Immobili
Veicoli

CICLISMOMarco Pantani, la madre: «Quella notte non era solo...»

04.02.22 - 18:39
La famiglia dell'ex campione di ciclismo non si arrende e continua a chiedere la verità.
Freshfocus, archivio
CICLISMO
04.02.22 - 18:39
Marco Pantani, la madre: «Quella notte non era solo...»
La famiglia dell'ex campione di ciclismo non si arrende e continua a chiedere la verità.
Il Pirata era stato trovato morto in un residence di Rimini il 14 febbraio del 2004.

BOLOGNA - Fra dieci giorni - il prossimo 14 febbraio - saranno passati 18 anni dalla triste sera di San Valentino del 2004, quando - in un residence di Rimini - fu trovato morto Marco Pantani e il ricordo del grande campione di ciclismo non trova ancora pace.

La convinzione della madre Tonina e del padre Giorgio - e con loro di molti tifosi - è che non tutto sia stato detto e non tutto sia stato accertato sulla fine dello scalatore di Cesenatico, deceduto a 34 anni. Nonostante due inchieste archiviate, l'ultima nel 2016, nonostante i processi agli spacciatori che avrebbero ceduto al 'Pirata' la dose letale, la famiglia non si arrende e continua a chiedere verità.

Mamma Tonina è tornata dai carabinieri, a Rimini, ed è uscita dalla caserma dopo tre ore e mezza. «Marco non era solo la notte che è morto, con lui c'erano due escort», è quello che la donna avrebbe detto ai militari del nucleo investigativo del reparto operativo, che indagano nell'ambito del nuovo fascicolo riaperto recentemente dalla Procura. Un fascicolo che, però, rimane a 'modello 45', anche dopo la nuova testimonianza: non si ipotizzano reati e non ci sono indagati.

A sollecitare in qualche modo la ripresa degli accertamenti era stata la commissione parlamentare antimafia, che ha inviato ai magistrati riminesi una relazione dove c'è, tra l'altro, l'audizione, in parte secretata, di Fabio Miradossa, il pusher che patteggiò nel 2005 una pena per spaccio di cocaina legato alla morte di Pantani.

«Marco è stato ucciso, l'ho conosciuto 5-6 mesi prima che morisse e di certo non mi è sembrata una persona che si voleva uccidere. Era perennemente alla ricerca della verità sui fatti di Madonna di Campiglio, ha sempre detto che non si era dopato», le parole di Miradossa, a gennaio 2020. Il pm riminese Luca Bertuzzi recentemente ha richiesto la registrazione completa della deposizione.

Lo stesso Miradossa, però, già sentito nell'ambito del nuovo fascicolo, non avrebbe aggiunto nulla di rilevante a ciò che la prima e la seconda indagine sulla morte del Pirata avevano appurato. Nell'archiviare, nel 2016, la Procura di Rimini definì fantasiosa e priva di fondamento l'ipotesi di un omicidio e la Cassazione, un anno dopo, rigettò il ricorso della famiglia.

Ma la madre, che nel frattempo si è rivolta a un nuovo legale, l'avvocato Fiorenzo Alessi, non molla ed è stata sentita per l'ennesima volta in Procura, dopo aver consegnato un corposo dossier con documenti e spunti investigativi, e ora anche dai carabinieri.

Finora, anche se varie ricostruzioni giornalistiche hanno adombrato scenari alternativi, le inchieste hanno detto che Pantani morì da solo, in una stanza del residence"Le Rose", chiusa dall'interno. Per un'azione prevalente di psicofarmaci, così da far pensare più a una condotta suicida, che a un'overdose accidentale. È stata fin qui sempre esclusa l'ipotesi di un'assunzione sotto costrizione.

Non hanno portato a risultati neppure gli accertamenti su un presunto intervento della Camorra al Giro d'Italia del 1999, quando Pantani venne escluso per l'ematocrito alto, il 5 giugno. Per il campione quel giorno di giugno a Madonna di Campiglio fu l'inizio della fine. Una fine tragica e prematura per un grande sportivo, difficile da accettare per tanti appassionati e soprattutto per chi gli voleva bene e che continua a chiedere che sia fatta piena luce.

COMMENTI
 
Serfol 4 mesi fa su tio
È ora di finirla di dire/scrivere cattiverie su questo grande campione Lasciatelo riposare in pace
Dani 4 mesi fa su tio
Lasciatelo riposare in pace, perché continuare ad infangare....... una grande tristezza
cle72 4 mesi fa su tio
Con mamma Tonina al 1000x 1000. Pantani un mio idolo, che imprese che spettacolo vederlo correre e le su ripartenza in salita, magie!!! Troppi lati oscuri in questa triste storia. Sarà dura, e penso che la verità non si saprà mai. Questo è il mondo dove la vita di una persona non vale più nulla.
seo56 4 mesi fa su tio
🤐🤐
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT