Cerca e trova immobili

ITALIA Tassa sugli extra-profitti, ripercussioni anche in Europa

08.08.23 - 10:08
Tutti gli istituti bancari italiani stanno subendo perdite. Aprono in calo le principali borse europee.
Reuters
Fonte ATS ANS
Tassa sugli extra-profitti, ripercussioni anche in Europa
Tutti gli istituti bancari italiani stanno subendo perdite. Aprono in calo le principali borse europee.

ROMA - La mossa del governo di Giorgia Meloni - atto a tassare gli extra-profitti delle banche italiane - sta mettendo in difficoltà i titoli degli istituti bancari presenti in borsa: affondano Bper (-11%) e Banco Bpm (-9%), ma soffrono anche Intesa Sanpaolo (-7%), Unicredit (-6%), Mps (-6%), Finco (-6%) Mediolanum (-5%), Mediobanca (-4%) e Banca Generali (-3%).

La tassa sugli extra-profitti bancari sarà applicata sui bilanci 2022 e 2023. Il prelievo del 40% scatta se il margine di interesse registrato nel 2022 eccede del 3% il valore dell'esercizio 2021. La nuova tassa non potrà comunque superare il 25% del patrimonio netto.

Gli analisti sottolineano che «il nuovo impatto simulato è anche superiore alla simulazione che abbiamo eseguito ad aprile» e calcolano che l'utile netto delle banche nel 2023 potrebbe essere ridotto di circa il 10%.

Un effetto domino - Le misure imposte dal governo Meloni hanno avuto ripercussioni anche sulle borse europee. L'indice Stoxx Europe 600 è sceso dello 0,3% in avvio delle contrattazioni. Milano ha aperto in calo dello 0,5%, Parigi dello 0,7%, Londra dello 0,3% e Francoforte dello 0,5% per cento. Milano è arrivata a toccare un calo del 2% mentre le banche venivano sommerse dagli ordini in vendita.

«Consideriamo questa tassa sostanzialmente negativa per le banche sia per l'impatto sul capitale e sugli utili che sul costo di equity delle azioni bancarie», commentano gli analisti di Citigroup. «Detto questo, finora le banche hanno avuto un anno forte dato che i margini di interesse aumentano grazie ai tassi più elevati, quindi è il momento di un sano consolidamento», aggiunge però un analista di Julius Bär.

 

 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

APR-DRONE 11 mesi fa su tio
Lontani da ogni forma di credito - leasing ( affitto di denaro ) carte di debito - credito e ogni altra diavoleria che si inventano e scoprirete di effere liberi. Imparerete a essere parsimognosi e selezionerete meglio gli acwuisti in futuro.

APR-DRONE 11 mesi fa su tio
Risposta a APR-DRONE
*acquisti

max222 11 mesi fa su tio
Comunque quando c'è da fare utili miliardari, se li vogliono tenere tutti, quando invece rischiano il fallimento,si aspettano l'aiuto dello stato che per salvare i correntisti è costretto a prendere in mano la patata bollente.

APR-DRONE 11 mesi fa su tio
Tassare DURO più duro fanno i soldi con il NULLA nel nulla più totale. Come dico da 20 anni statene alla larga.

max222 11 mesi fa su tio
Se ai tuoi soldi danno l'1.50% e loro chiedono il 5% o il6 % è presto fatto l'utile miliardario che gli entra. Visto che lo stato non può imporre a una banca come fare business, gli tassa gli extra profitti che, a detta loro, verranno poi ridistribuiti alle famiglie. Mah vedremo!! Penso sia così.

Busca 11 mesi fa su tio
Come di determinano gli extra profitti? Altra proposta politica impossibile da implementare ma con forte impatto positivo.
NOTIZIE PIÙ LETTE