Immobili
Veicoli
20min/Taddeo Cerletti
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CICLISMO
1 ora
«Ho rischiato la vita e avevo il 95% di possibilità di restare paraplegico»
Egan Bernal, campione colombiano, si è espresso sui social dopo il grave incidente: «Ringrazio Dio e gli specialisti».
SWISS LEAGUE
10 ore
Rockets strapazzati dal Langenthal
I rivieraschi sono stati sconfitti 8-1 a domicilio.
HCL
10 ore
Il Lugano passa alla Ilfis: sette schiaffi al Langnau
I bianconeri hanno archiviato la pratica segnando sei reti nei primi due tempi (7-4 il risultato finale).
NATIONAL LEAGUE
10 ore
Lo Zugo stritola e umilia l'Ajoie, sconfitto 11-0
Sconfitta pesantissima per i giurassiani. Il Davos piega 4-3 il Berna e fa un favore anche all'Ambrì.
SERIE A
13 ore
Vlahovic ha firmato fino al 2026: «La Juve è orgoglio e tradizione»
Alla Viola vanno 70 milioni (+10 di bonus). 15 di commissioni agli agenti. Il bomber prende la maglia numero 7
SCI ALPINO
15 ore
Brutta caduta per Kryenbühl
Il 28enne elvetico, che era impegnato in super G a Saalbach-Hinterglemm, è stato elitrasportato in Svizzera.
HCL
17 ore
Matteo Nodari lascia il Lugano
Rescisso consensualmente l'accordo tra le parti.
NATIONAL LEAGUE
18 ore
Schäppi-Lions, avanti insieme
Il 31enne ha firmato fino al 2023, più opzione per un'ulteriore stagione. Scambio tra Langnau e Ajoie.
TENNIS
20 ore
La finale è servita, sarà battaglia Medvedev-Nadal
Il russo ha superato in quattro set Tsitsipas, lo spagnolo ha piegato l'italiano Berrettini.
SWISS LEAGUE
22 ore
«Klasen mi ha chiamato tante volte, l'obiettivo è salire in NL»
Lorenz Kienzle, operatosi in aprile, è ripartito dal Visp: «Ho ricevuto l'ok dai medici, sono pronto all'esordio».
HCAP
22 ore
Yanik Burren multato e sospeso
Il difensore biancoblù è stato sanzionato per un intervento ai danni di Calvin Thürkauf.
SUPER LEAGUE
1 gior
Lugano, niente paura: è caccia subito al colpaccio
Domani sera riprende il campionato di Super League: i bianconeri affronteranno uno Young Boys indebolito
ZURIGO
01.10.2021 - 06:000
Aggiornamento : 17:42

Svizzera & Yakin: «Xhaka? È importante, ma ci sono altri giocatori forti»

Il coach 47enne: «Quando è il momento di lavorare sono ossessionato dai dettagli, voglio impegno e prestazioni positive»

La selezione elvetica affronterà in casa l'Irlanda del Nord il prossimo 9 ottobre, mentre tre giorni dopo sarà di scena in Lituania.

ZURIGO - L'allenatore della Nazionale Murat Yakin è carico in vista delle prossime gare della Svizzera, valide per le qualificazioni ai Mondiali in Qatar del 2022. Subentrato a Vladimir Petkovic in agosto, l'ex tecnico dello Sciaffusa ha finora diretto gli elvetici in tre occasioni: in amichevole con la Grecia (2-1), così come contro Italia (0-0) e Irlanda del Nord (0-0), con vista sulla prossima rassegna iridata.

Ricordiamo che dopo quattro incontri, la selezione rossocrociata occupa il secondo posto del Gruppo C con 8 punti, sei lunghezze in meno dell'Italia (14), che è però scesa in campo due volte in più. 

Murat Yakin, quali sono le tue considerazioni dopo le prime settimane da coach della Nazionale?

«È stato un periodo intenso, ho avuto modo di conoscere una dimensione diversa e persone nuove. Abbiamo dovuto far fronte a tanti infortuni, prendendo nello stesso tempo decisioni importanti e veloci. Reputo in ogni caso positive le mie prime settimane di lavoro».

Da un club alla Nazionale: la tua vita da allenatore è indubbiamente cambiata.

«Sapevo fino a un certo punto cosa mi sarei dovuto aspettare. Devo però dire che, oltre a essere attirato da questa grande sfida, sono davvero entusiasta di ricoprire questo ruolo».

Come ha preso la notizia mamma Yakin?

«È felicissima, anche se purtroppo contro l'Italia non è potuta venire allo stadio. È tornata in Turchia per la prima volta dopo un anno e mezzo di pandemia e aveva molte faccende da sbrigare. Nonostante i suoi 87 anni d'età è stata comunque in grado di comunicare con me attraverso “Wlan” e “Facetime”. Contro l'Irlanda del Nord ci sarà».

Dopo lo 0-0 con l'Italia sei stato elogiato, mentre dopo quello con l'Irlanda del Nord sei stato criticato per la prima volta.

«Ho abbastanza esperienza per giudicare obiettivamente le prestazioni offerte dai miei ragazzi. Nel match contro l'Italia abbiamo mostrato un atteggiamento decisamente diverso rispetto alla sfida giocata agli Europei contro gli stessi Azzurri (ndr, 0-3) e alla fine avremmo quasi potuto vincere. Con gli irlandesi sono dell'idea che abbiamo avuto l'approccio giusto e sono contento del modo in cui i giocatori si sono comportati. I due punti conquistati sono importanti per il secondo posto in classifica e se vogliamo vincere il girone dobbiamo comunque battere l'Italia una volta su due».

Come hai intenzione di gestire la situazione riguardante Xhaka e Shaqiri? Il loro comportamento è sempre sotto i riflettori.

«Sono sicuramente due grandi figure del calcio svizzero e penso che dentro di loro vorrebbero soltanto giocare a pallone in santa pace. Quando però si esce dall'ordinario, questo palcoscenico ti mette a confronto con delle reazioni. Per me l'unica cosa che conta è che tutti i giocatori si comportino bene in campo e agiscano sempre nell'interesse della squadra. Se qualcuno dovesse muoversi al dì fuori di queste regole, andrebbe incontro a delle conseguenze».

Come definiresti la tua leadership?

«In linea generale sono rilassato, aperto e di tanto in tanto posso anche scherzare con i ragazzi. Quando però è il momento di lavorare sono ossessionato dai dettagli, pretendo impegno e prestazioni positive. Il nostro obiettivo è quello di crescere ulteriormente, per vincere serve tanta corsa, voglia, convinzione e spirito di squadra, così come una difesa disciplinata e aggressiva».

Quest'anno la Svizzera non potrà contare sui servigi di capitan Xhaka. Quanto influisce sul tuo lavoro?

«È importante, ma abbiamo dovuto fare a meno di lui dall'inizio dell'autunno. C'è comunque una gerarchia ben consolidata in Nazionale, anche quando nel gruppo manca qualche senatore. Abbiamo diversi giocatori importanti in squadra, così come diverse buone soluzioni per ogni ruolo».

Cosa bisognerà fare per prevalere contro Irlanda del Nord e Lituania?

«Saranno due sfide difficili. Dovremo essere bravi a prendere in mano la situazione, giocare in modo intelligente in fase offensiva e sfruttare al meglio le occasioni da rete».

 

 

 

 

CALCIO: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-29 09:09:16 | 91.208.130.86