Depositphotos (magone)
L'economia svizzera ha reagito bene alla crisi della pandemia, secondo il Fondo monetario internazionale.
ULTIME NOTIZIE Economia
CANTONE
10 ore
Ticino Impiantistica torna in forma virtuale
Appuntamento dall'8 al 10 giugno per una vetrina dedicata agli esponenti di vari settori
SVIZZERA
13 ore
Axa: i clienti possono pagare i premi in Bitcoin
Presto saranno attivate anche altri metodi di pagamento, come TWINT
SVIZZERA
14 ore
L'invito della Posta: «Venite ad hackerarci»
Il gigante giallo apre al pubblico il suo programma di "bug bounty". Con tanto di ricompense per chi scova una falla
SVIZZERA
15 ore
Aldi, il futuro fa rima con Bio
Il fatturato dei prodotti biologici nel 2020 ha fatto registrare un balzo del 55%
MONDO
17 ore
Innovazione, l'industria farmaceutica è in rimonta
Sono nove le aziende nella top 50, comprese Novartis e Roche
TURCHIA
20 ore
L'economia soffre, e molti in Turchia si voltano verso i bitcoin
La lira turca è in crisi, e molti investitori si sono rivolti alle criptovalute
STATI UNITI
1 gior
Esordio col botto per Coinbase, vale 100 miliardi
Nei primi scambi a Wall Street, la piattaforma supera i 400 dollari per azione
SVIZZERA
1 gior
Opel richiama un assale anteriore
I pezzi potrebbero essere stati saldati in modo difettoso, la decisione è stata presa in collaborazione con l'Ustra
SVIZZERA
1 gior
Swisscom stacca la spina al 2G
Dopo quasi 30 anni la rete di seconda generazione se ne va in pensione
SVIZZERA
1 gior
PostFinance, è Marcel Bührer il prescelto
Sarà questo il nome che verrà proposto all'Assemblea generale quale nuovo Presidente del Consiglio di amministrazione
NUOVA ZELANDA
1 gior
Investimenti: gli effetti sul cambiamento climatico andranno dichiarati per legge
Lo prevede un provvedimento (il primo al mondo) che inizia il suo iter al Parlamento neozelandese
SVIZZERA
07.04.2021 - 17:210

Il Fondo monetario internazionale promuove la Svizzera

L'economia nazionale ha reagito bene alla crisi portata dalla pandemia, ma rimarranno delle «cicatrici»

BERNA - Secondo il Fondo monetario internazionale (FMI) finora la Svizzera ha affrontato bene la pandemia di Covid-19. Per l'anno in corso prospetta una crescita del 3,5% e per il prossimo del 2,8%.

I fattori positivi

Nel 2020 il prodotto interno lordo (PIL) elvetico si era contratto del 2,9%, meno fortemente quindi di altre economie europee, rileva l'FMI nella sua valutazione annuale della Svizzera, presentata oggi in una conferenza stampa virtuale organizzata dalla Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI).

Ad attutire il colpo sono stati in particolare la solidità di partenza delle economie domestiche e delle amministrazioni pubbliche, la competitività delle industrie di esportazione (ad esempio chimica e farmaceutica), il settore finanziario esteso e ben capitalizzato, la ridotta dipendenza dai settori ad alto contatto, il sistema sanitario ben organizzato e le misure di contenimento mirate.

Anche la «rapidità, incisività e sostenibilità» delle misure di emergenza a sostegno di redditi e imprese, pari a oltre il 10% del PIL, è stata determinante per contenere il crollo dell'economia, ha affermato nella conferenza stampa virtuale Mark Horton, capo della delegazione dell'FMI che ha esaminato la situazione della Svizzera.

Le «cicatrici» della crisi

Le incertezze restano tuttavia elevate, dominate dalla dinamica della pandemia: gioca un ruolo importante la rapidità con cui viene vaccinata la popolazione e come evolverà la terza ondata. In un modo o nell'altro la crisi lascerà verosimilmente «cicatrici», effetti che resteranno visibili ancora per lungo tempo. Ciò soprattutto in settori in cui la domanda si riprende forse più lentamente (ad esempio ristorazione ed eventi).

Sebbene la disoccupazione, l'indebitamento e le insolvenze non siano aumentati fortemente ciò potrebbe cambiare una volta che termineranno le misure di sostegno della Confederazione. Il fatto che le misure vengano prolungate nel 2021 è giusto, ritiene il Fondo. Tuttavia un maggiore coordinamento tra Berna e i Cantoni potrebbe condurre a soluzioni più efficienti che possono essere attuate più rapidamente.

Il consiglio: sostenere la domanda

Considerate le persistenti incertezze e il margine di manovra offerto dalla politica di bilancio, l'FMI suggerisce di continuare a sostenere la domanda finché la ripresa non sarà assicurata. Anche le misure di sostegno al mercato del lavoro dovute alla crisi vanno mantenute fino alla ripresa durevole dell'economia allo scopo di salvaguardare posti di lavoro. Nel contempo, il Fondo rammenta che un mantenimento prolungato di tali misure di sostegno potrebbero ostacolare adeguamenti strutturali necessari.

Date le prospettive d'inflazione ancora modeste, raccomanda inoltre di proseguire la politica monetaria espansiva: in caso d'ingenti afflussi di capitali verso la Svizzera e una pressione al rialzo sul franco, questa potrebbe includere anche interventi sul mercato dei cambi. L'FMI consiglia poi di continuare a monitorare sia l'evoluzione dei prezzi degli immobili sia i controlli e gli ammortizzatori di rischio degli attori del mercato finanziario e, se necessario, di adottare misure tempestive.

Gli obiettivi a lungo termine

Sul lungo periodo il Fondo raccomanda di sostenere una crescita digitale e durevole con misure efficaci e mirate. La Svizzera deve disporre di un piano chiaro e verificabile per attuare la strategia climatica. Per gli investimenti che si renderanno necessari, ad esempio, nel sistema energetico, nel settore dei trasporti e nel risanamento degli edifici, bisognerà sfruttare le sinergie con i programmi in corso e garantire un'elevata efficacia ed efficienza delle spese.

Infine, l'FMI reputa importante l'attuazione di ampie riforme volte a garantire sul lungo termine la previdenza per la vecchiaia. In particolare, ha rilevato Horton, suggerisce di aumentare più marcatamente l'età di pensionamento, correlandola alla crescente aspettativa di vita. Il Fondo rileva infine che nei rapporti con l'Unione europea «servono progressi per garantire anche in futuro l'accesso al mercato unico».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-16 02:07:55 | 91.208.130.87