto è non avere un posto a disposizione, qualsiasi sia il mezzo pubblico.
Jenaplynski 3 mesi fa su tio
Certo pagano di più, la maggior parte ha gli abbonamenti di prima regalati dalle aziende... mica se li pagano di tasca loro...
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@Jenaplynski Però il posto viene pagato no? Quindi a noi come singoli cosa cambia?
york11 3 mesi fa su tio
Solo sui treni regionali come i TILO è una proposta che ha senso visto che vengono considerati come metrò, mi pare che nelle città i tram e metrò non hanno divisione per classi. Spesso invece sui TILO si viaggia in piedi quindi essendo coerenti con la divisione in classi attuale bisognerebbe reintrodurre la 3a classe.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@york11 Oramai i Tilo non hanno nemmeno mezzo vagone di 1° classe, quindi non cambierebbe un bel niente.
sedelin 3 mesi fa su tio
giusto e logico. non si capisce perché alcuni passeggeri debbano stiparsi come sardine quando ci sono posti vuoti sullo stesso treno. se un tizio ha soldi in abbondanza può prendere il taxi.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@sedelin Finte soluzioni facili campate in aria. Nei treni regionali (per esempio i TILO) che vengono presi dai pendolari la prima classe occupa mezzo vagone, toh non cambierebbe niente. Queste sono le classiche proposte fatte per tirar voti ma come al solito non cambierebbero nulla. Se non ci credi prova a prendere un treno da Lugano, Locarno o da Bellinzona negli orari di punta. Inoltre se uno c'ha il liquido e prende il treno non lo fa di certo perché gli conviene, lo fa per questioni ambientali, di ideali.
sedelin 3 mesi fa su tio
@Mattiatr il treno lo prendo anche fuori dal piccolissimo ticino e ti assicuro che è utilissimo per aprire lo sguardo al di fuori del proprio micro- orticello. la soluzione proposta é l'unica percorribile, altrimenti...resta in piedi sul treno.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@sedelin Carina la battutina sull'orticello :-) Oramai questa piace molto ai Ro$$i. Bom, cagate a parte io sono uno di quelli che alle paroline preferisce i LAVORI. Ovviamente il nostro grandissimo e bellissimo stato se ne deve fregare visto che tutte le ferrovie federali sono di sua proprietà. Dagli anni '80 a oggi la popolazione è praticamente raddoppiata, le trade no, le ferrovie no, i bus ni. Il problema del Ticino sono la quantità dei treni e la cadenza, visto che praticamente sono una metropolitana perché non li mettono almeno ogni 15 min? LA risposta è semplicissima, le nostre linee sono di transito per le merci e quindi sono già sature.¶ La soluzione non sarebbe tirar via mezzo vagone di prima classe per dare il contentino a quelli di seconda. Questa è una presa per il culo bella e buone (e tu ci caschi). La soluzione è investire quei soldi che noi dedichiamo in tasse nella creazione di nuove linee e nell'ampliamento di quelle attuali, perché sul Ceneri ci sono solo due binari se passano tutti sti treni? Tanto se abbiamo 1 miliardo da regalare ne abbiamo altri da impiegare no?¶ Togliere la prima classe sarebbe come mettere i semafori sul Piano di Magadino, una soluzione messa lì tanto per far qualcosa ma che nell'effettivo non cambierà una beata minchia.
Equalizer 3 mesi fa su tio
Chi ha detto che i Marxisti-Leninisti stanno solo sotto la bandiera rossa? O forse Kälin ha confuso i due colori? Qualcuno con l'inizio degli anni duemila disse che avremmo vissuto in un mondo migliore..... Se al ciapi al consci come l'ass di gnocc, 'gnorant!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-24 01:43:56 | 91.208.130.86