Depositphotos (magone)
L'economia svizzera ha reagito bene alla crisi della pandemia, secondo il Fondo monetario internazionale.
ULTIME NOTIZIE Economia
FRANCIA
16 ore
Kering: stop all'uso di pellicce animali
Nessuna casa di moda del gruppo francese lavorerà più con questo materiale
REGNO UNITO
19 ore
Code ai distributori, per i timori di una carenza di benzina
Le rassicurazioni del Governo britannico non stanno avendo l'effetto sperato
CINA
22 ore
«Tutte le transazioni in criptovaluta sono illegali»
Lo ha comunicato la Banca centrale cinese, ribadendo il proprio pugno duro contro le cripto
CINA
1 gior
Scadenza mancata, Evergrande verso il default
Non ha avuto luogo un pagamento di 83,5 milioni in scadenza ieri, la situazione si fa sempre più cupa
SVIZZERA
1 gior
Sunrise-UPC verso un marchio unico
Lo ha affermato il CEO dell'azienda nata dalla fusione tra Sunrise e UPC, André Krause
SVIZZERA
1 gior
Cinque aziende famigliari svizzere nella Top 100 globale
Quella che occupa la posizione più alta è Roche, al 16esimo posto
UNIONE EUROPEA
1 gior
La mossa europea: un caricatore unico per tutti i dispositivi
Oltre al caricabatterie comune, «non vanno più venduti» nuovi cavi per ogni dispositivo acquistato
STATI UNITI
1 gior
Porti californiani invasi dalle merci
Dopo un drastico cale delle importazioni, il mercato è ripartito alla grande
SVIZZERA
2 gior
Con un nuovo lockdown «sparirebbe una piccola impresa su cinque»
Per il 19% degli imprenditori un nuovo confinamento significherebbe quasi sicuramente la chiusura definitiva
STATI UNITI
2 gior
Facebook e quella multa «strapagata» per salvare Zuckerberg
L'accordo avrebbe impedito di nominare il Ceo nella denuncia legata al caso Cambridge Analytica
Italia
2 gior
In 95mila al Salone nautico e boom di vendite d'imbarcazioni
Alcune marche importanti del settore hanno chiuso anche il 20% di contratti in più rispetto all'anno scorso
SVIZZERA
07.04.2021 - 17:210

Il Fondo monetario internazionale promuove la Svizzera

L'economia nazionale ha reagito bene alla crisi portata dalla pandemia, ma rimarranno delle «cicatrici»

BERNA - Secondo il Fondo monetario internazionale (FMI) finora la Svizzera ha affrontato bene la pandemia di Covid-19. Per l'anno in corso prospetta una crescita del 3,5% e per il prossimo del 2,8%.

I fattori positivi

Nel 2020 il prodotto interno lordo (PIL) elvetico si era contratto del 2,9%, meno fortemente quindi di altre economie europee, rileva l'FMI nella sua valutazione annuale della Svizzera, presentata oggi in una conferenza stampa virtuale organizzata dalla Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI).

Ad attutire il colpo sono stati in particolare la solidità di partenza delle economie domestiche e delle amministrazioni pubbliche, la competitività delle industrie di esportazione (ad esempio chimica e farmaceutica), il settore finanziario esteso e ben capitalizzato, la ridotta dipendenza dai settori ad alto contatto, il sistema sanitario ben organizzato e le misure di contenimento mirate.

Anche la «rapidità, incisività e sostenibilità» delle misure di emergenza a sostegno di redditi e imprese, pari a oltre il 10% del PIL, è stata determinante per contenere il crollo dell'economia, ha affermato nella conferenza stampa virtuale Mark Horton, capo della delegazione dell'FMI che ha esaminato la situazione della Svizzera.

Le «cicatrici» della crisi

Le incertezze restano tuttavia elevate, dominate dalla dinamica della pandemia: gioca un ruolo importante la rapidità con cui viene vaccinata la popolazione e come evolverà la terza ondata. In un modo o nell'altro la crisi lascerà verosimilmente «cicatrici», effetti che resteranno visibili ancora per lungo tempo. Ciò soprattutto in settori in cui la domanda si riprende forse più lentamente (ad esempio ristorazione ed eventi).

Sebbene la disoccupazione, l'indebitamento e le insolvenze non siano aumentati fortemente ciò potrebbe cambiare una volta che termineranno le misure di sostegno della Confederazione. Il fatto che le misure vengano prolungate nel 2021 è giusto, ritiene il Fondo. Tuttavia un maggiore coordinamento tra Berna e i Cantoni potrebbe condurre a soluzioni più efficienti che possono essere attuate più rapidamente.

Il consiglio: sostenere la domanda

Considerate le persistenti incertezze e il margine di manovra offerto dalla politica di bilancio, l'FMI suggerisce di continuare a sostenere la domanda finché la ripresa non sarà assicurata. Anche le misure di sostegno al mercato del lavoro dovute alla crisi vanno mantenute fino alla ripresa durevole dell'economia allo scopo di salvaguardare posti di lavoro. Nel contempo, il Fondo rammenta che un mantenimento prolungato di tali misure di sostegno potrebbero ostacolare adeguamenti strutturali necessari.

Date le prospettive d'inflazione ancora modeste, raccomanda inoltre di proseguire la politica monetaria espansiva: in caso d'ingenti afflussi di capitali verso la Svizzera e una pressione al rialzo sul franco, questa potrebbe includere anche interventi sul mercato dei cambi. L'FMI consiglia poi di continuare a monitorare sia l'evoluzione dei prezzi degli immobili sia i controlli e gli ammortizzatori di rischio degli attori del mercato finanziario e, se necessario, di adottare misure tempestive.

Gli obiettivi a lungo termine

Sul lungo periodo il Fondo raccomanda di sostenere una crescita digitale e durevole con misure efficaci e mirate. La Svizzera deve disporre di un piano chiaro e verificabile per attuare la strategia climatica. Per gli investimenti che si renderanno necessari, ad esempio, nel sistema energetico, nel settore dei trasporti e nel risanamento degli edifici, bisognerà sfruttare le sinergie con i programmi in corso e garantire un'elevata efficacia ed efficienza delle spese.

Infine, l'FMI reputa importante l'attuazione di ampie riforme volte a garantire sul lungo termine la previdenza per la vecchiaia. In particolare, ha rilevato Horton, suggerisce di aumentare più marcatamente l'età di pensionamento, correlandola alla crescente aspettativa di vita. Il Fondo rileva infine che nei rapporti con l'Unione europea «servono progressi per garantire anche in futuro l'accesso al mercato unico».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 12:39:48 | 91.208.130.86