keystone-sda.ch (ANSA)
+11
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
FORMULA 1
1 ora
«Non ci saranno contrasti con Hamilton»
Il 23enne futuro pilota della Mercedes: «Abbiamo un ottimo rapporto e lavoreremo insieme per sviluppare la macchina»
HCL/HCAP
5 ore
Ginevra è dolcissima per McSorley, weekend amaro per l'HCAP
Il fine settimana he regalato tre punti al Lugano, nessuno all'Ambrì.
SERIE A
15 ore
Anche un Milan in emergenza ferma la Juve
Rebic risponde a Morata: i bianconeri restano a secco di vittorie dopo quattro giornate.
SERIE A
17 ore
Questa volta Mourinho mastica amaro
Al Bentegodi partita pazza, vinta dai veneti di Tudor 3-2. Pari della Lazio 2-2 con il Cagliari
COPPA SVIZZERA
18 ore
Ottavi di Coppa: sorteggio sfortunato per le ticinesi
Le sfide si disputeranno a fine ottobre
COPPA SVIZZERA
19 ore
Gioia Chiasso: i momò volano negli ottavi
La compagine rossoblù ha liquidato il Porrentruy con il punteggio di 3-0.
CICLISMO
20 ore
Niente podio per gli svizzeri: il campione è Ganna
Il ciclista italiano si è confermato il più veloce nella prova a cronometro davanti a Wout van Aert e Remco Evenepoel.
MOTO E
20 ore
Incubo Aegerter, campione del mondo per (soli) 10 minuti
L'elvetico ha conquistato la gara ma è stato penalizzato per aver buttato a terra Jordi Torres e ha perso il Mondiale.
MOTOMONDIALE
22 ore
A Misano gode l'Italia: Bagnaia doma Quartararo
In Moto 2 vittoria di Fernandez e 11esimo posto di Tom Lüthi. In Moto3 tripletta azzurra con Foggia, Antonelli e Migno.
CICLISMO
23 ore
Tony Martin appende la bicicletta al chiodo
Il 36enne abbandonerà le competizioni al termine dei Mondiali, in corso di svolgimento nelle Fiandre, in Belgio.
CARNET NOIR
23 ore
Addio bomber: si è spento il più grande goleador del campionato inglese
Con Tottenham (cinque) e Chelsea (una), Jimmy Greaves si è laureato per sei volte capocannoniere stagionale.
LIGUE 1
1 gior
Donnarumma, il PSG lo snobba (per ora)
Fin qui il portiere italiano ha giocato una sola gara con i parigini.
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Carica alla testa: squalificato Loosli
L'attaccante del Langnau è stato sanzionato per un duro intervento ai danni di Yannick Weber.
TENNIS
1 gior
«Non è accettabile che Novak sia sempre il cattivo, mentre Roger e Rafa...»
Boris Becker: «Conosco Nole sia a livello privato che professionale ed è un bravo ragazzo».
SERIE A
1 gior
Ribery non basta alla Salernitana, vince l'Atalanta
Decisivo il gol di Zapata firmato al 75'
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Il Bienne continua a volare
I bernesi e Tori (vittoriosi all'overtime sul Friborgo) sono le uniche due squadre ancora imbattute
HCAP
1 gior
Batosta per l’Ambrì: l’Ajoie vince 4-0
A Porrentruy i giurassiani hanno conquistato i primi tre punti in classifica percuotendo l’Ambrì.
HCL
1 gior
McSorley torna a Ginevra e il Lugano vince
Prestazione convincente fornita dai sottocenerini, vittoriosi 5-3 in terra romanda.
BORDEAUX
1 gior
Rabbia Petkovic
L'ex selezionatore rossocrociato è arrabbiato con i vertici della Federazione elvetica.
SWISS LEAGUE
1 gior
Rockets battuti a Visp
La squadra di Landry è stata battuta 2-1 in rimonta
SERIE A
1 gior
L'Inter demolisce il Bologna
A tre giorni dalla sconfitta di Champions, i milanesi sono tornati al successo: vittoria roboante per 6-1
COPPA SVIZZERA
1 gior
Il Paradiso sfiora l'impresa
Gli argoviesi hanno deciso la sfida in terra ticinese all'84' con Kevin Spadanuda
MOTOMONDIALE
1 gior
«Impossibile raccogliere il testimone di Valentino Rossi»
Il pilota della Ducati sta attraversando un periodo magico: «Sono contento, stiamo lavorando veramente bene»
FOTOGALLERY
LUGANO
1 gior
Tanto entusiasmo attorno alle Ladies Lugano
Dirigenza, staff tecnico e giocatrici hanno trascorso una giornata in allegria, insieme a tifosi e simpatizzanti
MOTOMONDIALE
1 gior
Pazzesco Bagnaia: pole e record della pista
A Misano Adriatico l'italiano ha stabilito il nuovo primato del circuito fermando il tempo in 1'31''065.
ROMA
10.12.2020 - 14:170
Aggiornamento : 22:26

