Immobili
Veicoli
COB Jackets
1
OTT Senators
1
1. tempo
(1-1)
NJ Devils
LA Kings
01:00
 
COB Jackets
1
OTT Senators
1
1. tempo
(1-1)
NJ Devils
LA Kings
01:00
 
Tutti i pianti dell’Italia (mentre la Svizzera ancora gode)
Imago
+19
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
2 ore
Il big-match finisce a reti bianche
Rossoneri e bianconeri si sono lasciati sullo 0-0.
SERIE A
4 ore
L’Empoli non gioca il primo tempo e la Roma scappa
Quattro gol in un tempo e pratica archiviata per la Roma a Empoli
SCI ALPINO
5 ore
Lesione al legamento crociato e frattura al perone, Goggia nei guai
Il ginocchio scricchiola ma Goggia spera: «Mi dispiace»
NATIONAL LEAGUE
6 ore
I continui ribaltoni premiano il Losanna
Tre volte in vantaggio, l’Ajoie ha finito con il perdere 5-4 a Losanna
SERIE A
7 ore
Il Napoli non rallenta, la Samp affonda
Battuta la Salernitana, il Napoli è momentaneamente secondo della classifica. Samp a picco.
SCI ALPINO
10 ore
Feuz-Odermatt da sballo: Kitzbühel è rossocrociata
Feuz vince davanti a Odermatt, gran bottino nella discesa di Kitzbühel
SCI ALPINO
11 ore
Gut-Behrami non pervenuta, Gisin da applausi
Lara fuori dalla top-ten, Michelle Gisin splendida terza. Brutta caduta per la Goggia
TENNIS
14 ore
Diesel-Nadal, super-Shapovalov e poi Monfils e Berrettini
Nadal ha superato Mannarino. Zverev stoppato da Shapovalov. Avanti anche Monfils e Berrettini
TAVULLIA
16 ore
La carriera, le moto e... forse un altro figlio: Valentino Rossi si racconta
Il campione italiano ha svelato alcuni aneddoti: «L'affetto della gente è la mia vittoria più grande».
SERIE A
1 gior
Un punto a testa per Lazio e Atalanta
Poche emozioni nel duello dell'Olimpico tra i biancocelesti e la Dea.
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Uragano Hofmann, lo Zugo travolge il Langnau
I Tori, trascinati da Grégory Hofmann (4 gol), hanno liquidato 8-2 il Langnau. Vincono anche le Aquile e i Dragoni.
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
17.11.2021 - 08:000
Aggiornamento : 23:11

Tutti i pianti dell’Italia (mentre la Svizzera ancora gode)

Arno Rossini: «Yakin non è stato una prima scelta, ma è stato… la scelta migliore»

«Mancini presuntuoso? No, ha notato una spia rossa accesa».

LUCERNA/BELFAST - Qualificazione meritata, Murat Yakin superlativo, giovani già pronti a lasciare il segno con i grandi... nella volata verso il Mondiale la Svizzera ha vissuto soddisfazioni e scoperto gemme. Ha inanellato prestazioni convincenti e risultati positivi e si è permessa il lusso di una grande festa finale. I timori delle tante vigilie erano quindi infondati?

«Tutto è andato benissimo - ci ha confermato Arno Rossini - Anche meglio di quanto ci si aspettasse. Yakin ha dimostrato di essere un ottimo selezionatore e di saper lavorare molto bene con il gruppo. Tatticamente ha cominciato portando avanti il lavoro di Petkovic, poi ha aggiustato via via la squadra in base alla situazione e alla partita da affrontare. A livello di empatia e comunicazione è stato superlativo, riuscendo nel difficile compito di portare tutti i ragazzi dalla sua parte. E facendo di necessità virtù, tenuto conto delle tante defezioni, ha “scoperto” i gioiellini Okafor e Vargas e rilanciato un grande Widmer. Ha garantito entusiasmo, ci ha fatto qualificare, ha meritato il rinnovo del contratto. Non è stato una prima scelta ma probabilmente, alla luce di quanto accaduto, è stato... la scelta migliore. Un po' come Croci-Torti a Lugano: chiamato solo dopo che altre trattative non sono andate in porto, è stato subito capace di lasciare il segno pilotando in alto i bianconeri». 

Per una Svizzera che gode c'è un'Italia finita nel baratro. Cos'è successo?
«Credo che gli azzurri abbiano perso motivazioni e fame dopo l'Europeo. E questo, forse, è anche comprensibile. Di sicuro hanno grossi problemi. Contro l'Irlanda del Nord, per esempio, non sono mai stati pericolosi. E ciò è incredibile tenuto conto della differenza di qualità tra le due selezioni. Ci hanno provato, è vero, a livello tecnico però non sono mai stati in grado di far uscire la loro superiorità».

A Belfast è andata male, è vero. Se però Jorginho…
«Vero, certo: i due rigori sbagliati contro la Svizzera sono stati decisivi. Anche a livello di idee e dinamismo nelle ultime uscite il centrocampista è tuttavia stato carente. È passato da candidato al Pallone d'oro, da Re Mida, a barbone».

Nelle ultime settimane, e anche dopo il pari nordirlandese, Mancini ha continuato a predicare la calma e a fare proclami. “Ci qualificheremo e magari vinceremo il Mondiale”, ha detto. Il selezionatore azzurro è stato presuntuoso o semplicemente ha provato a gettare acqua sul fuoco?
«Presunzione no. Mancini ha molta esperienza, credo che abbia notato una spia rossa accesa e abbia tentato di dare serenità. Vincere in Qatar, adesso almeno, sembra comunque non possano farlo: non hanno un vero attaccante, per esempio».

Mancava Immobile…
«Ottimo giocatore che però deve ancora provare di essere determinante a livello internazionale. Gli altri non sono invece pervenuti. Anzi, gli altri non ci sono proprio».

Guardando al movimento italiano, si tratta di un problema generazionale o la mancanza di un bomber è causa della direzione presa dal calcio moderno?
«Credo che sia qualcosa di ciclico. I Toni, i Vieri non ci sono in questo momento, mentre i buoni centrocampisti o difensori, e anche il portiere, non mancano». 

Ma l’Italia si qualificherà?
«Lo spero, perché un Mondiale senza l'Italia è un Mondiale un po' più povero. Al momento c’è però solo una certezza: dopo i grandi complimenti ricevuti al termine dell’Europeo, Mancini vivrà un Natale poco sereno. Ma questo è il calcio, tutto va veloce e ci si deve confermare continuamente». 

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (URS FLUEELER)
Guarda tutte le 23 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 00:57:39 | 91.208.130.85