Depositphotos (magone)
L'economia svizzera ha reagito bene alla crisi della pandemia, secondo il Fondo monetario internazionale.
ULTIME NOTIZIE Economia
UNIONE EUROPEA
5 min
Quelli ad Amazon non furono «aiuti di Stato illegali»
Ribaltata la decisione del 2017 della Commissione Ue: «Rifletteremo su possibili mosse successive» ha spiegato Vestager
MONDO
5 ore
WhatsApp, il 15 maggio è quasi arrivato
Quel giorno entrerà in vigore la nuova informativa sulla privacy: in questi mesi si è discusso parecchio
SVIZZERA
6 ore
Archegos e Greensill sono solo "casi": «Abbiamo imparato la lezione»
Così si è espresso il presidente uscente dell'Associazione svizzera dei banchieri Herbert Scheidt.
STATI UNITI
1 gior
I Big Tech spingono per produrre i chip negli USA
Joe Biden ha chiesto al Congresso 50 miliardi, iniziate le operazioni di lobbying
STATI UNITI
1 gior
Il superyacht di Bezos costerà più di 500 milioni di dollari
Sarà lungo circa 127 metri, e avrà tre alberi, oltre ad uno yacht di supporto
MONDO
1 gior
Migros e Coop sono sempre fra i primi 50 dettaglianti al mondo
Le due aziende svizzere hanno difeso la 40esima e la 46esima posizione.
CINA
1 gior
I cinesi sono 1'411'780'000 (ma sono sempre più vecchi)
Il nuovo censimento decennale della Repubblica Popolare svela come il “baby boom” atteso non sia avvenuto, anzi
MONDO
1 gior
Miliardari con neurodiversità: non c'è solo Elon Musk
Uomini di successo come Bill Gross e Richard Branson hanno saputo trarne vantaggio
SVIZZERA
1 gior
Il marchio elvetico con la reputazione migliore? È Ricola
Al secondo posto si situa Migros, al terzo il Touring Club Svizzero (TCS)
REGNO UNITO
2 gior
Nel cricket la rivoluzione si chiama bambù
Che è molto più sostenibile del salice usato solitamente, ma sempre più raro. Basterà per cambiare le tradizioni?
SVIZZERA
2 gior
La formazione continua? Per le PMI «è importante», ma a fatti...
Molte aziende non investono, anzi, risparmiano proprio in questo campo
SVIZZERA
07.04.2021 - 17:210

Il Fondo monetario internazionale promuove la Svizzera

L'economia nazionale ha reagito bene alla crisi portata dalla pandemia, ma rimarranno delle «cicatrici»

BERNA - Secondo il Fondo monetario internazionale (FMI) finora la Svizzera ha affrontato bene la pandemia di Covid-19. Per l'anno in corso prospetta una crescita del 3,5% e per il prossimo del 2,8%.

I fattori positivi

Nel 2020 il prodotto interno lordo (PIL) elvetico si era contratto del 2,9%, meno fortemente quindi di altre economie europee, rileva l'FMI nella sua valutazione annuale della Svizzera, presentata oggi in una conferenza stampa virtuale organizzata dalla Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI).

Ad attutire il colpo sono stati in particolare la solidità di partenza delle economie domestiche e delle amministrazioni pubbliche, la competitività delle industrie di esportazione (ad esempio chimica e farmaceutica), il settore finanziario esteso e ben capitalizzato, la ridotta dipendenza dai settori ad alto contatto, il sistema sanitario ben organizzato e le misure di contenimento mirate.

Anche la «rapidità, incisività e sostenibilità» delle misure di emergenza a sostegno di redditi e imprese, pari a oltre il 10% del PIL, è stata determinante per contenere il crollo dell'economia, ha affermato nella conferenza stampa virtuale Mark Horton, capo della delegazione dell'FMI che ha esaminato la situazione della Svizzera.

Le «cicatrici» della crisi

Le incertezze restano tuttavia elevate, dominate dalla dinamica della pandemia: gioca un ruolo importante la rapidità con cui viene vaccinata la popolazione e come evolverà la terza ondata. In un modo o nell'altro la crisi lascerà verosimilmente «cicatrici», effetti che resteranno visibili ancora per lungo tempo. Ciò soprattutto in settori in cui la domanda si riprende forse più lentamente (ad esempio ristorazione ed eventi).

Sebbene la disoccupazione, l'indebitamento e le insolvenze non siano aumentati fortemente ciò potrebbe cambiare una volta che termineranno le misure di sostegno della Confederazione. Il fatto che le misure vengano prolungate nel 2021 è giusto, ritiene il Fondo. Tuttavia un maggiore coordinamento tra Berna e i Cantoni potrebbe condurre a soluzioni più efficienti che possono essere attuate più rapidamente.

Il consiglio: sostenere la domanda

Considerate le persistenti incertezze e il margine di manovra offerto dalla politica di bilancio, l'FMI suggerisce di continuare a sostenere la domanda finché la ripresa non sarà assicurata. Anche le misure di sostegno al mercato del lavoro dovute alla crisi vanno mantenute fino alla ripresa durevole dell'economia allo scopo di salvaguardare posti di lavoro. Nel contempo, il Fondo rammenta che un mantenimento prolungato di tali misure di sostegno potrebbero ostacolare adeguamenti strutturali necessari.

Date le prospettive d'inflazione ancora modeste, raccomanda inoltre di proseguire la politica monetaria espansiva: in caso d'ingenti afflussi di capitali verso la Svizzera e una pressione al rialzo sul franco, questa potrebbe includere anche interventi sul mercato dei cambi. L'FMI consiglia poi di continuare a monitorare sia l'evoluzione dei prezzi degli immobili sia i controlli e gli ammortizzatori di rischio degli attori del mercato finanziario e, se necessario, di adottare misure tempestive.

Gli obiettivi a lungo termine

Sul lungo periodo il Fondo raccomanda di sostenere una crescita digitale e durevole con misure efficaci e mirate. La Svizzera deve disporre di un piano chiaro e verificabile per attuare la strategia climatica. Per gli investimenti che si renderanno necessari, ad esempio, nel sistema energetico, nel settore dei trasporti e nel risanamento degli edifici, bisognerà sfruttare le sinergie con i programmi in corso e garantire un'elevata efficacia ed efficienza delle spese.

Infine, l'FMI reputa importante l'attuazione di ampie riforme volte a garantire sul lungo termine la previdenza per la vecchiaia. In particolare, ha rilevato Horton, suggerisce di aumentare più marcatamente l'età di pensionamento, correlandola alla crescente aspettativa di vita. Il Fondo rileva infine che nei rapporti con l'Unione europea «servono progressi per garantire anche in futuro l'accesso al mercato unico».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-12 17:22:11 | 91.208.130.87