Pablito il lottatore, dal Mundial al ricovero per l’aggravarsi della malattia

L'uomo semplice omaggiato anche da Mick Jagger.

Gol e sorrisi di un'Italia felice.

di Redazione
ats ans

ROMA - L'ex calciatore campione del mondo del 1982 Paolo Rossi è morto all'ospedale Le Scotte di Siena dove si trovava ricoverato da qualche tempo per l'aggravarsi della malattia: un tumore ai polmoni.

Siena non è distante dalla proprietà nei pressi di Bucine (Arezzo) dove Paolo Rossi viveva con la famiglia. Circa tre mesi fa, secondo quanto si apprende, si era sottoposto a un intervento chirurgico all'ospedale La Gruccia di Montevarchi.

Se ne è andato a sorpresa, come quando sbucava alle spalle di un difensore e si faceva appena in tempo a vedere il pallone in rete. Nell'anno più brutto il mondo dice addio dopo Maradona anche a Paolo Rossi, il capocannoniere del mondiale 1982, l'"hombre del partido" di una notte magica in Spagna, un campione la cui popolarità ha raggiunto vette elevatissime anche fuori da quelle che allora erano le traiettorie abituali della passione calcistica.

Era l'immagine dell'Italia nel mondo, di lui parlavano ovunque, taxisti colombiani e soldati cinesi, infermieri del Ghana e bambini della striscia di Gaza: merito, certo, di quei sei gol in tre partite nell'estate del 1982 (3 al Brasile, 2 alla Polonia e uno alla Germania in finale) che fecero riversare in strada un Paese intero, felice di festeggiare un successo mondiale atteso 44 anni e di chiudere la stagione triste degli Anni di piombo.

Ma frutto, quell'affetto trasversale, anche di una classe calcistica superiore, di un'intelligenza indiscutibile, di quel sorriso che facilitava i rapporti umani con tutti: un autentico campione della porta accanto.

L'epos di quell'Italia campione del mondo guidata da Bearzot è fatto di tanti flash, ma i tre gol di Paolo Rossi al Brasile al Sarriá restano insuperati: un taxista di Rio confidò tanti anni dopo agli inviati dell'ANSA alle Olimpiadi "Quell'uomo mi ha rovinato l'adolescenza, ma non riesco a volergli male". Pare invece che un altro conducente d'auto in Brasile, riconosciutolo, l'avesse invitato a scendere, con cortesia e orgoglio ferito.

Lui però preferiva ricordare quello che gli era accaduto in un altro paese dell'America Latina, dove arrivò qualche anno fa, e l'autista mandando messaggini mentre guidava nel traffico caotico gli fece trovare una piazza piena di gente in delirio davanti all'albergo. Si meritò il Pallone d'Oro per quella stagione da n. 1.

Centravanti di media statura, rapido e con grande tecnica, era riduttivo definirlo un opportunista: certo lo era. Capace di essere al posto giusto al momento giusto, anche dopo tanti passaggi a vuoto, sbucando dal nulla, imprevedibile per gli avversari, che fossero gli organizzatissimi tedeschi o i fantasiosi brasiliani. Insomma, la quintessenza dell'italiano, e non solo per il nome.

Pur con una carriera "breve" (appena 10 anni in Serie A di cui 2 cancellati dalla vicenda delle scommesse nella quale si ritrovò impelagato nel 1980 nonostante avesse sempre rivendicato la sua innocenza), la corsa del Signor Rossi alla notorietà e alla leggenda è costellata da tante serpentine, riuscite o meno: dall'esplosione nel Vicenza, all'amarezza nei lunghi giorni della squalifica, dai momenti indimenticabili del Mundial spagnolo al desiderio di tornare a essere una persona qualunque, un imprenditore e opinionista stimato.

La storia di Pablito che, scoperto da Luciano Moggi, aveva cominciato a giocare al calcio sul serio nel settore giovanile della Juve diventa favola nel '78, al termine di una fantastica stagione con il Lanerossi Vicenza: per il giovane talento di Prato, che porta la sua squadra a un soffio dallo scudetto vincendo la classifica cannonieri, si spalancano le porte della nazionale, per il Mondiale in Argentina. Eppure non tutto era filato liscio fino ad allora: ancora minorenne ma già speranza di prim'ordine, si era scontrato con i primi tackle della vita, tre operazioni al menisco. La svolta arriva dall'intuizione di Gibì Fabbri, l'artefice del "Real" Vicenza, che da ala lo sposta al centro area per mandare in rete quanti più palloni possibile.

In biancorosso due anni: dominio nel campionato cadetto grazie ai 21 gol di Rossi che si ripete anche nella stagione successiva, vincendo la classifica cannonieri e ottenendo la convocazione al Mondiale argentino dove impressiona per freschezza e vitalità, ma non va al di là del quarto posto finale con gli azzurri di Bearzot.

Non si spalancano le porte del ritorno alla Juventus. Alle buste, il presidente Farina lo riscatta per 2,6 miliardi, una cifra record per l'epoca che lascia tutti sbalorditi, fino alle dimissioni di Franco Carraro dalla Figc, ma che non serve ai veneti per evitare la retrocessione dopo il campionato dei miracoli.

Tocca al Perugia puntare su quello che ormai definiscono un talento perduto e che proprio in Umbria resta invischiato nello scandalo del calcioscommesse, una questione di gol "garantiti" da segnare discussa mentre lui gioca a carte con i compagni di squadra.

Sfumano gli Europei '80 e in molti tornano a parlare di carriera finita. Ma il destino ha ancora molto in serbo per lui. Scontata la squalifica, Rossi passa finalmente alla Juve ma sembra ormai l'ombra del giocatore ammirato a Vicenza.

Il suo mentore stavolta si chiama Enzo Bearzot che, nonostante tutto, crede ancora in lui e decide di portarlo in Spagna, insistendo anche dopo le prime opache prestazioni contro Polonia, Perù e Camerun.

Ma i gol e il mito sono lì, a due passi. Arrivano, uno dopo l'altro, nemmeno nell'arco di due settimane, dal 29 giugno all'11 luglio: l'Italia di Bearzot esplode contro l'Argentina di Maradona, ma la madre di tutte le partite è al Sarriá: la tripletta al Brasile di Zico e Socrates diventa leggenda e in quel torrido pomeriggio spagnolo Paolo Rossi capisce che il coronamento di una carriera è arrivato prima ancora della vittoria finale. Al quale l'Italia arriva con un'altra sua doppietta (2-0 alla Polonia) e il primo dei tre gol alla Germania in finale.

Ha vinto l'Italia, ma il sigillo è di Paolo Rossi omaggiato persino da Mick Jagger che in un celebre concerto indossa una sua maglietta, come un tifoso qualsiasi. "Paolo Rossi era un ragazzo come noi", canta invece Venditti accostandolo a Pelé in una sua canzone di successo, vince con la Juve la Coppa dei Campioni triste dell'Heysel, ma la sua carriera è ai titoli di coda. Il Milan del nuovo corso berlusconiano prova a dargli una nuova chance: il biglietto è di sola andata, prima della fermata alla stazione di Verona dove Pablito gioca la sua ultima stagione.

Lascia il calcio, ma non il cuore degli italiani che gli saranno sempre grati, perché è stato la copertina di un Paese felice.

La salma di Paolo Rossi si trova da questa mattina all'obitorio dell'ospedale Le Scotte di Siena. Secondo quanto si apprende una camera ardente sarà allestita all'interno della struttura, a partire dalla tarda mattinata e rimarrà aperta soltanto per parenti e amici stretti in base alle disposizioni di contenimento del Coronavirus. La salma dovrebbe lasciare l'ospedale nella mattinata di domani.

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (ANSA)
Guarda tutte le 15 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 9 mesi fa su tio
VIGLIACCHI !!!!!!!!!!!!! Mentre era in corso il funerale di Paolo, alcuni malviventi (userei un altro termine ma non posso) hanno approfittato dell'assenza di persone nella sua villa. Dopo aver forzato una finestra si sono introdotti portando via moltissime cose di valore e altro che la moglie sta inventariando. Se li beccano dovrebbero, prima di metterli in galera, organizzare una partita di calcio ma senza pallone. Il pallone sarebbero loro e spero che si vada ai tempi supplementari ;-(((((((( Maledetti schifosi ;-((((((((
cle72 9 mesi fa su tio
Avevo 10 anni... Che ricordi, che squadra che emozioni, che dire, grazie a Paolo e grazie anche all'imdimenticabile Scirea. Ora torneranno a giocare assieme. Grandi campioni e persone semplici. Hanno reso l'Italia grande. Grazie!
Rv67 9 mesi fa su tio
05.07.1982,lunedì,primo giorno di lavoro, come non ricordarsi Italia vs Brasile......
streciadalbüter 9 mesi fa su tio
Morir es una costumbre que sabe tener la gente(jorge Borges)-
Aka05 9 mesi fa su tio
Mi spiace un sacco, che la terra ti sia lieve. R.I.P Pablito
Tio1949 9 mesi fa su tio
Vai tranquillo che non ci sono mai stati svizzeri o altre persone che ne hanno fatte,mi viene molto facile scrivere Capra!
Tio1949 9 mesi fa su tio
Va che bravo! Chi è senza peccato scagli la prima pietra!
Capra 9 mesi fa su tio
Dire che è morta una gran persona , faccio fatica a scriverlo !la morte non purifica tutto , ricordo che e’ stato coinvolto nel calcio scommesse!!!!!!
Swissabroad 9 mesi fa su tio
@Capra Commento sciocco.
Tato50 9 mesi fa su tio
@Capra Il tuo Nick non ti smentisce ;-(( Prima di sputare sentenze su un cadavere informati !! ASSOLTO IN FORMULA PIENA PER NON AVER COMMESSO IL FATTO !!! Salutami tuo marito ;-((((
F/A-19 9 mesi fa su tio
@Capra Rossi come Tortora, vittime di assurde condanne e patimenti per non aver fatto niente di male. Questa persona era buona dentro, pensa che per la sospensione di due anni dal gioco del calcio, pur sapendo di non aver fatto niente, se ne è fatta una ragione e si è inventato un lavoro come tanti, col sorriso sulle labbra. Più buono di così!
Tio1949 9 mesi fa su tio
@Capra Esci dal cratere,ma portati anche quel poco di cervello che ti resta.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 13:40:30 | 91.208.130.85